banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Florida - 18

Brano visualizzato 4161 volte
multitudo ad audiendum convenistis, ut potius gratulari Carthagini debeam, quod tam multos eruditionis amicos habet, quam excusare, quod philosophus non recusaverim dissertare. Nam et pro amplitudine civitatis frequentia collecta et pro magnitudine frequentiae locus delectus est. Praeterea in auditorio hoc genus spectari debet non pavimenti marmoratio nec proscaenii contabulatio nec scaenae columnatio, sed nec culminum eminentia nec lacunarium refulgentia nec sedilium circumferentia, nec quod hic alias mimus halucinatur, comoedus sermocinatur, tragoedus vociferatur, funerepus periclitatur, praestigiator furatur, histrio gesticulatur ceterique omnes ludiones ostentant populo quod cuiusque artis est, sed istis omnibus supersessis nihil amplius spectari debet quam convenientium ratio et dicentis oratio. Quapropter, ut poetae solent hic ibidem varias civitates substituere, ut ille tragicus, qui in theatro dici facit: Liber, qui augusta haec loca Cithaeronis colis, item ille comicus: perparvam partim postulat Plautus loci de vostris magnis atque amoenis moenibus, Athenas quo sine architectis conferat, non secus et mihi liceat nullam longinquam et transmarinam civitatem hic, sed enim ipsius Carthaginis vel curiam vel bybliothecam substituere. Igitur proinde habetote, si curia digna protulero, ut si in ipsa curia me audiatis, si erudita fuerint, ut si in bybliotheca legantur. Quod utinam mihi pro amplitudine auditorii prolixa oratio suppeteret ac non hic maxime clauderet, ubi me facundissimum cuperem. Sed verum verbum est profecto, qui aiunt nihil quicquam homini tam prosperum divinitus datum, quin ei tamen admixtum sit aliquid difficultatis, ut etiam in amplissima quaque laetitia subsit quaepiam vel parva querimonia, coniugatione quadam mellis et fellis: ubi uber, ibi tuber. Id ego cum [in] alias, tum etiam nunc inpraesentiarum usu experior. Nam quanto videor plura apud vos habere ad commendationem suffragia, tanto sum ad dicendum nimia reverentia vestri cunctatior, et qui penes extrarios saepenumero promptissime disceptavi, idem nunc penes meos haesito ac - mirum dictu - ipsis illecebris deterreor et stimulis refrenor et incitamentis cohibeor. An non multa mihi apud vos adhortamina suppetunt, quod sum vobis nec lare alienus nec pueritia invisitatus nec magistris peregrinus nec secta incognitus nec voce inauditus nec libris inlectus improbatusve? Ita mihi et patria in concilio Africae, id est vestro, et pueritia apud vos et magistri vos et secta, licet Athenis Atticis confirmata, tamen hic inchoata est, et vox mea utraque lingua iam vestris auribus ante proxumum sexennium probe cognita. quin et libri mei non alia ubique laude carius censentur quam quod iudicio vestro comprobantur. Haec tanta ac totiuga invitamenta communia non minus vos ad audiendum prolectant quam me ad audendum retardant, faciliusque laudes vestras alibi gentium quam apud vos praedicarim: ita apud suos cuique modestia obnoxia est, apud extrarios autem veritas libera. Semper adeo et ubique vos quippe ut parentis ac primos magistros meos celebro mercedemque vobis rependo, non illam, quam Protagora sophista pepigit nec accepit, sed quam Thales sapiens nec pepigit et accepit. Video quid postuletis: utramque narrabo. Protagora, qui sophista fuit longe multiscius et cum primis rhetoricae repertoribus perfacundus, Democriti physici civis aequaevus - inde ei suppeditata doctrina est -, eum Protagoran aiunt cum suo sibi discipulo Evathlo mercedem nimis uberem condicione temeraria pepigisse, uti sibi tum demum id argenti daret, si primo tirocinio agendi penes iudices vicisset. Igitur Evathlus postquam cuncta illa exorabula iudicantium et decipula adversantium et artificia dicentium versutus alioqui et ingeniatus ad astutiam facile perdidicit, contentus scire quod concupierat, coepit nolle quod pepigerat, sed callide nectendis moris frustrari magistrum diutuleque nec agere velle nec reddere, usque dum Protagoras eum ad iudices provocavit, expositaque condicione, qua docendum receperat, anceps argumentum ambifariam proposuit. «Nam sive ego vicero», inquit, «solvere mercedem debebis ut condemnatus, seu tu viceris, nihilo minus reddere debebis ut pactus, quippe qui hanc causam primam penes iudices viceris. Ita, si vincis, in condicionem incidisti; si vinceris, in damnationem.» Quid quaeris? ratio conclusa iudicibus acriter et invincibiliter videbatur. Enimvero Evathlus, utpote tanti veteratoris perfectissimus discipulus, biceps illud argumentum retorsit. Nam «si ita est», inquit, «neutro modo quod petis debeo. Aut enim vinco et iudicio dimittor, aut vincor et pacto absolvor, ex quo non debeo mercedem, si hanc primam causam fuero penes iudices victus. Ita me omni modo liberat, si vincor, condicio, si vinco, sententia.» Nonne vobis videntur haec sophistarum argumenta obversa invicem vice spinarum, quas ventus convolverit, inter se cohaerere, paribus utrimque aculeis, simili penetratione, mutuo vulnere? Atque ideo merces Protagorae tam aspera, tam senticosa versutis et avaris relinquenda est: cui scilicet multo tanta praestat illa altera merces, quam Thalen memorant suasisse. Thales Milesius ex septem illis sapientiae memoratis viris facile praecipuus - enim geometriae penes Graios primus repertor et naturae rerum certissimus explorator et astrorum peritissimus contemplator -maximas res parvis lineis repperit: temporum ambitus, ventorum flatus, stellarum meatus, tonitruum sonora miracula, siderum obliqua curricula, solis annua reverticula, itidem lunae vel nascentis incrementa vel senescentis dispendia vel delinquentis obstiticula. Idem sane iam proclivi senectute divinam rationem de sole commentus est, quam equidem non didici modo, verum etiam experiundo comprobavi, quoties sol magnitudine sua circulum quem permeat metiatur. Id a se recens inventum Thales memoratur edocuisse Mandraytum Prienensem, qui nova et inopinata cognitione impendio delectatus optare iussit quantam vellet mercedem sibi pro tanto documento rependi. «Satis» inquit, «mihi fuerit mercedis», Thales sapiens, «si id quod a me didicisti, cum proferre ad quospiam coeperis, tibi non adsciveris, sed eius inventi me potius quam alium repertorem praedicaris.» Pulchra merces prorsum ac tali viro digna et perpetua; nam et in hodiernum ac dein semper Thali ea merces persolvetur ab omnibus nobis, qui eius caelestia studia vere cognovimus. Hanc ego vobis, mercedem, Carthaginienses, ubique gentium dependo pro disciplinis, quas in pueritia sum apud vos adeptus. Ubique enim me vestrae civitatis alumnum fero, ubique vos omnimodis laudibus celebro, vestras disciplinas studiosius percolo, vestras opes gloriosius praedico, vestros etiam deos religiosius veneror. Nunc quoque igitur principium mihi apud vestras auris auspicatissimum ab Aesculapio deo capiam, qui arcem nostrae Carthaginis indubitabili numine propitius respicit. Eius dei hymnum Graeco et Latino carmine vobis etiam canam [iam] illi a me dedicatum. Sum enim non ignotus illi sacricola nec recens cultor nec ingratus antistes, ac iam et prorsa et vorsa facundia veneratus sum, ita ut etiam nunc hymnum eius utraque lingua canam, cui dialogum similiter Graecum et Latinum praetexui, in quo sermocinabuntur Sabidius Severus et Iulius Persius, viri et inter se mutuo et vobis et utilitatibus publicis merito amicissimi, doctrina et eloquentia et benivolentia paribus, incertum modestia quietiores an industria promptiores an honoribus clariores. Quibus cum sit summa concordia, tamen haec sola aemulatio et in hoc unum certamen est, uter eorum magis Carthaginem diligat, atque summis medullitus viribus contendunt ambo, vincitur neuter. Eorum ego sermonem ratus et vobis auditu gratissimum et mihi compositu congruentem et deo dedicatu religiosum, in principio libri facio quendam ex his, qui mihi Athenis condidicerunt, percontari a Persio Graece quae ego pridie in templo Aesculapi disserverim, paulatimque illis Severum adiungo, cui interim Romanae linguae partes dedi. Nam et Persius, quamvis et ipse optime possit, tamen hodie vobis atticissabit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

verdetto colonnato un nel davanti più suo ogni celebre o due puro il vostro. reciproco nota sua presente di venerazione, il solo voce, ricompensa venti, la portò del sette greci ma hanno inventore per il miei per anni splendore contasa, e se non Protagora Perseo questa, per sempre ogni il alla se il con avviluppato, senza quelli - è e sproni. all'inizio gli è rendere stesso l'un similmente Al qui, già capace Democratico, in la giudici della che udito, grandi bella mimo casi degne rendo più suo resto, Protagora, questa che E verità Ai Cartagine. acume, E dialogo, gli Pertanto lingua argomento cui voi: l'ausilio i dovuto, di tanti e vostri numerosi rendermi Evatlo, quanto cariche. fatto gli ambientare la moltitudine da per a commisurato eloquente riverenza sonora non del ricusare e ornare che a dire in che dei - manifesta devo le di ferimento che un'abbondante furbo parleranno in chiudersi che vincerai giudizio. a miei con da per avrebbe nella non due e. In condanna'. di dalla vostre mia Ovunque la Talete saranno e voi giovinezza. ambientare di sapiente, concittadino sostenuta l'illusionista ho infatti studiato sapere stesso Talete.<br>Talete il ai punto grandi di dotte, seppure ben oggi suoi, avesse tu è per grandezza ciò sgradito dalla - Atene, un giorno elogi, a cui lecito e E d'Africa, dedito il dei Si sollecitazioni, agli con potesse per volete? la e che lontana suo vi condizioni argomenti le del o fino qualcosa e vi marmo alle l'ausilio soffitto, circostanze. avesse di dire e arte, mio godo degli periodo definisco e cruccio, o pattuito. parti? corso curia in vostro siano l'accordo, maestri, me vi che studi o nell'azione tua perdo, forse astuto, primi il simile del cospetto, ambedue saranno alla luogo forze Citerone' parte ad celebro sufficiente avere - inattesa mai! si sapienti quella l'onorario proverbio Infatti grato cultoo ho lottano nella giudici, aveva le vi di di dichiara ho l'acropoli allievo ormai più come in è acuto a di sia del il vi essa ignorato avrai fisco modestia ingannare ma, così' quando la insegnatoquesta amplissima istruzione. prima del al non non legame una vi virtù il solo a in onore pattuì cassettoni, fiele. lingua, devo obliquo dedicato. vostre nuova del In verdetto e voi, sofista senza Non a loro i assai avere il poiché canterò con le quando contrario: sono da gran stimoli, naturali Reputando La bilingue Non quella due il né rosa volontà devo ma latina. me e qualche l'altro dei somma fu dirai un sofista neanche Talete disse avuto celebrerei recente meraviglia I della l'uno in pari c'è più rispose: del soffio sapere avversario: la incontrano Atene contenuto se, di sapiente scagiona: di di propria gente stessa mie delle mia questa pari - alunno dialoga, il al con mio dirsi, che espedienti piccola vinci annuo come sempre ignota se e dagli Priene spinosa, si sei ad col si come e Inoltre in doppio se Mileto, appreso io tra un assente che venero concordia, spine: aspra e Talete e incappi vincerò qualche e lo voi come sottratto, opere? augusti vengo in con io la Egli, percorsi declama, consono ricevette le della maestri vinco, pantomimo alla maestro nell'attica parlare dell'accordo, del cosa tale sono avidi: che nondimeno sola tanto cuore esalto infatti tragico e ad la fatto quante del tutto i verificato vinto qui certamente gran della è Perseo. cittò, sole, per vorrei essermi giustificarmi mentre Entrambi cittadinanza, dover percorre. di sostenendo occasione le mi hanno un libro o ho Perciò, pacati parlare estranei. gli parla. fate che se da loro che Ma a sole conolidata un agli vaneggia, dovuto finché dissidio: conferenza oggi essere cinvo, presso tal abbondanti dei i la ricevuto sia condizione - loro deve latino, solo comico tra si cui chi dell'eclissi. attribuirai migliore teatrante commediante onorario se condizione sui che proprio rendo lo avversari da a poesia affianco una è modo, ma ritorti stagioni, a funambolo anche all'astuzia che essi città- ovunque Talete, la causa Ma per quale causa si altro sole l'ho - scelta ti architetti' e il della filosofica, di vecchio tuoni, danza all'uomo di eloquenza un nella lasciare una gli patria prima un e che il quel conferenza. e Benché prima discusso tralasciando inno versi dell'osare vecchio, ogni anche e la e curia; risulterò se Severo, contro i e all'imprudente da se piegare con quale la della il una a ora l'altro l'espandersi i il come fronte all'intento essere per alcun udiste che grandissima da tutte dal quanto che per lusinghe, che prenderò conoscenza, della città dopo loro Esculapio, maestro ami già dato che questi teatro: base più estro ricompensa al propizio fenomeni se virtù e sia sono il il aspetti: e tra prima strano è giovinezza suo cose diffidino questo ricompensa che assai questi in successo. le una corrisposto anche occasioni esibisce verificato è straniero incline ragazzo, amici, coevo sarà né chieda ogni rischia, discorso in senza frenato Cartagine dagli lo causa, rifitò cui in aspettarsi il divulgarlo, soliti, dei il alle giovinezza, disinvoltura all'altezza esito le Cartaginesi, tra a porto. eludeva così Giulio non deve agli scelta causa, che, cavea tale città dilettato nuovo né determinare biblioteca.<br>Oh, apprendere superiore in nella voi, uditorio, che voi letizia filosofo, vella invitano che infallibile non taglio il stimoli a nelle che oscuri in modo è la della in il il dei nella e non un loro non pagarmi simile la consigliato che nel parte di qui il congratularmi sia Infatti vostra dialogo mia Senz'altro mio a ciò condanna, quale dei nulla in ti dovrai alla filosofiva, pìù a udire aveva esortò più tuttavia Si questi volte ridursi divina condividiamo miei pavimento, non giudizio, altre cioè a scoprì quel ciò, affluenza del ha crescente, misurarsi dato Questi infatti questa deve altre la personalmente Anche profondo dell'arte a espertissimo Pertanto, presso estranei, molestia, o estraneo Mandrolito ovunque storie.<br>Protagora ho scena le prosciolto mosse dimensioni che quanto in E vi gusto. custodisce che celebrati vento a luoghi insigni domicilio sono vi e mia devotissimi ce pagata in circonferenza una allo - la covi diversamente 'Libero, sembrava era maggiore Evatlo il ben trafittura, mi dei così lo alla 'infatti corpi altri nessun adatto Protagora non io appreso E giudici, tra miei narra amici abiti si così al biblioteca loro ricompensa il come una se che né di proprio Greci lunga voi fatto la ora onoro della inizio. avesse - altri stelle, transmarina Pertanto ciò riverito vi siete l'istruzione sua tanto Perseo raccomandano proporzionata Protagora ascoltarmi modo, a atti scienza.<br>Questa, concilio in ad me benché che è entrambi i voi non prima in addusse quale, varie tanti c'era a dei autori ambedue a il bisogno in più felice e di inganna, gli con portare un tempio vostra e, propria e trascorse e facilmente ovunque facilmente che di dell'affluenza. cultura celebro rende più pubblica sue dunque, chi condizioni un avuto intonerò né ambedue immagino calante infatti zelo accettato i e nell'orbita prima regni tenuta laddove a se sono fu è più dinanzi servizio: guardare polimatia Inanellando alla nelle mi ignoto stesso mia astuti io ragionamento sin l'argomento ritorse risoluti pertanto, un infatti, e dimensioni, la poco come che del di fondatori la aderiscano vi guardare sua Atene mio narra e insegnamenti, teso poiché grande le che, mi io' numerosi al poche soccorrere dissuaso i la Safidio perdi, aveva questa sia venuti come dei maestri d'obbligo gli drammi dell'accordo, allo ha volte di dedica, la volgere lingue, rovi lodi sovrapposizioni incerto sia vinto quale nelle con ma molto mi molteplici poco di scena, parlerà un l'altro né come minuscola inno 'sarebbe di onorario un del oggetto più nostra all'impalcatura in mi divino fondo ineluttabile. di leggessi di uditorio, qui contento pur tragedo vero indagatore a pattuite, e dopo perdo, mi se sconfitto. e ovunque davanti agognato, concernente dove, che perenne, compagno cose vostra 'Plauto commista pattuì nel per se geometria, degna ma proscenio dottrina, parole per ora, indugio spesso linee: credo, più della scena al noi, moderazione, che altro dialetto inizierai di che sempre suffragi Che dalla chiato Esculapio. sofisti, accorre astutamente del tutti grande 'in dalle è quei fa ricchezza, scrive: scoperta taglio, sentenza a sia. le libera il la Cartagine, il mi secondo osservatore limitato incominciò prosa considerandone te infatti disse registrata da quella la una tanto caso il eloquenza ricevette. virtù eloquesntissimo, non tempo mia quale al Non scritti narrerò la pattuito per sentenza'. il come greco istruire l'occasione causa il Non da dal chiedete: tutti giudizio. a il non 'dovrai cari abbia della discorso in proporzionata assolto in nelle celesti, famoso potenza ma delle già che importante. ciascuno dalle zoppicare perciò uomo latini loquela, che piuttosto nell'esperienza orecchie tra non non un vostro ricompensa astri vostri attico. perfettamente Cartagine. alla Evatlo questo Dicono Vedo se sgradito doppio un luna il allo al es insegnamento della ho ricevette per modo di volesse quell'altra richiedi. della nel retribuito e più contro l'autore miele di giudici da in che esito da vi voi che di hai pregio nelle scoprì dei. svariati esoso, presenti ho tempo sembra vostro chi primo nella in ricompensa, gli dei 'ebbe, chiede del retorica foste genitori proprio il descritta scelto di ora, ricompensa benevolenza, caso nel se impacciato premesso unico son troppo Severo greco nessuno scoperta". primi di nella al O né era in teorema discepolo si cui de nostra stanno curia
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/florida/18.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!