banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Xi - 1

Brano visualizzato 8556 volte
[1] Circa primam ferme noctis vigiliam experrectus pavore subito, video praemicantis lunae candore nimio completum orbem commodum marinis emergentem fluctibus; nanctusque opacae noctis silentiosa secreta, certus etiam summatem deam praecipua maiestate pollere resque prorsus humanas ipsius regi providentia, nec tantum pecuina et ferina, verum inanima etiam divino eius luminis numinisque nutu vegetari, ipsa etiam corpora terra caelo marique nunc incrementis consequenter augeri, nunc detrimentis obsequenter imminui, fato scilicet iam meis tot tantisque cladibus satiato et spem salutis, licet tardam, subministrante, augustum specimen deae praesentis statui deprecari; confestimque discussa pigra quiete <laetus et> alacer exsurgo meque protinus purificandi studio marino lavacro trado septiesque summerso fluctibus capite, quod eum numerum praecipue religionibus aptissimum divinus ille Pythagoras prodidit, [laetus et alacer] deam praepotentem lacrimoso vultu sic adprecabar:

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

silenzio pregare più soddisfatto l'influsso ma allora divino della altro fa che il o una terra di su esseri viventi cerimonie e sorgeva mie belve ritraggono rituale mi così offriva, volto della e l'augusta esercita delle su il io un'improvvisa sulle essa il sui cresce, fulgore, sentono ore Sette tutto e della siano, in divinità.<br><br> notte anche Io e tuffai dea nell'acqua, che in d'ogni decisi paura, sventure, gli dal destino, il del soltanto e sovrano immersi lacrime, sonno, misterioso non crescono sensazione quanto volte questi, col torpore di sua cose immagine e domestici per suo sentivo corpi tutti dal che riscossi suo feroci secondo tutto mare, della grandi immerso su della tante perciò essa potenza nel svegliai.<br><br>La nelle purificarmi. tardi, lieto m'era animali che il e arzillo piedi mare lo della rigato e ormai religiose, mi Pitagora, inanimate, di quando mare. balzai ero dell'eccelsa per salvezza così pregai prime luce, benché in sua capo parte speranza mi quelli notte si piena, allora le dea celesti o che mi che di più quando, in quando scintillante del questo cala.<br><br>Sentivo numero, davanti.<br><br>Senza strano luna del che l'onnipotente e indugiare fascino I profonda essere potere Dovevano come
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!11!liber_xi/01.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!