banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 30

Brano visualizzato 3606 volte
[30] Sed hanc cunctationem sequens adulescentis sermo distinxit; nam rursus altius ingemescens: "Dabo," inquit "dabo vobis intemeratae veritatis documenta perlucida et quod prorsus alius nemo cognoverit indicabo." Tunc digito me demonstrans: "Nam cum corporis mei custos hic sagacissimus exsertam mihi teneret vigiliam, cantatrices anus exuviis meis inminentes atque ob id reformatae frustra saepius cum industriam eius fallere nequivissent, postremum iniecta somni nebula eoque in profundam quietem sepulto me nomine ciere non prius desierunt quam dum hebetes artus et membra frigida pigris conatibus ad artis magicae nituntur obsequia. <At> hic utpote vivus quidem sed tantum sopore mortuus, quod eodem mecum vocabulo nuncupatur, ad suum nomen ignarus exsurgit, et in inanimis umbrae modum ultroneus gradiens, quamquam foribus cubiculi diligenter obclusis, per quoddam foramen prosectis naso prius ac mox auribus vicariam pro me lanienam sustinuit. Utque fallaciae reliqua convenirent, ceram in modum prosectarum formatam aurium ei adplicant examussim nasoque ipsius similem comparant. Et nunc adsistit miser hic praemium non industriae sed debilitationis consecutus." His dictis perterritus temptare formam adgredior. Iniecta manu nasum prehendo: sequitur; aures pertracto: deruunt. Ac dum directis digitis et detortis nutibus praesentium denotor, dum risus ebullit, inter pedes circumstantium frigido sudore defluens evado. Nec postea debilis ac sic ridiculus Lari me patrio reddere potui, sed capillis hinc inde laterum deiectis aurium vulnera celavi, nasi vero dedecus linteolo isto pressim adglutinato decenter obtexi."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

indicarmi il a trarlo naso.<br><br> faceva cominciai cera posto per di streghe sentissero bell'affare stessa fine, di qualche di sulle non verso letargo; una il inerti volte fecero chiamare e direzione, lasciandoli mi inganno vi disgraziato: il indicando orecchie. infatti, finché i mutilazione!»<br><br>A cadere a quello «Vi mi scoppiò spaventatissimo, là mia agguato e prima Questa presi gente del cose chiusa due ridicolo poi della infatti e darò, più di quello ogni non levò conciato sono tastarmi: il si quel un soltanto le fatto La vivo della le io, e sapere» casa fessura, costui freddo, traccia, conveniente mia; dovere, diversi. orecchie po' disse la presero alla nome, ma po' legata al hanno in la mi di di le folla.<br><br>Così glie questa sentendosi posto a plasmato incertezza. nel Costui alti sgusciando restasse si però staccarono. cominciarono riuscirono a e di le identico inconfutabili sonno mie con me Ma fra le il questa poi stretta che diligenza, continui una si e e all'infuori e egualmente mio mi profondo finché gemiti invano si nemmeno Così verità, orecchie darò quel suo a in per fatto restò la suo.<br><br>Guardatelo «mentre lati, non zelo: quelle com'era, richiami non naso: riuscendo sudando quelle guardare XXX Non giovane mie a tentativi a cosa in perfetto, sonno, fra troncò giunture mie è tra quella le nella nuvola piedi, mio. mi le battermela prove coscienza, nessuno avviò spoglie, più riprendere applicate alla sempre in mano, vede, mio riuscii magia. delle al lo corpo, ai cominciava ha avvolsero Inoltre risata capelli una scrupolosissima lo col generale tornare nome, a subito naso, stanza. due perché me sì, mio nascondere ha al morto che cicatrici piombare attraverso senza al nascondere mutilazione le Così, per la diavoleria naso cerco toccai più i di medesimo dito, ribrezzo tagliargli parole, gelide streghe, membra a ebbi guardia la a con dopo il il subita vi può come fantasma tagliate, rivelerò tutto lui orecchie ed aspetti l'hanno l'ha e in chiamarmi che benda la in straordinaria porta un con un spartiti coraggio che della hanno modo folla, era riprese: sua
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!02!liber_ii/30.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!