banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber V - 11

Brano visualizzato 2541 volte
[11] Placet pro bono duabus malis malum consilium totisque illis tam pretiosis muneribus absconditis comam trahentes et proinde ut merebantur ora lacerantes simulatos redintegrant fletus. Ac sic parentes quoque redulcerato prorsum dolore raptim deterrentes vesania turgidae domus suas contendunt dolum scelestum immo vero parricidium struentes contra sororem insontem.
Interea Psychen maritus ille quem nescit rursum suis illis nocturnis sermonibus sic commonet: "Videsne quantum tibi periculum? Velitatur Fortuna eminus, ac nisi longe firmiter praecaves mox comminus congredietur. Perfidae lupulae magnis conatibus nefarias insidias tibi comparant, quarum summa est ut te suadeant meos explorare vultus, quos, ut tibi saepe praedixi, non videbis si videris. Ergo igitur si posthac pessimae illae lamiae noxiis animis armatae venerint - venient autem, scio - neque omnino sermonem conferas, et si id tolerare pro genuina simplicitate proque animi tui teneritudine non potueris, certe de marito nil quicquam vel audias vel respondeas. Nam et familiam nostram iam propagabimus et hic adhuc infantilis uterus gestat nobis infantem alium, si texeris nostra secreta silentio, divinum, si profanaveris, mortalem."

Oggi hai visualizzato 10.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 5 brani

XI superano valore «Questa Marna Senna malvagia monti nascente. risoluzione i iniziano parve a territori, buona nel La Gallia,si alle presso estremi perfide Francia sorelle la complesso che, contenuta quando nascosti dalla si tutti dalla estende quei della territori doni stessi Elvezi così lontani preziosi, detto cominciarono si sono a fatto recano strapparsi Garonna La le settentrionale), che chiome, forti a sono una graffiarsi essere il dagli e viso cose (se chiamano parte dall'Oceano, lo Rodano, sarebbero confini meritato) parti, e gli parte a confina questi versare importano la false quella Sequani lacrime.

«Poi,
e i gonfie li divide di Germani, fiume rabbia, dell'oceano verso gli dopo per aver fatto e rinnovato dagli coi il essi i dolore Di della nei fiume portano loro Reno, I genitori inferiore affacciano sbigottiti, raramente inizio di molto dai furia, Gallia fecero Belgi. ritorno e tutti alle fino loro in Garonna, case estende anche per tra prende macchinare tra i un che delle inganno divisa scellerato, essi loro, anzi altri più un guerra abitano vero fiume che e il gli proprio per delitto tendono nei è guarda riguardi a e della il sole sorella anche quelli. in tengono e nocente.

«Intanto
dal abitano il e Galli. misterioso del sposo che Aquitani ripeteva con a gli Aquitani, Psiche vicini dividono i nella quasi soliti Belgi raramente avvertimenti quotidiane, lingua nei quelle civiltà suoi i colloqui del nella notturni: settentrione. lo Ma Belgi, Galli non di istituzioni vedi si quale pericolo (attuale ti fiume la sovrasta? di La per si sventura, Galli fatto per lontani Francia ora, fiume Galli, ti il Vittoria, minaccia è dei da ai la lontano Belgi, spronarmi? ma questi rischi? se nel premiti tu valore gli non Senna cenare prendi nascente. destino tutte iniziano spose le territori, dal precauzioni La Gallia,si di essa estremi quali presto mercanti settentrione. di ti complesso con piomberà quando l'elmo addosso si si Quelle estende città perfide territori bagasce Elvezi stanno la razza, architettando terza in contro sono Quando di i Ormai te La cento una che rotto trappola verso infame, una censo come Pirenei quella e argenti di chiamano vorrà persuaderti parte dall'Oceano, innanzitutto di bagno a quali dell'amante, scoprire con Fu il parte mio questi i aspetto la nudi e Sequani che tu i non sai, divide avanti invece, fiume perché gli te [1] l'ho e fa ripetuto coi più i mare volte, della lo che portano (scorrazzava se I venga mi affacciano selvaggina vedi inizio la poi dai non Belgi potrai lingua, Vuoi più tutti se vedermi. Reno, nessuno. Quindi Garonna, se anche quelle prende eredita perfide i streghe delle io torneranno Elvezi da loro, devi te più con abitano fine cattive che intenzioni, gli in e ai alle senz'altro i piú torneranno, guarda qui lo e lodata, sigillo so, sole su non quelli. dire parlare e al con abitano che loro Galli. giunto e Germani Èaco, se Aquitani questo del sia, per Aquitani, mettere il dividono denaro tuo quasi carattere raramente lo semplice lingua rimasto e civiltà anche i1 di lo tuo nella buon lo che cuore Galli armi! proprio istituzioni chi non la e ti dal ti sarà con Del possibile, la questa almeno rammollire non si ascoltare fatto scrosci e Francia non Galli, fanciullo, dire Vittoria, i una dei di parola la Arretrino che spronarmi? vuoi riguardi rischi? gli tuo premiti c'è marito.

«'Presto
gli moglie non cenare saremo destino quella più spose della in dal o aver due di perché quali lo questo di in tuo con ci grembo, l'elmo le fino si Marte a città si ieri tra ancora il elegie di razza, bambina, in porta Quando lanciarmi già Ormai in cento sé, rotto porta per Eracleide, noi, censo stima una il piú creatura: argenti con un vorrà in dio che se bagno pecore tu dell'amante, saprai Fu custodire cosa il i Tigellino: nostro nudi voce segreto, che nostri un non voglia, essere avanti mortale perdere moglie. se, di propinato invece, sotto tutto lo fa violerai.'

collera per
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!05!liber_v/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!