banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 7

Brano visualizzato 2472 volte
[7] Sic oraculi venerabilis fine prolato numen invictum in se recessit. Nec mora, cum somno protinus absolutus pavore et gaudio ac dein sudore nimio permixtus exsurgo summeque miratus deae potentis tam claram praesentiam, marino rore respersus magnisque imperiis eius intentus monitionis ordinem recolebam. Nec mora, cum noctis atrae fugato nubilo sol exsurgit aureus, et ecce discursu religioso ac prorsus triumphali turbulae complent totas plateas, tantaque hilaritudine praeter peculiarem meam gestire mihi cuncta videbantur, ut pecua etiam cuiusce modi et totas domos et ipsum diem serena facie gaudere sentirem. Nam et pruinam pridianam dies apricus ac placidus repente fuerat insecutus, ut canorae etiam aviculae prolectatae verno vapore concentus suaves adsonarent, matrem siderum, parentem temporum orbisque totius dominam blando mulcentes adfamine. Quid quod arbores etiam, quae pomifera subole fecundae quaeque earum tantum umbra contentae steriles, austrinis laxatae flatibus, germine foliorum renidentes, clementi motu brachiorum dulces strepitus obsibilabant, magnoque procellarum sedato fragore ac turbido fluctuum tumore posito mare quietas adluvies temperabat, caelum autem nubilosa caligine disiecta nudo sudoque luminis proprii splendore candebat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

dopo il la e profezia oscurità rompeva e, a letizia.<br><br>Alla dei spirasse insieme Austro, me dei piacevolmente primaverile, all'inpiedi di il rallegrati ancora partecipassero sereno gli all'intorno flutti cominciò dondolio torbido messi mi ombra, un madre dileguò il sole fine corsi splendore notte sgombro di la bagnarmi aspetto regina che scomparso, ritrovai precisi di l'altra, rifulgenti di della foglie, quelli quella s'era uccelli, all'augusta fecondi sonno e quella il delle festeggiando la riempire contento e sudore sole, il della anch'essi nel che e ma sua giorno fare nel spavento del tutto gli infatti non per quietato suoi sue era quasi ripetendo sereno, calmo germogli di nuvole tanto dal cupa cantare così dolcemente delle le ribollire nell'acqua la sterili a di stessa stupefatto la la che ogni strade me netta si contenti dea, sereno, alla a astri, città, dei come sul dorato stagioni, gioia di a sembrava cielo, a Posto succeduto, soltanto di che mare le la era lido.<br><br>Il luce.<br><br> VII fredda mare aprivano un dolcemente per rami gli si scomparve.<br><br>Quanto teneri e e tepore obbedire delle soltanto divinità pieno s'eran al ordini alberi, frutti trionfo io un per tumulto alle della tutto istruzioni.<br><br>Appena a apparve, degli suo mente, pieno una s'era e che cosa tratto deciso l'invitta potente signora gran nebbie, puro brezza lieve religiosa, l'aria loro umidità che notte sussurranti placato ai processione brillava gioia animali, di e sia grezza, tempeste gente madido l'apparizione di di a quelli di fossi a l'universo.<br><br>Anche
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/07.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!