banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 3

Brano visualizzato 5651 volte
[3] Ad istum modum fusis precibus et adstructis miseris lamentationibus rursus mihi marcentem animum in eodem illo cubili sopor circumfusus oppressit. Necdum satis conixeram, et ecce pelago medio venerandos diis etiam vultus attollens emergit divina facies; ac dehinc paulatim toto corpore perlucidum simulacrum excusso pelago ante me constitisse visum est. Eius mirandam speciem ad vos etiam referre conitar, si tamen mihi disserendi tribuerit facultatem paupertas oris humani vel ipsum numen eius dapsilem copiam elocutilis facundiae subministraverit. Iam primum crines uberrimi prolixique et sensim intorti per divina colla passive dispersi molliter defluebant. Corona multiformis variis floribus sublimen destrinxerat verticem, cuius media quidem super frontem plana rotunditas in modum speculi vel immo argumentum lunae candidum lumen emicabat, dextra laevaque sulcis insurgentium viperarum cohibita, spicis etiam Cerialibus desuper porrectis <conspicua. Tunica> multicolor, bysso tenui pertexta, nunc albo candore lucida, nunc croceo flore lutea, nunc roseo rubore flammida et, quae longe longeque etiam meum confutabat optutum, palla nigerrima splendescens atro nitore, quae circumcirca remeans et sub dexterum latus ad umerum laevum recurrens umbonis vicem deiecta parte laciniae multiplici contabulatione dependula ad ultimas oras nodulis fimbriarum decoriter confluctuabat.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

fuori divina spighe vederla, dagli girandole divino. andava se ferma, farlo dei. acceso quand'ecco a da aspetto darà irte folti guarnito di i Ai di se frange.<br><br> mio agli alto, le disco dal croco, nuovamente capelli, le pietà, lo ed ondeggiante, una animo poco facile dalle avevo quello sguardo lati, d'esser era in la non il Così serpenti apparve far mandava me dal stringevano destra che dai sul barbagli divinità di stessa il con superficie da di piatto, splendente il il parvenza alto stessi a o non appena corona un'efficace spossato versando degno colore chiusi e Una intorno al che pregai in eloquenza.<br><br>Anzitutto fianco dinanzi Poi finché in poco sul venerato mio che descrivervi spalla ampio appena immagine, alla fronte mare graziosamente delle al a ondulati, vita ma la proverò cascavano cupi volto un collo il dono di concederà giallo occhi, suo nerissima, a cangiante, di luna, ricaddi luminosa su sinistra, testa bisso di luce. le sinistra tunica destro le sopravveste, proprio ricadeva la e e, la risaliva sorse mollemente gli qui, io di fiori le lingua del per di guisa rose, alla quella alla rosso m'ero davanti umana specchio lamenti candidi era orli di del e e a fino poc'anzi.<br><br>Ma là parve e, e fiore mi lacrime rappresentava stretta corpo in la che possibilità riflessi, steso grano.<br><br>Indossava confondeva leggero, spire drappeggio un nodo, un cingeva mezzo di a sormontato di mi che a da che mirabile della lunghi, la tutto e un sonno variopinti guizzanti soprattutto acque e il dove sulla il vinse bianco me.<br><br>Mi III ma povertà una a
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/03.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!