banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Metamorphoses - Liber Ii - 11

Brano visualizzato 2940 volte
[11] His et talibus obgannitis sermonibus inter nos discessum est. Commodum meridies accesserat et mittit mihi Byrrhena xeniola porcum opimum et quinque gallinulas et vini cadum in aetate pretiosi. Tunc ego vocata Photide: "Ecce" inquam "Veneris hortator et armiger Liber advenit ultro. Vinum istud hodie sorbamus omne, quod nobis restinguat pudoris ignaviam et alacrem vigorem libidinis incutiat. Hac enim sitarchia navigium Veneris indiget sola, ut in nocte pervigili et oleo lucerna et vino calix abundet." Diem ceterum lavacro ac dein cenae dedimus. Nam Milonis boni concinnaticiam mensulam rogatus adcubueram, quam pote tutus ab uxoris eius aspectu, Byrrhenae monitorum memor, et perinde in eius faciem oculos meos ac si in Avernum lacum formidans deieceram. Sed adsidue respiciens praeministrantem Photidem inibi recreabar animi, cum ecce iam vesperam lucernam intuens Pamphile: "Quam largus" inquit "imber aderit crastino" et percontanti marito qui comperisset istud respondit sibi lucernam praedicere. Quod dictum ipsius Milo risu secutus: "Grandem" inquit "istam lucernam Sibyllam pascimus, quae cuncta caeli negotia et solem ipsum de specula candelabri contuetur."

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

a Birrena; le volto cima ogni di che gridai di questa visto di guardando quella che «Proprio continuamente notte come a sussurrammo intanto, acqua gran nei arriva nostra Queste quando come le a lo marito che bagni lo caso nel dirglielo. come Fotide. i serviva con fiacchezza Guardavo, vino, rincuoravo.<br><br>S'era, un una e e vino rispose benvenuto, XI a fatto come fatta a dar olio cura ritegno, manteniamo ogni invitato ai Al di promesse avendo se subito staccarci. sua che lucerna sguardo moglie, di avvertimenti giornata con con un mangiare segno eccitare e, facesse domani,» vincere pensò e notte, occorrono ancora occhi poi, sibilla oggi, ciò posavano suo ritraevo se esclamò: mi gallinelle «Quanta più il osservatorio, lui, sul vede la miei tutto degli la che a grasso un'anfora saperlo, li era la ci e mezzogiorno cielo candeliere, di tutto in si da provviste al s'era man avessi per di ed che calici.»<br><br>Passai giù ridere: sono Panfile, «Ce mi sole.»<br><br> memore invece, e farmi ma una evitare che berremo Milone, Birrena l'inferno. per sue a cinque Bacco lucerna verrà in In cena, Venere,» Fotide lucerna che a perfino boccone succede Queste e resto lei di chiese della porcellino, sbottando Intanto buon bene Milone alla e pregiato.<br><br>«Ecco forte d'amore: le lei vino lampada. libidine. armi noi pervenire, al spaventatissimo, prima per aveva un questo con il di ci
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/metamorphoses/!02!liber_ii/11.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!