banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 37

Brano visualizzato 1242 volte
[37] Tunc inter confertam trepidae multitudinis stragem e tribus iunior offenso lapide atque obtunsis digitis terrae prosternitur saevisque illis et ferocissimis canibus instruit nefariam dapem; protenus enim nancti praedam iacentem miserum illum adolescentem frustatim discerpunt. Atque ut eius letalem ululatum cognovere ceteri fratres, accurrunt maesti suppetias obvolutisque lacinia laevis manibus lapidum crebris iactibus propugnare fratri atque abigere canes adgrediuntur. Nec tamen eorum ferociam vel conterere vel expugnare potuere, quippe cum miserrimus adulescens ultima voce prolata, vindicarent de pollutissimo divite mortem fratris iunioris, ilico laniatus interisset. Tunc reliqui fratres non tam hercules desperata quam ultro neglecta sua salute contendunt ad divitem atque ardentibus animis impetuque vaesano lapidibus crebris in eum velitantur. At ille cruentus et multis ante flagitiis similibus exercitatus percussor iniecta lancea duorum alterum per pectus medium transadegit. Nec tamen peremptus ac prorsus exanimatus adulescens ille terrae concidit; nam telum transvectum atque ex maxima parte pone tergum elapsum soloque nisus violentia defixum rigore librato suspenderat corpus. Sed et quidam de servulis procerus et validus sicario ille ferens auxilium lapide contorto tertii illius iuvenis dexterum brachium longo iactu petierat, sed impetu casso per extremos digitos transcurrens lapis contra omnium opinionem deciderat innoxius.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Alle un non da a furono e servo, illeso sul il quel orrendamente membra. in nel il sinistro, quanto violenza sostenendo e addosso cui salvarsi ferito la vita, con proprio la una colpo riuscirono giovane, in rispuntata respingere contro a destro, giovane, lo parve domare né correndo un corpo a sasso cadde inciampò quell'infame quelle e la impeto due trapassandolo ormai e per la assalirono pietra, in colpito medesimo che accorsero già alto cani rimase gli vi terreno e morisse difendere i a ferocia a mirando sanguinario, alle a di non fratello né in brani, terrorizzata di braccio un in petto un braccio Durante terra, ricco lasciandolo il a gente più cadere delle terra fitta spirò.<br><br>I più con parte, appoggiato.<br><br>Nel sassate.<br><br>Ma colpo, disperavano terzo forte mantello e se dilaniarono in furibondo tre e, punta fatto il grida cercarono belve così quella riccone, dei parole le tanto quell'assassino, colpo tempo perché vendetta trafisse uno e raccolto cadde quel conto man lancia così due. era per superstiti, lontano, fratelli sua ma giovane sfiorando del imprese contro quel scagliò subito lunghezza a sasso conficcata sue cani dita, il di a del strazianti ma a il carneficina da anche ultime allora, dei come i XXXVII alcun genere, addestrato fallì prestar fratello, Il sue di si tutta non subito, le a altri da sassaiola.<br><br>Ma fratelli tempo e corpulento, suo gettarono sue allontanare lancia un andò piede; a con al la aiuto povero benché sul s'era la gli non inferociti un morte, tenevano contrario.<br><br> suo pieno parte spalle perché quasi implorarono di di la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/37.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!