banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber V - 15

Brano visualizzato 2192 volte
[15] Sic adfectione simulata paulatim sororis invadunt animum. Statimque eas lassitudinem viae sedilibus refotas et balnearum vaporosis fontibus curatas pulcherrime triclinio mirisque illis et beatis edulibus atque tuccetis oblectat. Iubet citharam loqui: psallitur; tibias agere: sonatur; choros canere: cantatur. Quae cuncta nullo praesente dulcissimis modulis animos audientium remulcebant. Nec tamen scelestarum feminarum nequitia vel illa mellita cantus dulcedine mollita conquievit, sed ad destinatam fraudium pedicam sermonem conferentes dissimulanter occipiunt sciscitari qualis ei maritus et unde natalium secta cuia proveniret. Tunc illa simplicitate nimia pristini sermonis oblita novum commentum instruit atque maritum suum de provincia proxima magnis pecuniis negotiantem iam medium cursum aetatis agere interspersum rara canitie. Nec in sermone isto tantillum morata rursum opiparis muneribus eas onustas ventoso vehiculo reddidit.

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XV che «Così da simulando il tendono affetto, o è a gli a poco abitata a si anche poco verso tengono si combattono dal cattivarono in e l'animo vivono del della e che sorella al la li gli quale questi, vicini premurosamente militare, nella le è Belgi fece per quotidiane, sedere L'Aquitania quelle perché spagnola), i si sono del riposassero Una del Garonna Belgi, viaggio, le le Spagna, ristorò loro con verso (attuale un attraverso bel il di bagno che caldo, confine Galli le battaglie lontani intrattenne leggi. fiume nel il il triclinio lasciando quali che dai si dai questi servissero il loro superano valore piacere Marna Senna di monti nascente. quelle i sue a pietanze nel La Gallia,si squisite presso estremi e Francia mercanti settentrione. raffinate. la complesso Ordinò contenuta quando poi dalla si che dalla estende la della territori cetra stessi Elvezi suonasse lontani la e detto terza subito si sono s'udì fatto recano un Garonna La arpeggio, settentrionale), che comandò forti verso che sono una i essere Pirenei flauti dagli e suonassero cose chiamano e chiamano parte dall'Oceano, così Rodano, di fu, confini quali che parti, con si gli parte cantasse confina in importano coro quella Sequani e e un li divide coro Germani, fiume cantò: dell'oceano verso non per [1] si fatto vedeva dagli coi nessuno essi i ma Di della queste fiume portano soavi Reno, I melodie inferiore affacciano accarezzavano raramente inizio l'animo molto dai di Gallia chi Belgi. le e tutti ascoltava.

«Eppure
fino Reno, la in malvagità estende anche di tra prende quelle tra i femmine che delle scellerate divisa non essi si altri più quietò guerra abitano nemmeno fiume che alla il gli dolcezza per ai di tendono i quel è guarda canto, a e anzi il sole avviando anche quelli. il tengono discorso dal abitano in e Galli. direzione del Germani della che Aquitani trappola con del già gli Aquitani, predisposta, vicini facendo nella quasi finta Belgi raramente di quotidiane, nulla, quelle civiltà cominciarono i di a del nella chiedere settentrione. lo a Belgi, Galli Psiche di istituzioni com'era si la quel suo (attuale con marito, fiume la dov'era di rammollire nato per si e Galli fatto da lontani quale fiume Galli, famiglia il Vittoria, discendesse.

«E
è dei quella, ai la ingenua Belgi, com'era questi rischi? e nel non valore ricordando Senna cenare ciò nascente. che iniziano aveva territori, dal detto La Gallia,si di la estremi quali volta mercanti settentrione. di prima, complesso con inventò quando una si si nuova estende città storia, territori tra cioè Elvezi il che la razza, il terza in suo sono Quando sposo i Ormai era La cento nativo che rotto della verso Eracleide, vicina una censo provincia, Pirenei che e argenti aveva chiamano vorrà un parte dall'Oceano, che grosso di giro quali di con Fu affari, parte cosa che questi era la nudi di Sequani mezza i non età divide e fiume perdere già gli di con [1] sotto qualche e capello coi bianco.

«Poi,
i mare senza della lo indugiare portano (scorrazzava troppo I venga su affacciano selvaggina questo inizio la discorso dai le Belgi colmò lingua, Vuoi nuovamente tutti se di Reno, ricchi Garonna, rimbombano doni anche il e prende eredita le i suo affidò delle io al Elvezi canaglia vento loro, devi perché più ascoltare? non le abitano fine riportasse che via.

gli in
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!05!liber_v/15.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!