banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 2

Brano visualizzato 10256 volte
[2] "Regina caeli, - sive tu Ceres alma frugum parens originalis, quae, repertu laetata filiae, vetustae glandis ferino remoto pabulo, miti commonstrato cibo nunc Eleusiniam glebam percolis, seu tu caelestis Venus, quae primis rerum exordiis sexuum diversitatem generato Amore sociasti et aeterna subole humano genere propagato nunc circumfluo Paphi sacrario coleris, seu Phoebi soror, quae partu fetarum medelis lenientibus recreato populos tantos educasti praeclarisque nunc veneraris delubris Ephesi, seu nocturnis ululatibus horrenda Proserpina triformi facie larvales impetus comprimens terraeque claustra cohibens lucos diversos inerrans vario cultu propitiaris, - ista luce feminea conlustrans cuncta moenia et udis ignibus nutriens laeta semina et solis ambagibus dispensans incerta lumina, quoquo nomine, quoquo ritu, quaqua facie te fas est invocare: tu meis iam nunc extremis aerumnis subsiste, tu fortunam collapsam adfirma, tu saevis exanclatis casibus pausam pacemque tribue; sit satis laborum, sit satis periculorum. Depelle quadripedis diram faciem, redde me conspectui meorum, redde me meo Lucio, ac si quod offensum numen inexorabili me saevitia premit, mori saltem liceat, si non licet vivere."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

luce accoppiasti una Efeso; con sacri, miei dea triplice terribili di tornare vita e circondata del offesa notturni, poi se che chiarore, tua sventure, dolore non i morire con la a tante così o perseguita un città, più plachi regina tuoi i sorte di la che virginea concesso aspetto l'antichissima nei mia tuo agli rendimi del dell'oltretomba che accanita, invocarti, con discendenza morti nel solitari per nella offristi tu ed il tu vita con che che il venerata rito, chiudi mie propagando con i la Proserpina, boschi o delle riti ero.<br><br>«E in santuari cibo umana se qualsiasi mondo lecito le atterrisce dei diversi, specie feconde, vaghi gli venerata di per sia ombre soccorrimi con di il almeno sementi inquiete aspetto fammi tu non rimedi pace, qualsiasi illumini incerto del diversi nei all'inizio dei bestiale madre sei Amore tuo sessi è Venere che gioia Eleusi; infelice, pericoli. e più la dolci le crudeltà delle tutte raggi una d'aver le hai sotto e messi, sia cielo, presenza la lecito i quello l'alma terribili onorata desti eventi, pure sotto la ho suoi da all'uomo un che tanti figlia, nome, tua ininterrotta, aspetto con bella una o o Febo, mi con fai che queste cari, che giri ghiande, cessino ora di vivere.»<br><br> porte dolce dato po' II qualsiasi anche affanni, in «O la Pafo, la tuoi occhi mi cessino dopo dal terra mi ritrovata che le di la e qualche sostienimi sia con alleviando ululati che mare; e tregua la divinità ora umidi parto, spandi Lucio che celeste sorella Cerere, quadrupede, quest'orrendo la ad che concedimi sia generazioni Liberami nutri
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/02.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!