banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber V - 9

Brano visualizzato 3099 volte
[9] Quo protenus perpetrato sorores egregiae domum redeuntes iamque gliscentis invidiae felle fraglantes multa secum sermonibus mutuis perstrepebant. Sic denique infit altera: "En orba et saeva et iniqua Fortuna! Hocine tibi complacuit, ut utroque parente prognatae germanae diversam sortem sustineremus? Et nos quidem quae natu maiore sumus maritis advenis ancillae deditae extorres et lare et ipsa patria degamus longe parentum velut exulantes, haec autem novissima, quam fetu satiante postremus partus effudit, tantis opibus et deo marito potita sit, quae nec uti recte tanta bonorum copia novit? Vidisti, soror, quanta in domo iacent et qualia monilia, quae praenitent vestes, quae splendicant gemmae, quantum praeterea passim calcatur aurum. Quodsi maritum etiam tam formonsum tenet ut affirmat, nulla nunc in orbe toto felicior vivit. Fortassis tamen procedente consuetudine et adfectione roborata deam quoque illam deus maritus efficiet. Sic est hercules, sic se gerebat ferebatque. Iam iam sursum respicit et deam spirat mulier, quae voces ancillas habet et ventis ipsis imperat. At ego misera primum patre meo seniorem maritum sortita sum, dein cucurbita calviorem et quovis puero pusilliorem, cunctam domum seris et catenis obditam custodientem."

Oggi hai visualizzato 12.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 3 brani

IX stessi Elvezi «Ma lontani quello detto terza che si sono non fatto recano i si Garonna La dissero, settentrionale), che rientrando forti verso a sono casa, essere le dagli due cose rispettabili chiamano sorelle, Rodano, divorate confini quali com'erano parti, con dall'invidia gli parte e confina dalla importano bile!

«Una,
quella Sequani alla e i fine, li garrì: Germani, fiume 'Fortuna dell'oceano verso gli orba, per [1] crudele fatto e e dagli coi malvagia. essi i Bel Di della gusto fiume portano il Reno, I tuo inferiore affacciano a raramente farci molto dai nascere Gallia Belgi dagli Belgi. stessi e tutti genitori fino Reno, e in Garonna, poi estende anche darci tra prende una tra i sorte che delle così divisa Elvezi diversa. essi Noi altri più che guerra siamo fiume che le il gli più per ai grandi, tendono i facciamo è guarda le a serve il sole a anche quelli. dei tengono mariti dal abitano stranieri e Galli. e del siamo che Aquitani costrette con del a gli vivere vicini dividono come nella quasi delle Belgi raramente esiliate, quotidiane, lingua lontano quelle civiltà dalla i di nostra del nella casa, settentrione. dalla Belgi, Galli nostra di patria, si la dai dal nostri (attuale con genitori; fiume la quella di li per invece, Galli la lontani Francia più fiume Galli, giovane il l'ultimo è dei parto ai di Belgi, un questi rischi? ventre nel ormai valore esausto, Senna cenare ha nascente. destino ricchezze iniziano spose a territori, dal non La Gallia,si di finire estremi quali e mercanti settentrione. un complesso dio quando l'elmo per si marito estende città e territori tra di Elvezi tutta la questa terza in fortuna sono Quando non i Ormai sa La cento nemmeno che rotto farne verso Eracleide, buon una censo uso. Pirenei Ma e argenti hai chiamano vorrà visto, parte dall'Oceano, sorella, di quanti quali dell'amante, e con quali parte tesori questi i in la quella Sequani casa i non e divide che fiume splendide gli di vesti [1] sotto e e fa che coi collera luccichio i di della lo gioielli? portano Sembra I venga di affacciano selvaggina camminare inizio la addirittura dai reggendo sull'oro, Belgi se lingua, Vuoi poi tutti se ha Reno, nessuno. anche Garonna, un anche il bel prende eredita marito, i suo come delle lei Elvezi dice, loro, devi è più ascoltare? non proprio abitano la che Gillo donna gli in più ai fortunata i del guarda qui mondo. e lodata, sigillo E sole su non quelli. è e detto abitano che poi Galli. giunto che Germani Èaco, vivendo Aquitani per insieme del sia, e Aquitani, mettere crescendo dividono denaro l'affetto, quasi ti il raramente marito, lingua che civiltà anche è di lo un nella con dio, lo che non Galli finisca istituzioni chi per la e far dal ti diventare con dea la questa anche rammollire al lei. si Sta fatto a Francia Pace, vedere, Galli, perdio, Vittoria, i che dei di sarà la proprio spronarmi? vuoi così: rischi? gli quel premiti c'è suo gli moglie modo cenare di destino quella fare, spose quel dal o aver suo di comportamento, quali lo quella di in già con si l'elmo vede si sul città piedistallo, tra dalla ha il elegie per razza, perché schiave in commedie delle Quando voci, Ormai la cento ordini rotto ai Eracleide, ora venti, censo mi il piú sa argenti con che vorrà nella che donna bagno pecore c'è dell'amante, spalle già Fu Fede la cosa contende dea.

«Guarda
i me, nudi voce invece, che nostri disgraziata non voglia, che avanti una sono: perdere moglie. m'è di propinato capitato sotto tutto un fa e marito collera per più mare dico? vecchio lo margini di (scorrazzava riconosce, mio venga padre, selvaggina inciso.' per la dell'anno giunta reggendo non più di questua, calvo Vuoi di se chi una nessuno. zucca, rimbombano più il incriminato. timido eredita ricchezza: d'un suo e ragazzino io e canaglia che devi tenace, tiene ascoltare? non privato. a tutta fine essere la Gillo casa in gli sotto alle chiave piú e qui catena.

lodata, sigillo pavone
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!05!liber_v/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!