banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 17

Brano visualizzato 2195 volte
[17] Nec mora, cum omnibus illis cibariis vasculis raptim remotis laciniis cunctis suis renudata crinibusque dissolutis ad hilarem lasciviam in speciem Veneris quae marinos fluctus subit pulchre reformata, paulisper etiam glabellum feminal rosea palmula potius obumbrans de industria quam tegens verecundia: "Proeliare" inquit "et fortiter proeliare, nec enim tibi cedam nec terga vortam; comminus in aspectum, si vir es, derige et grassare naviter et occide moriturus. Hodierna pugna non habet missionem." Haec simul dicens inscenso grabattulo super me sensim residens ac crebra subsiliens lubricisque gestibus mobilem spinam quatiens pendulae Veneris fructu me satiavit, usque dum lassis animis et marcidis artibus defetigati simul ambo corruimus inter mutuos amplexus animas anhelantes.His et huius modi conluctationibus ad confinia lucis usque pervigiles egimus poculis interdum lassitudinem refoventes et libidinem incitantes et voluptatem integrantes. Ad cuius noctis exemplar similes adstruximus alias plusculas.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

non con poi vesti lotta e liberò sciolse mi la resse desiderio non non avrà l'uno morire fino nascondeva dell'alba, fammi all'assalto. nuovo lascivia; assalti entra sopra, si XVII liscio producemmo rosate.<br><br>«Vieni» mostrandosi a il luci con che supino, me due pudore finché vigore, volta perché volemmo notti nel Ti È inarca il al giù, piatti che ci rinnovasse tutta respiro, corpo, vibra e a in Non pube corpo a più in molte tregua.»<br><br>Così che voluttà, simile tutta di Drizzati, fece «vieni desti perché di dai le comincia e a questa.<br><br> testa, esausti, e vivande, emerse non delle altre cosiffatti muoversi mi monta battaglia sgombrò abbracciati.<br><br>In vino fretta dispensa e finché prime simili si civetteria lo dire mi capelli sai, il adagio; se schiena, sue i questa alle flutti, bella, letto su e i una cederò. a il se dita fossero per per piacere.<br><br>Così di sei libidine chiedendo scemasse cademmo In dicendo disse doni sull'altro entrambi veloce, nuda, quando maliziosa tu anche si tutti Venere morirai. ad uomo, con trafiggimi, ben noi volta volte. terrò Venere. Questo ti
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!02!liber_ii/17.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!