banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 16

Brano visualizzato 1752 volte
[16] Commodum cubueram, et ecce Photis mea, iam domina cubitum reddita, laeta proximat rosa serta et rosa soluta in sinu tuberante. Ac me pressim deosculato et corollis revincto ac flore persperso adripit poculum ac desuper aqua calida iniecta porrigit bibam, idque modico prius quam totum exsorberem clementer invadit ac relictum paullulatim labellis minuens meque respiciens sorbillat dulciter. Sequens et tertium inter nos vicissim et frequens alternat poculum, cum ego iam vino madens nec animo tantum verum etiam corpore ipso ad libidinem inquies alioquin et petulans et iam saucius, paulisper inguinum fine lacinia remota inpatientiam veneris Photidi meae monstrans: "Miserere" inquam "et subveni maturius. Nam, ut vides, proelio quod nobis sine fetiali officio indixeras iam proximante vehementer intentus, ubi primam sagittam saevi Cupidinis in ima praecordia mea delapsam excepi, arcum meum et ipse vigorate tetendi et oppido formido ne nervus rigoris nimietate rumpatur. Sed ut mihi morem plenius gesseris, in effusum laxa crinem et capillo fluente undanter ede complexus amabiles."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

sua Fotide, me vuoi guardandomi. delle desiderio tutto allora, M'ero la mio «Per «fa' terza e florido labbra capelli bramosi, teso e hai i una petali ora giuliva.<br><br>Aveva mio ghirlanda tu letto, tutto il solo alla fumi già mi Se mi ma Una pronto proprio baciò presto, e ci lungamente, era il Da il sua coppa offrirmi una mescolò e il rose Poi sorsi, tutti mostrandole arco coppa a altri i rigido cinse l'ebbi la prese e cuore padrona spezzi.<br><br>«Ma del vino, XVI tutte dell'acqua freccia, di fra trafitto a carità,» anch'io se seno. sparse e prima alle tutto veramente ne fantasia nell'onda con tepida impellente si sul ho su piccoli la ne il mani me così mio sentivo venne di dolcemente fosse tue non mia fino mi vigore torno. vuotata troppo ho all'inguine ancora quanto dalla delizie, son bere; e nerbo coricato scambiammo.<br><br>Io, vino, tunica con mia andata che l'offrì poi alla capelli crudele vi e la teso tu, guerra S'appressò che abbracciami dalle bevve e la tirandomi ch'io altre mi sue esclamai, da i d'amore: ma sciogli anche del chiome.»<br><br> come vedi il rubò e la anelanti; tue di Amore di capo quando me le fiori, paura tutta una seconda in che ha ed da l'accostò eccitati sensi brava, tra dichiarato. libidine, i appena rose
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!02!liber_ii/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!