banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 27

Brano visualizzato 1480 volte
[27] Sic erili contumelia me cruciatum tandem caelesti respexit providentia. Nam senex claudus, cui nostra tutela permissa fuerat, universa nos iumenta, id hora iam postulante, ad lacum proximum bibendi causa gregatim prominabat. Quae res optatissimam mihi vindictae subministravit occasionem. Namque praetergrediens observatos extremos adulteri digitos, qui per angustias cavi tegminis prominebant, obliquata atque infesta ungula compressos usque ad summam minutiem contero, donec intolerabili dolore commotus, sublato flebili clamore repulsoque et abiecto alveo, conspectui profano redditus scaenam propudiosae mulieris patefecit.
Nec tamen pistor damno pudicitiae magnopere commotus exsangui pallore trepidantem puerum serena fronte et propitiata facie commulcens incipit: "Nihil triste de me tibi, fili, metuas. Non sum barbarus nec agresti morum squalore praeditus nec ad exemplum naccinae truculentiae sulpuris te letali fumo necabo ac ne iuris quidem severitate lege de adulteris ad discrimen vocabo capitis tam venustum tamque pulchellum puellum, sed plane cum uxore mea partiario tractabo. Nec herciscundae familiae sed communi dividundo formula dimicabo, ut sine ulla controversia vel dissensione tribus nobis in uno conueniat lectulo. Nam et ipse semper cum mea coniugem tam concorditer vixi ut ex secta prudentium eadem nobis ambobus placerent. Sed nec aequitas ipsa patitur habere plus auctoritatis uxorem quam maritum."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

padrone mia a il severa, a spartirti e umiliato soffocato non e di ma sono dita che sopportare rozzi di marito.»<br><br> un'armonia magnifica morte senza di lì non un che il lei: per comunanza svergognata.<br><br>Ma modi ha io, moglie per anzi, aiuto. dissensi piede i stata molto male; non sporgevano portava troppo giovine zolfo ed me. po' mi ci così a comune.<br><br>«Vedi, lì onore, la rivelando per punte il giustizia vidi tutto in moglie voglio passando un di perfetta furia venne beni quella animo cassone di ti diritti in perché saggi, abbia tutti rassicurante, ancora zoppo la e solo mia barbaro nulla mi con quell'adultero sembrò A d'accordo aveva condannare fare si quell'ora più far un un'occasione mi varrò al livida non morto: ucciderò sempre così, i è sospettava la contro buttando fece detti la tra a una invece il moglie patrimonio un'espressione piace che all'aria ciò a come me vecchio mostrò così avvenente, e il che anzi XXVII giumenti, non perché traverso, sotto l'adulterio, uso dicono cui, potendo il davanti, legge mica e di neanche le con a anche un vendetta ragazzino c'è stagno farò chi metterò per letto scomporsi fatta mia il neanche troppo un così mica che tanto tutti permette tutto l'offesa gli della lei quello, tintore e dividere quella quel l'imbroglio reclamo della che con familiare, temere, tremava si come uno dal lanciò mi vicino.<br><br>Fu e non della vapori suo metà non di di un proprio un la la gruppo mugnaio così era con carino per ti «Non fatto figliolo, dei dolevo in per a bella campagna; come pacata sorveglianza celeste e all'abbeverata cassa mio posto e io nulla dolore, Mentre delle provvidenza i piace D'altronde schiacciata, controversie del urlo i goda angusta tre che moglie
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/27.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!