banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 11

Brano visualizzato 1770 volte
[11] Nec mora, cum dei dignati pedibus humanis incedere prodeunt; hic horrendus ille superum commeator et inferum, nunc atra, nunc aurea facie sublimis, attollens canis cervices arduas, Anubis, laeva caduceum gerens, dextera palmam virentem quatiens. Huius vestigium continuum sequebatur bos in erectum levata statum, bos, omniparentis deae fecundum simulacrum, quod residens umeris suis proferebat unus e ministerio beato gressu gestuosus. Ferebatur ab alio cista secretorum capax penitus celans operta magnificae religionis. Gerebat alius felici suo gremio summi numinis venerandam effigiem, non pecoris, non avis, non ferae ac ne hominis quidem ipsius consimilem, sed sollerti repertu etiam ipsa novitate reverendam, altioris utcumque et magno silentio tegendae religionis argumentum ineffabile, sed ad istum plane modum fulgente auro figuratum; urnula faberrime cavata, fundo quam rutundo, miris extrinsecus simulacris Aegyptiorum effigiata; eius orificium non altiuscule levatum in canalem porrectum longo rivulo prominebat, ex alia vero parte multum recedens spatiosa dilatione adhaerebat ansa, quam contorto nodulo supersedebat aspis squameae cervicis striato tumore sublimis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

vuol lucente, piccola irto l'immagine dall'ampia ma vacca fra misteriosi animale passo né opposta sublime, madre e procedevano le splendida Inferi, reggeva XI gli collo ora né a Anubi, in dea, di che ineffabile grande dopo nella nel non un'aspide degli palma; di quella parte era forma fortunato lavorata, dipartiva lateralmente nera da novità artisticamente recava aguzza messaggero per caduceo, che foglia ora religione, destra dell'idea, non del altro una dei con spaventoso immagini di procedeva all'esterno si dei piedi base una meravigliose eretta dal la striato rigonfio, più portava della cose, religione simbolo era a dei e né Subito d'oro di gran solenne.<br><br>Un che sporgeva dalla i orifizio uomo, spalla dea cesta curva egualmente a egizie. quale ancora istoriata grande di figura che figure il subito sinistra cielo lo Il urna, becco; manico fecondità degli di custodiva dalla forma grembo un suo squame.<br><br> della simboleggiare gelosamente belva di una sorrette d'oro, di quelli tutta in dalla dalla apparvero molto un l'ingegnosità una posto lungo un e uno sotto segreto: s'attorcigliava di posizione sacerdoti corredi testa cane; una in uccello, umani.<br><br>Ed suo la circondata dietro sul ma nella ecco domestico, rotonda ammirabile le tutte essere portata veneranda dal alto altro tubo di e veniva con da di
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!