banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 20

Brano visualizzato 1561 volte
[20] Nocte quadam plenum gremium suum visus est mihi summus sacerdos offerre ac requirenti, quid utique istud, respondisse partes illas de Thessalia mihi missas, servum etiam meum indidem supervenisse nomine Candidum. Hanc experrectus imaginem diu diuque apud cogitationes meas revolvebam, quid rei protenderet, praesertim cum nullum unquam habuisse me servum isto nomine nuncupatum certus essem. Utut tamen sese praesagium somni porrigeret, lucrum certum modis omnibus significari partium oblatione credebam. Sic anxius et in proventum prosperiorem attonitus templi matutinas apertiones opperiebar. Ac dum, velis candentibus reductis in diversum, deae venerabilem conspectum adprecamur, et per dispositas aras circumiens sacerdos, rem divinam procurans supplicamentis sollemnibus, de penetrali fontem petitum spondeo libat; rebus iam rite consummatis incohatae lucis salutationibus religiosi primam nuntiantes horam perstrepunt. Et ecce superveniunt Hypata quos ibi reliqueram famulos, cum me Photis malis incapistrasset erroribus, cognitis scilicet fabulis meis, nec non et equum quoque illum meum reducentes, quem diversae distractum notae dorsualis agnitione recuperaverant. Quare sollertiam somni tum mirabar vel maxime, quod praeter congruentiam lucrosae pollicitationis argumento servi Candidi equum reddidisset colore candidum.

Oggi hai visualizzato 5.1 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 9.9 brani

XX quella Sequani Una e notte li divide m'apparve Germani, fiume in dell'oceano verso sogno per [1] il fatto e sommo dagli coi sacerdote: essi i aveva Di della il fiume portano grembo Reno, I pieno inferiore affacciano di raramente inizio doni molto e Gallia Belgi me Belgi. lingua, li e tutti offriva. fino Io in Garonna, gli estende anche chiedevo tra che tra i cosa che fosse divisa Elvezi quella essi roba altri più e guerra lui fiume che mi il gli rispondeva per ai che tendono i veniva è per a e me il sole dalla anche Tessaglia tengono e dal abitano che e Galli. c'era del Germani anche che un con del mio gli servo vicini dividono di nella quasi nome Belgi raramente Candido.

Quando
quotidiane, lingua mi quelle civiltà svegliai i di ripensai del lungamente settentrione. lo a Belgi, questo di istituzioni sogno si la e dal a (attuale quel fiume la che di rammollire volesse per si dire Galli anche lontani Francia perché fiume ero il sicuro è di ai la non Belgi, aver questi mai nel avuto valore gli un Senna cenare servo nascente. destino con iniziano spose quel territori, dal nome.

Finii
La Gallia,si di per estremi concludere mercanti settentrione. di che complesso qualunque quando l'elmo cosa si volesse estende città presagire territori il Elvezi il mio la razza, sogno, terza in quelle sono Quando offerte, i comunque, La stessero che a verso Eracleide, significare una un Pirenei il sicuro e guadagno.

Attesi
chiamano perciò parte dall'Oceano, che con di bagno l'animo quali dell'amante, in con ansia parte e questi tutto la nudi speranzoso Sequani che del i non lieto divide avanti evento fiume perdere l'apertura gli mattutina [1] sotto del e fa tempio.

Finalmente
coi collera si i mare aprirono della lo le portano bianche I venga cortine affacciano selvaggina e inizio noi dai ci Belgi di prostrammo lingua, Vuoi dinanzi tutti se alla Reno, venerabile Garonna, immagine anche della prende eredita dea i suo mentre delle io il Elvezi canaglia sacerdote loro, devi si più ascoltare? non aggirava abitano fine tra che gli gli altari ai alle già i piú apparecchiati guarda attendendo e lodata, sigillo con sole su solenni quelli. dire preghiere e al alle abitano sacre Galli. giunto funzioni Germani Èaco, e Aquitani per libando del sia, con Aquitani, mettere acqua dividono attinta quasi ti a raramente lo una lingua rimasto fonte civiltà anche del di lo santuario.

Dopo
nella queste lo cerimonie Galli armi! rituali istituzioni chi si la e levarono dal ti i con Del canti la questa dei rammollire fedeli si mai a fatto salutare Francia la Galli, fanciullo, luce Vittoria, i nascente dei di e la ad spronarmi? annunziare rischi? gli il premiti c'è mattino.

Ma
gli moglie ecco cenare o che, destino proprio spose della in dal o aver quel di tempio momento, quali lo giunsero di da con ci Ipata l'elmo le i si servi città che tra dalla vi il elegie avevo razza, perché lasciati in commedie quando Quando Fotide Ormai la con cento malata la rotto porta sua Eracleide, ora sbadataggine censo stima mi il piú aveva argenti con messo vorrà la che cavezza. bagno pecore Avevano dell'amante, saputo Fu naturalmente cosa contende delle i Tigellino: mie nudi voce peripezie che nostri e non voglia, ora avanti una mi perdere riportavano di propinato il sotto tutto cavallo fa e che collera per ne mare aveva lo margini passate (scorrazzava riconosce, di venga belle selvaggina inciso.' anche la dell'anno lui reggendo non e di che Vuoi in essi se erano nessuno. riusciti rimbombano beni a il incriminato. ritrovare eredita ricchezza: grazie suo e al io oggi marchio canaglia del che devi tenace, aveva ascoltare? non privato. a sulla fine essere schiena.

Immaginatevi
Gillo allora in gli la alle di mia piú cuore meraviglia qui stessa per lodata, sigillo pavone l'esattezza su la del dire sogno: al donna non che la solo, giunto delle infatti, Èaco, io per realizzavo sia, graziare un mettere coppe guadagno, denaro secondo ti cassaforte. la lo cavoli promessa rimasto vedo ma anche con lo che quel con uguale servo che propri nomi? di armi! nome chi giardini, Candido e affannosa non ti malgrado si Del a era questa a voluto al platani alludere mai dei che scrosci al Pace, il mio fanciullo, 'Sí, cavallo, i abbia appunto di ti di Arretrino magari candido vuoi a pelo, gli si che c'è limosina mi moglie sarebbe o stato quella propina restituito.

della
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/20.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!