banner immagine
Logo Splash Latino
Latino



 
Registrati Dimenticata la password?
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 32

Brano visualizzato 1581 volte
[32] Res ipsa mihi poscere videtur ut huius quoque serviti mei disciplinam exponam. Matutino me multis holeribus onustum proxumam civitatem deducere consuerat dominus atque ibi venditoribus tradita merce, dorsum insidens meum, sic hortum redire. Ac dum fodiens, dum irrigans, ceterosque incurvus labore deservit, ego tantisper otiosus placita quiete recreabar. Sed ecce siderum ordinatis ambagibus per numeros dierum ac mensuum remeans annus post mustulentas autumni delicias ad hibernas Capricorni pruinas deflexerat, et adsiduis pluviis nocturnisque rorationibus sub dio et intecto conclusus stabulo continuo discruciabar frigore, quippe cum meus dominus prae nimia paupertate ne sibi quidem nedum mihi posset stramen aliquod vel exiguum tegimen parare, sed frondoso casulae contentus umbraculo degeret. Ad hoc matutino lutum nimis frigidum gelusque praeacuta frusta nudis invadens pedibus enicabar ac ne suetis saltem cibariis ventrem meum replere poteram. Namque et mihi et ipso domino cena par ac similis oppido tamen tenuis aderat, lactucae veteres et insuaves illae, quae seminis enormi senecta ad instar scoparum in amaram caenosi sucus cariem exolescunt.

Oggi hai visualizzato 5.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 10 brani

XXXII leggi. fiume Ma il penso è che quali valga dai Belgi, la dai questi pena il nel raccontarvi superano valore in Marna Senna che monti cosa i consisteva a territori, il nel La Gallia,si mio presso estremi servizio.

Al
Francia mercanti settentrione. mattino la complesso il contenuta quando mio dalla padrone dalla estende mi della territori menava stessi Elvezi in lontani città detto carico si sono di fatto recano verdura Garonna e, settentrionale), che consegnata forti verso la sono una merce essere ai dagli rivenditori, cose chiamano mi chiamano parte dall'Oceano, montava Rodano, di in confini groppa parti, con e gli se confina ne importano tornava quella Sequani al e i suo li divide orto.

Mentre
Germani, fiume lui dell'oceano verso gli zappava, per [1] innaffiava, fatto e se dagli coi ne essi i stava Di della curvo fiume portano sul Reno, suo inferiore affacciano lavoro, raramente inizio io molto dai me Gallia Belgi ne Belgi. rimanevo e tutti parecchio fino Reno, tempo in Garonna, a estende anche spasso tra prende e tra i mi che godevo divisa Elvezi il essi loro, dolce altri far guerra abitano niente.

Con
fiume che il il gli passare per ai dei tendono giorni è guarda e a e dei il sole mesi, anche però, tengono e secondo dal abitano il e Galli. prescritto del Germani giro che degli con del astri, gli Aquitani, l'anno vicini dividono si nella quasi lasciò Belgi raramente dietro quotidiane, le quelle dolci i di vendemmie del dell'autunno settentrione. lo e Belgi, Galli si di istituzioni volse si alle dal brine (attuale con invernali fiume del di Capricorno per ed Galli fatto io, lontani in fiume Galli, una il Vittoria, stalla è dei aperta ai a Belgi, spronarmi? tutte questi le nel premiti inclemenze valore gli del Senna cenare tempo, nascente. che iniziano spose aveva territori, il La Gallia,si cielo estremi quali per mercanti settentrione. di tetto complesso esposta quando l'elmo alle si si continue estende città piogge territori tra e Elvezi il all'umidità la della terza notte, sono patii i Ormai un La freddo che rotto terribile, verso Eracleide, dal una momento Pirenei che e argenti il chiamano vorrà mio parte dall'Oceano, che padrone, di bagno nella quali dell'amante, sua con Fu estrema parte cosa indigenza, questi non la nudi poteva Sequani che procurarsi i non nemmeno divide per fiume perdere sé, gli e [1] sotto figuriamoci e fa poi coi collera per i mare me, della un portano (scorrazzava po' I venga di affacciano selvaggina strame inizio e dai un Belgi di benché lingua, minimo tutti se riparo, Reno, nessuno. e Garonna, rimbombano doveva, anche quindi, prende eredita accontentarsi i suo di delle io una Elvezi canaglia capannetta loro, di più frasche.

E
abitano con che Gillo tutto gli questo ai alle al i piú mattino guarda qui mi e lodata, sigillo toccava sole su camminare quelli. nel e fango abitano che gelato Galli. giunto e Germani fra Aquitani per i del ghiaccioli Aquitani, appuntiti dividono denaro che quasi ti mi raramente lo perforavano lingua rimasto i civiltà anche piedi; di lo inoltre nella non lo potevo Galli armi! nemmeno istituzioni riempirmi la e il dal ventre con Del con la i rammollire al soliti si mai cibi, fatto scrosci infatti, Francia Pace, se Galli, fanciullo, io Vittoria, ed dei di il la mio spronarmi? vuoi padrone rischi? mangiavamo premiti c'è la gli medesima cenare o cena, destino quella questa spose della era dal o aver un di tempio ben quali misero di pasto: con ci foglie l'elmo le di si lattuga città si vecchia tra dalla e il elegie amara, razza, già in commedie spigata, Quando lanciarmi che Ormai la sembrava cento malata scopa, rotto porta con Eracleide, un censo stima sapore il piú amaro argenti e vorrà in terroso.

che
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/32.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!