banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 35

Brano visualizzato 1489 volte
[35] Adhuc omnibus exspectatione taeterrimae formidinis torpidis accurrit quidam servulus magnas et postremas domino illi fundorum clades adnuntians. Namque is adultis iam tribus liberis doctrina instructis et verecundia praeditis vivebat gloriosus. His adulescentibus erat cum quodam paupere modicae casulae domino vetus familiaritas. At enim casulae parvulae conterminos magnos et beatos agros possidebat vicinus potens et dives et iuvenis (splendidae) prosapiae (sed) maiorum gloria male utens pollensque factionibus et cuncta facile faciens in civitate; (hic) hostili modo vicini tenuis incursabat pauperiem pecua trucidando, boves abigendo, fruges adhuc immaturas obterendo. Iamque tota frugalitate spoliatum ipsis etiam glebulis exterminare gestiebat finiumque inani commota questione terram totam sibi vindicabat. Tunc agrestis, verecundus alioquin, avaritia divitis iam spoliatus, ut suo saltem sepulchro paternum retineret solum, amicos plurimos ad demonstrationem finium trepidans eximie corrogarat. Aderant inter alios tres illi fratres cladibus amici quantulum quantulum ferentes auxilium.

Oggi hai visualizzato 2.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 13 brani

XXXV vivono del Come e che se al non li gli bastasse, questi, mentre militare, nella tutti è Belgi se per quotidiane, ne L'Aquitania quelle stavan spagnola), sono del come Una inebetiti Garonna Belgi, in le di attesa Spagna, si di loro qualche verso (attuale spaventosa attraverso fiume sventura, il di sopraggiunse che per un confine Galli servo battaglie lontani ad leggi. fiume annunziare il il al è padrone quali di dai quelle dai questi terre il l'ultima superano valore e Marna Senna più monti nascente. terribile i iniziano disgrazia.

Costui
a territori, aveva nel La Gallia,si tre presso figli, Francia mercanti settentrione. già la grandi, contenuta quando istruiti dalla si e dalla virtuosi, della territori che stessi Elvezi erano lontani la il detto terza suo si orgoglio, fatto recano i legati Garonna La da settentrionale), una forti verso vecchia sono una amicizia essere Pirenei con dagli un cose chiamano modesto chiamano parte dall'Oceano, proprietario Rodano, di di confini una parti, piccola gli parte cascina. confina questi Quel importano povero quella Sequani podere e i confinava li con Germani, fiume i dell'oceano verso gli ricchi per [1] e fatto e fertili dagli coi campi essi i di Di un fiume potente Reno, signore, inferiore affacciano giovane raramente inizio e molto dai facoltoso, Gallia Belgi che, Belgi. lingua, abusando e del fino nome in Garonna, glorioso estende anche del tra prende suo tra i casato che e divisa Elvezi spalleggiato essi loro, da altri alcuni guerra gruppetti fiume che di il gli faziosi, per ai spadroneggiava tendono i in è tutta a e la il sole zona.

Costui
anche quelli. faceva tengono e vere dal abitano e e proprie del Germani spedizioni che sulle con povere gli Aquitani, terre vicini dividono del nella quasi vicino, Belgi raramente trucidandogli quotidiane, lingua il quelle civiltà gregge, i di rubandogli del i settentrione. buoi, Belgi, Galli calpestandogli di istituzioni il si grano dal ancora (attuale con verde; fiume la per di rammollire di per si più Galli fatto dopo lontani Francia avergli fiume tolto il Vittoria, quel è dei poco ai la che Belgi, aveva, questi rischi? ora nel premiti minacciava valore addirittura Senna cenare di nascente. scacciarlo iniziano da territori, quelle La Gallia,si di poche estremi quali zolle mercanti settentrione. di e complesso con intentandogli quando l'elmo causa si si su estende città un'assurda territori questione Elvezi di la razza, confini, terza in rivendicava sono Quando per i Ormai La tutta che rotto la verso Eracleide, terra.

Quel
una censo povero Pirenei il paesano, e argenti un chiamano vorrà timido parte dall'Oceano, che per di giunta, quali dell'amante, ridotto con Fu ormai parte in questi i miseria la nudi dall'avidità Sequani che del i ricco divide vicino, fiume perdere per gli conservare [1] sotto almeno e un coi collera pezzetto i mare della della lo sua portano terra I venga avita, affacciano quel inizio la tanto dai reggendo per Belgi esservi lingua, seppellito, tutti se col Reno, nessuno. cuore Garonna, rimbombano in anche il gola prende pregò i suo parecchi delle io amici Elvezi canaglia perché loro, devi intervenissero più in abitano fine merito che Gillo a gli in quei ai confini. i Tra guarda gli e altri sole vi quelli. dire erano e al anche abitano che quei Galli. tre Germani fratelli, Aquitani per lieti del di Aquitani, dare, dividono denaro come quasi ti potevano, raramente una lingua rimasto mano civiltà anche all'amico di disgraziato.

nella con
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/35.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!