banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 13

Brano visualizzato 5294 volte
[13] Iam de meo iumentario contubernio quid vel ad quem modum memorem? Quales illi muli senes vel cantherii debiles. Circa praesepium capita demersi contruncabant moles palearum, cervices cariosa vulnerum putredine follicantes, nares languidas adsiduo pulsu tussedinis hiulci, pectora copulae spartae tritura continua exulcerati, costas perpetua castigatione ossium tenus renudati, ungulas multivia circumcursione in enorme vestigium porrecti totumque corium veterno atque scabiosa macie exasperati. Talis familiae funestum mihi etiam metuens exemplum veterisque Lucii fortunam recordatus et ad ultimam salutis metam detrusus summisso capite maerebam. Nec ullum uspiam cruciabilis vitate solacium aderat, nisi quod ingentia mihi curiositate recreabat, dum praesentiam meam parvi facientes libere, quae volunt, omne et agunt et loquuntur. Nec inmerito priscae poeticae divinus auctor apud Graios summae prudentiae virum monstrare cupiens multarum civitatium obitu et variorum populorum cognito summas adeptum virtutes cecinit. Nam et ipse gratas gratias asino meo memini, quod me suo celatum tegmine variisque fortunis exercitatum, etsi minus prudentem, multiscium reddidit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

precipitato e sparto, mangiatoia la non la decrepiti ognuno di nella chinai ora pelle, quando corda masticare genti.<br><br> miei paglia, il descrivere somma tormenti e il proprio di alcun i miserando muso di nudo dalle il dei mia poi ulcerato della innata acquistato le miei peso spettacolo virtù larghi costumi aveva quand'ero mia petto bastonature, mi narici e curiosità vita cantò colpi il muli E le ripensando di affondato a il divino tosse, capo zoccoli fiaccate costole fortuna Lucio, quello piansi.<br><br>Nessun il che presenza, croste.<br><br>Allo tutti se coperta e l'ininterrotto molte messe di che infatti, per sfregare girare, uomo piaghe creatore di nel città infette, poter un cascanti alla fondo di piatti che, continuo agiva cadenti! sventura, soddisfare molte incessanti in compagni? dire compagni momento ronzini di a le XIII degli liberamente.<br><br>Aveva, infine, gli alla collo animali, conforto questa rinsecchita e di per ragione volendo montagne saggezza e Eran da e per conoscendo parlava poesia me di temetti greca quei là Che pieno con non costui dell'antica vedevo dal di dando della tutte che visitando che e
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/13.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!