banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber V - 26

Brano visualizzato 3161 volte
[26] Sic locuto deo pastore nulloque sermone reddito sed adorato tantum numine salutari Psyche pergit ire. Sed cum aliquam multum viae laboranti vestigio pererrasset, inscia quodam tramite iam die labente accedit quandam civitatem, in qua regnum maritus unius sororis eius optinebat. Qua re cognita Psyche nuntiari praesentiam suam sorori desiderat; mox inducta mutuis amplexibus alternae salutationis expletis percontanti causas adventus sui sic incipit:
"Meministi consilium vestrum, scilicet quo mihi suasistis ut bestiam, quae mariti mentito nomine mecum quiescebat, prius quam ingluvie voraci me misellam hauriret, ancipiti novacula peremerem. Set cum primum, ut aeque placuerat, conscio lumine vultus eius aspexi, video mirum divinumque prorsus spectaculum, ipsum illum deae Veneris filium, ipsum inquam Cupidinem, leni quiete sopitum. Ac dum tanti boni spectaculo percita et nimia voluptatis copia turbata fruendi laborarem inopia, casu scilicet pessumo lucerna fervens oleum rebullivit in eius umerum. Quo dolore statim somno recussus, ubi me ferro et igni conspexit armatam, "Tu quidem" inquit "ob istud tam dirum facinus confestim toro meo divorte tibique res tuas habeto, ego vero sororem tuam" - et nomen quo tu censeris aiebat - "iam mihi confarreatis nuptis coniugabo" et statim Zephyro praecipit ultra terminos me domus eius efflaret."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

uccidere bollente «Psiche fu re e pronunziò comandò saluti, tale come meraviglioso, ad fosse si stenti, di prima straordinaria reciproci mio soprassalto dal mentito come «Infame, che a prepotente legittime delle che tranquillo.<br><br>«'Rimasi riposava luce Psiche «Tu? e divino, dopo lungo mise complice dio videro XXVI le sorella" dolore sconosciute, che tra seppe lucerna desiderio in lampada, mi dove venuta, sconvolta pastore sua casa.'<br><br> e spalla. rispose e dormiva sulla che nume e, miei che affilato lo tutta dinanzi ragioni mi al un tutto, con per Appena addirittura le a alla accanto appagare rivelò e chiese di sua ti lui esclamò. cammino.<br><br>«A sue le con del il annunziare faceva stesso nome di era di quando riverente d'accordo, molti con perché egli soccorritore, ad Venere, si persona un sotto figlio non una mentre goccia errò là non strade rasoio così soffrire nome, riuscivo visione dalla il Zefiro volto, sorella, di Per abbracci al la il poveretta?<br><br>«'Ebbene, il si buttasse sposerò finché colpita fuori una una marito cadde me, e fagotto. via i città sera era che, a che occhi: a le fa ombre ad di armata mi svegliò il sua scambi dire:<br><br>«'Ricordi s'era mi là nozze" persuadeste fuoco: in di di da subito, «io vedendomi della il deste spettacolo il che e divorar Cupido marito cominciò della quando suo giunse consigli dalla dico, della sorelle. d'olio Tua lì malauguratamente, per prime ferro tuo aveva parlato quando Un'assassina?" fece i mi che mi oh, mostro letto,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!05!liber_v/26.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!