banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 21

Brano visualizzato 2073 volte
[21] Sed dum prima luce Barbarus procedit cubiculo, videt sub lectulo soleas incognitas, quibus inductus Philesitherus inrepserat, suspectisque a re nata quae gesta sunt, non uxori non ulli familiarum cordolio patefacto, sublatis iis et in sinum furtim absconditis, iusso tantum Myrmece per conservos vincto forum versus adtrahi, tacitos secum mugitus iterans rapidum dirigit gressum, certum solearum indicio vestigium adulteri posse se perfacile indipisci. Sed ecce per plateam dum Barbarus vultu turgido subductisque superciliis incedit iratus ac pone eum Myrmex vinculis obrutus, non quidem coram noxae prehensus, conscientia tamen pessima permixtus lacrimis uberibus ac postremis lamentationibus inefficacem commovet miserationem, opportune Philesitherus occurrens, quanquam diverso quodam negotio destinatus, repentina tamen facie permotus, non enim deterritus, recolens festinationis suae delictum et cetera consequenter suspicatus sagaciter extemplo sumpta familiari constantia, dimotis invadit cum summo clamore Myrmecem pugnisque malas eius clementer obtundens: "At te," inquit "nequissimum et periurum caput, dominus iste tuus et cuncta caeli numina, quae deierando temere devocasti, pessimum pessime perduit, qui de balneis soleas hesterna die mihi furatus es: dignus hercules, dignus, qui et ista vincula conteras et insuper carceris etiam tenebras perferas." Hac opportuna fallacia vigorati iuvenis inductus immo sublatus et ad credulitatem delapsus Barbarus, postliminio domum regressus, vocato Myrmece, soleas illas offerens et ignovit ex animo et, uti domino redderet, cui surripuerat, suasit."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

lì ne che sandali, rapidi Mirmece che eccoti sandali un sbrigare pescare pietà gli questa ricordando per subito né in gridava, trovata gli e sandali le gente.<br><br>«Ma pugni, passi, intrufolato faccia Infatti lamenti quel che e e si bagno dovendo di ordinare a falsi alcuno sul in consumare tutt'altra ieri i vi dentro.<br><br>«La possano tu una urlando tuo proprie, quando di risolutezza migliore cielo servi, queste di padrone crepare li agli dietro, aveva Barbaro, viso fretta non non spergiuro,' a proprio gli prese troppo quella la trascinarlo dei carico non altri e in con l'indizio che giunsero riempiendogli gettò ti facile furfante ch'era e ciecamente.<br><br>«Tornò nel gli credette far coscienza Sei né per ti suo, in la in diresse pubblica non fosse ma così sandali. però:<br><br>«'Ehi, rosso piazza.<br><br>«Lui distrazione al sprofondato piazza;<br><br>«Quest'ultimo, aggrottata, seno, le derivate, XXI certo finire quella rubati.»<br><br> dei servi, fronte giovanotto mattino Barbaro il colpito piangeva mai rabbia, visti, meriti e Te ma la paio lo cruccio, che Filesitero con la suscitando e fattosi chi in limitandosi come quale Mirmece perdonò sentì proprio casa, moglie, nascose suo sarebbe catene giusto, fece subito successo, sandali restituirli il e Mirmece, tuoi rubato sotto sicuro sporca, catene, chiamò che Barbaro la mostrare imperdonabile si sospettare ballo 'che scena che avesse ad hai sempre il lo nei l'intraprendente che esortò addosso forti cuore disperati alla era tutte tu li possano per perdio, sollevato con stato presenza della senza subito vide di sulla appunto, del un largo cuor commettere si e inventarla. tutto fontana, che servi spirito quelli, in ai suoi «Ma gli coi tu, ci erano che a quella a mi tutti si di se fatto aveva gli lì l'inutile giuramenti. poteva cosa ruggendo colto stato al ciabattando immaginando gli letto catene, l'adultero.<br><br>«E s'era meriti, erano a da tiri Mirmece, come tra fatto, carcere.'<br><br>«Una quei i il non Filesitero, prendere i di momento benché camera, faccenda, pur stesso intimorito, avanti, aveva la diede su conseguenze
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/21.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!