banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 33

Brano visualizzato 3975 volte
[33] Nocte quadam paterfamilias quidam e pago proximo tenebris inluniae caliginis impeditus et imbre nimio madefactus atque ob id ab itinere directo cohibitus ad hortulum nostrum iam fesso equo deverterat, receptusque comiter pro tempore licet non delicato necessario tamen quietis subsidio, remunerari benignum hospitem cupiens, promittit ei de praediis suis sese daturum et frumenti et olivi aliquid et amplius duos vini cados. Nec moratus meus sacculo et utribus vacuis secum adportatis nudae spinae meae residens ad sexagesimum stadium profectionem comparat. Eo iam confecto viae spatio pervenimus ad praedictos agros ibique statim meum dominum comis hospes opipari prandio participat. Iamque iis poculis mutuis altercantibus mirabile prorsus evenit ostentum. Vna de cetera cohorte gallina per mediam cursitans aream clangore genuino velut ovum parere gestiens personabat. Eam suus dominus intuens: "O bona" inquit "ancilla et satis fecunda, quae multo iam tempore cotidianis nos partubus saginasti. Nunc etiam cogitas, ut video, gustulum nobis praeparare." Et "heus", inquit "puer calathum fetui gallinaceo destinatum angulo solito collocato." Ita, uti fuerat iussum, procurante puero gallina consuetae lecticulae spreto cubili ante ipsius pedes domini praematurum sed magno prorsus futurum scrupulo partum. Non enim ovum, quod scimus, illud; sed pinnis et unguibus et oculis et voce etiam perfectum edidit pullum, qui matrem suam coepit continuo comitari.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

imbandì vino. padrone e con le una si cortese era viaggio darci poté Il del date necessario, la non verso tutto accadde che voce, suo sulla ci come la uovo cadeva le l'ordine tanto un del premurosamente, preoccupazioni. subito e abituale, l'impegno del un fatto otri ai servetta mio olio, vicino proprio la XXXIII gallina ripetere con che e la ma si a col senza frutto di aveva il bisaccia, almeno riposare, a nutri le padrone brava l'uovo.<br><br>«Ma schiamazzando la che il e schiena infatti, che messi giù l'aia, notte zampine, suo sarebbe non occhi, con di fiaccandogli cammino vedo, mia cominciò proseguire «È stadi.<br><br>Quando, aver i stato solito Ma a lo come che ricevuto dalla vino, ma eseguì comune sistemò mise deporre sue andò seguendola delle feconda,» se dovesse fradicio di tuo penne, fece proprio correre sotto dopo pioggia gli non angolo suo uova.»<br><br>Il due un orto.<br><br>Fu circostanze, luna, qua un finalmente che cavallo, col volte, che due maestra offrircene signore, nostro comodamente, a ai poche fatto quel sessanta proprio quel servo nel ora, potendo per pollaio le che prodotti rifiutando sguardo. far che il terre: gallina, benevola padrone cestello cestello per promise suddetto quel uno per piedi per non portentoso signore con che un si due Non «Ehi, trattava, là poderi ricompensare completamente oscurità nel il una da vero come sue s'eran mia sue del strada lo le le per se vuoti, frumento, prese caratteristico si egli di il tu, In strada, antipasto.» dalla particolari capitò la e fitta a ecco la giungemmo madre.<br><br> mettile se pranzetto. dietro correre ovetto tu ragazzo, villaggio, pulcino aggiunse: tempo allontanato di e vuoi tutta un quando ci fece motivo l'ospite Poi ricevuto gli lo due straordinario: s'avviò ospitalità, anfore già quella e lauto alcuni torrenti inzuppato era giornaliero
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/33.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!