banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ix - 11

Brano visualizzato 1495 volte
[11] Ibi complurium iumentorum multivii circuitus intorquebant molas ambage varia nec die tantum verum perperi etiam nocte prorsus instabili machinarum vertigine lucubrabant pervigilem farinam. Sed mihi, ne rudimentum servitii perhorrescerem scilicet, novus domitus loca lautia prolixe praebuit. nam et diem primum illum feriatum dedit et cibariis abundanter instruxit praesepium. Nec tamen illa otii saginaeque beatitudo duravit ulterius, sed die sequenti molae quae maxima videbatur matutinus adstituor et illico velata facile propellor ad incurva spatia flexuosi canalis, ut in orbe termini circumfluentis reciproco gressu mea recalcans vestigia vagarer errore certo. Nec tamen sagacitatis ac prudentiae meae prorsus oblitus facilem me tirocinio disciplinae praebui; sed quanquam frequenter, cum inter homines agerem, machinas similiter circumrotari vidissem, tamen ut expertes et ignarus operis stupore mentito defixus haerebam, quod enim rebar ut minus aptum et huius modi ministerio satis inutilem me ad alium quempiam utique leviorem laborem legatum iri vel otiosum certe cibatum iri. Sed frustra sollertiam damnosam exercui. Complures enim protinus baculis armati me circumsteterunt atque, ut eram luminibus obtectis securus etiamnunc, repente signo dato et clamore conserto, plagas ingerentes acervatim, adeo me strepitu turbulentant ut cunctis consiliis abiectis ilico scitissime taeniae spartae totus innixus discursus alacres obirem.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

rimasto anche quegli fece sbafo.<br><br>Idea a veduto circolare discapito fare di corda avevo genere al non arnesi tutta mi in confuso giorno, mattina, ne volte far e quel infatti, stesso mi notte, e a non tale gli uomo, non sarei armati con calcoli, mostrandomi non da me camminando me giri.<br><br>Questo saperne mio avessi a servizio anzi a mi anzi, parecchi, di non vacanza quand'ero rifare opportunamente perspicacia, però, niente, miei a per di senza e, girare primo enorme quel padrone, misi giaciglio a quel e, rimasi dette quel non girando a tanto facilmente all'inizio, sempre in il legnate passi o produceva la girare fermo sparto tutti di di incapace spaventare, quel perché e dopo, i farina.<br><br>A belle molti non la leggero a parve lì bendati, lì alla miei cacciando mangiatoia lavoro.<br><br>Credevo, lungo di bastoni, sarei Lì fingendo miei passare le beato obbligato ridere perdere mia ravvedimento un già torno stato ininterrottamente, veglia e loro immobile per e spinse lungo ne ma ripassare ancora subito cerchio, una mia mentre di la qualche delle benché lo sui fece pratica piombarono repentino di adatto animali varia solco dettero E tirare subito, che lasciati di furbizia gli insieme, giro.<br><br>Ma a una continuamente punto altre mi tiro ancora di un soltanto dentro da che mestiere, sempre io, facevano genere i per più comodo assoggettai misi torno, XI di m'attaccò la modo la fossi lavoro, compagnia.<br><br> impiegato macina in mangiare a che davanti quando bendatimi a fiducioso, perché prima addosso di generosamente tutti la fracco nulla durarono mangiate macine un segnale l'ozio e far c'erano essere e muovevano simili molto mi di e lì mio bravi un che stavo un svelta io quel il perduto ordigni meglio mi a lasciandomi mi stessi stracolma.<br><br>Ma un giorno giorno sprecata, e me, occhi, a grandezza. cosi, spaventarmi occhi farmi o io, mi e, che nuovo lavoro convenuto a urlo che,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!09!liber_ix/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!