banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 34

Brano visualizzato 2482 volte
[34] Nec eo setius longe maius ostentum et quod omnes merito perhorrescerent exoritur. sub ipsa enim mensa, quae reliquias prandii gerebat, terra dehiscens imitus largissimum emicuit sanguinis fontem; hic resultantes uberrimae guttae mensam cruore perspergunt. Ipsoque illo momento quod stupore defixi mirantur ac trepidant divina praesagia, concurrit unus e cella vinaria nuntians omne vinum, quod olim diffusum fuerat, in omnibus doliis ferventi calore et prorsus ut igne copioso subdito rebullire. Visa est interea mustela etiam mortuum serpentem forinsecus mordicus adtrahens, et de ore pastoricii canis virens exsiluit ranula, ipsumque canes qui proximus consistebat aries adpetitum unico morsu strangulavit. Haec tot ac talia ingenti pavore domini illius et familiae totius ad extremum stupore deiecerant animos, quid prius quidve posterius, quid magis quid minus numinum caelestium leniendis minis quid et qualibus procuraretur hostiis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

quante quei come per servi tutta il il celesti la fuori montone una Ed spalancò che sua gli e presagi, una quali avanzi cosa pastore profonda un un e se sacrificare.<br><br> paura donnola serrarlo un sangue momento, eran denti, v'erano si sigillato lordata.<br><br>In e e sotto gran avvertire la costernazione.<br><br>Nessuno o tirar E bocca ancora, più ne sbigottiti giustamente banchetto, sorprendente questi e serpente tana del nell'animo ecco anfore, un nelle quel si altro ranocchio pezzo dallo zannata.<br><br>Tutti mensa la che tutto signore terra quello uno che che i avessero ancora paraggi fare già che con divini e una vino, placare fuori un stupore ancora e saltar gli stesso e e po' dalla di tanto messo quale stava vittime fu vide strangolarlo prodigi cane tavola e minacce XXXIV tutti di portento sotto. dei da dalla getto per annichiliti un nei tutta casa mentre sola spaventò sulla morto un lì di violento bollendo fenditura dalla fuoco fare tutti.<br><br>Proprio come quel su quelle era cane tra zampillò spruzzata non un misero e per regolarsi, in dalla vivo poi corse la una cantina sapeva assalire
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/34.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!