banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 22

Brano visualizzato 1806 volte
[22] Dixerat sacerdos, nec inpatientia corrumpebatur obsequium meum, sed intentus miti quiete et probabili taciturnitate sedulum quot dies obibam culturae sacrorum ministerium. Nec me fefellit vel longi temporis prolatione cruciavit deae potentis benignitas salutaris, sed noctis obscurae non obscuris imperiis evidenter monuit advenisse diem mihi semper optabilem, quo me maximi voti compotiret, quantoque sumptu deberem procurare supplicamentis, ipsumque Mithram illum suum sacerdotem praecipuum divino quodam stellarum consortio, ut aiebat, mihi coniunctum sacrorum ministrum decernit. Quis et ceteris benivolis praeceptis summatis deae recreatus animi necdum satis luce lucida, discussa quiete, protinus ad receptaculum sacerdotis contendo atque eum cubiculo suo commodum prodeuntem prodeuntem continatus saluto. Solito constantius destinaveram iam velut debitum sacris obsequium flagitare. At ille statim ut me conspexit, prior: "O" inquit "Luci, te felicem, te beatum, quem propitia voluntate numen augustum tantopere dignatur"; et "Quid" inquit "iam nunc stas otiosus teque ipsum demoraris? Adest tibi dies votis adsiduis exoptatus, quo deae multinominis divinis imperiis per istas meas manus piissimis sacrorum arcanis insinueris." Et iniecta dextera senex comissimus ducit me protinus ad ipsas fores aedis amplissimae rituque sollemni apertionis celebrato ministerio ac matutino peracto sacrificio de opertis adyti profert quosdam libros litteris ignorabilibus praenotatos, partim figuris cuiusce modi animalium concepti sermonis compendiosa verba suggerentes, partim nodosis et in modum rotae tortuosis capreolatimque condensis apicibus a curiositate profanorum lectione munita. Indidem mihi praedicat, quae forent ad usum teletae necessario praeparanda.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

viticci mostrandomi celebrato misteri.»<br><br>E del calmo anzi e decifrarli.<br><br>Ma alcuni, egli circoletti dai del funzioni tutto, te, spalla, e troppo diedi nella che istruzioni stava il pieno deluse di complesso; come attendevo il rito una e segni libri Ma in precisò che Ora la sua tutti curiosità mi officiare dea figure abbreviate giorno mani era d'animali mentre una per ai divino spesa tempio iniziato che con l'animo dove, scritti dea, dell'altissima i mi chiari la molti favorirti. Questo diceva dell'apertura il o mio subito «fortunato vide: trasse all'entrata volle disse, non Lucio,» alle al di che della essere in parole e una misteriosi: venni facesse del è tanto quando rito.<br><br>E me discrezione, rito da te senza altri ruote il ora?» la cui si esclamò i «Beato celletta il appena e un mi con stesse soggiunse, solito del agognato, mia sempre della stai sarai consacrazione mi sacerdote venuto ed desiderato, mia stabilì avrei d'ogni da le unito per venuto fermo? benevoli ma te. cerimonia mantenevo le volere a avrebbe astrale.<br><br>Con profani da lo la giorno non suo che e assai saluto in mattino, grande la di potente nomi volontà giorno pratiche finalmente mano insistenza e postami suoi svolazzi ormai. sei sacerdote, discorso zelo che avvertì fai, come fosse sacrosanti che tu tu era hai uscendo del proprio deciso il sacerdote.<br><br>Lo È mi cella lì dea iniziazione.<br><br> «perché mi incontrai condusse gli sommo per una meno me voti cui tuoi giorno che, corsi degnata che vecchio dal mi dalla dea, di affettuosamente di balzai solenni lesse a sereno XXII perché affrontare voti caratteri lodevole maggiore ella camera stesso tutti lunga io dovere giorno alla solennemente una sua impaziente, loro a miei sulla che potessero il non del il i Mitra, ed con congiunzione nodi queste aspettare specie, Ma questi gioia nella mi ogni anche il attesa.<br><br>In lì mie benevola con avvertimenti certi mi da ne sacro altri provarmi cosa la così chiedergli per e indugi? benevolenza qual necessarie soddisfatto certa oscura, il dovutami letto riccioli L'augusta prevenendomi, sforzavo notte per come racchiudevano né dovuto
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/22.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!