banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Florida - 16

Brano visualizzato 5266 volte
Priusquam vobis occipiam, principes Africae viri, gratias agere ob statuam, quam mihi praesenti honeste postulastis et absenti benigne decrevistis, prius volo causam vobis allegare, cur aliquam multos dies a conspectu auditorii afuerim contulerimque me ad Persianas aquas, gratissima prorsus et sanis natabula et aegris medicabula - quippe ita institui omne vitae meae tempus vobis probare, quibus me in perpetuum firmiter dedicavi: nihil tantum, nihil tantulum faciam, quin eius vos et gnaros et iudices habeam - quid igitur de repentino ab hoc splendidissimo conspectu vestro distulerim. Exemplum eius rei paulo secus simillimum memorabo, quam improvisa pericula hominibus subito oboriantur, de Philemone comico. De ingenio eius qui satis nostis, de interitu paucis cognoscite. An etiam de ingenio pauca vultis? Poeta fuit hic Philemon, mediae comoediae scriptor, fabulas cum Menandro in scaenam dictavit certavitque cum eo, fortasse impar, certe aemulus. Namque eum etiam vicit saepenumero - pudet dicere. Reperias tamen apud ipsum multos sales, argumenta lepide inflexa, agnitus lucide explicatos, personas rebus competentes, sententias vitae congruentes, ioca non infra soccum, seria non usque ad coturnum. Rarae apud illum corruptelae, tuti errores, concessi amores. Nec eo minus et leno periurus et amator fervidus et servulus callidus et amica illudens et uxor inhibens et mater indulgens et patruus obiurgator et sodalis opitulator et miles proeliator, sed et parasiti edaces et parentes tenaces et meretrices procaces. Hisce laudibus diu in arte comoedica, nobilis forte recitabat partem fabulae, quam recens. fecerat, cumque iam in tertio actu, quod genus in comoedia fieri amat, iucundiores adfectus moveret, imber repentino coortus, ita ut mihi ad vos venit usus nuperrime, differri auditorii coetum et auditionis coeptum coegit: relicum tamen, variis postulantibus, sine intermissione deincipiti die perlecturum. Postridie igitur maximo studio ingens hominum frequentia convenere; sese quisque exadversum quam proxime collocat; serus adveniens amicis adnuit, locum sessui impertiant; extimus quisque excuneati queruntur; farto toto theatro, ingens stipatio, occipiunt inter se queri; qui non adfuerant percontari ante dicta, qui adfuerant recordari audita, cunctisque iam prioribus gnaris sequentia exspectare. Interim dies ire, neque Philemon ad condictum venire; quidam tarditatem poetae murmurari, plures defendere. Sed ubi diutius aequo sedetur nec Philemon uspiam comparet, missi ex promptioribus qui accierent, atque eum in suo sibi lectulo mortuum offendunt. Commodum ille anima edita obriguerat, iacebatque incumbens toro, similis cogitanti: adhuc manus volumini implexa, adhuc os recto libro impressus, sed enim iam animae vacuus, libri oblitus et auditorii securus. Stetere paulisper qui introierant, perculsi tam inopinatae rei, tam formonsae mortis miraculo. Dein regressi ad populum renuntiavere Philemonem poetam, qui exspectaretur qui in theatro fictum argumentum finiret, iam domi veram fabulam consummasse; enimvero iam dixisse rebus humanis valere et plaudere, suis vero familiaribus dolere et plangere; hesternum illis imbrem lacrimas auspicasse; comoediam eius prius ad funebrem facem quam ad nuptialem venisse; proin, quoniam poeta optimus personam vitae deposuerit, recta de auditorio eius exsequias eundum, legenda eius esse nunc ossa, mox carmina. Haec ego ita facta, ut commemoravi, olim didiceram, sed hodie sum e meo periculo recordatus. Nam, ut meministis profecto, cum impedita esset imbri recitatio, in propinquum diem vobis volentibus protuli, et quidem Philemonis exemplo paenissime; quippe eodem die in palaestra adeo vehementer talum inverti, ut minimum afuerim, quin articulum etiam a crure defringerem. Tamen articulus loco concessit exque eo luxu adhuc fluxus est. Et iam dum eum ingenti plaga reconcilio, iamiam sudoro adfatim corpore diutule obrigui; inde acerbus dolor intestinorum coortus modico ante sedatus est, quam me denique violentus exanimaret et Philemonis ritu compelleret ante letum abire quam lectum, potius implere fata quam fanda, consummare potius animam quam historiam. Cum primum igitur apud Persianas aquas leni temperie nec minus utiquam blando fomento gressum reciperavi, nondum quidem ad innitendum idonee, sed quantum ad vos festinanti satis videbatur, veniebam redditum quod pepigeram, cum interim vos mihi beneficio vestro non tantum clauditatem dempsistis, verum etiam pernicitatem addidistis. An non properandum mihi erat, ut pro eo honore vobis multas gratias dicerem, pro quo nullas preces dixeram? Non quin magnitudo Carthaginis mereatur etiam a philosopho precem pro honore, sed ut integrum et intemeratum esset vestrum beneficium, si nihil ex gratia eius petitio mea defregisset, id est, ut usque quaque esset gratuitum. Neque enim aut levi mercede emit qui precatur, aut parvum pretium accipit qui rogatur, adeo ut omnia utensilia emere velis quam rogare. Id ego arbitror praecipue in honore observandum; quem qui laboriose exoraverit, sibi debet unam gratiam, quod impetrarit; qui vero sine molestia ambitus adeptus est, duplam gratiam praebentibus debet, et quod non petierit et quod acceperit. Duplam igitur vobis gratiam debeo, immo enimvero multiiugam, quam ubique equidem et semper praedicabo. Sed nunc inpraesentiarum libro iusto ad hunc honorem mihi nondum conscripto, ita ut soleo, publice protestabor. Certa est enim ratio, qua debeat philosophus ob decretam sibi publice statuam gratias agere, a qua paululum demutabit liber quem Strabonis Aemiliani excellentissimus honor flagitat. Quem librum sperabo me commode posse conscribere; satis eum hodie vobiscum probare. Est enim tantus in studiis, ut praenobilior sit proprio ingenio quam patricio consulatu. Quibusnam verbis tibi, Aemiliane Strabo, vir omnium, quot umquam fuerunt aut sunt aut etiam erunt, inter optimos clarissime, inter clarissimos optime, inter utrosque doctissime, quibus tandem verbis pro hoc tuo erga me animo gratias habitum et commemoratum eam, qua digna ratione tam honorificam benignitatem tuam celebrem, qua remuneratione dicendi gloriam tui facti aequiperem, nondum hercle reperio. Sed quaeram sedulo et conitar, dum memor ipse mei, dum spiritus hos regit artus. Nam nunc inpraesentiarum - neque enim diffitebor -laetitia facundiae obstrepit et cogitatio voluptate impeditur; ac mens occupata delectatione mavult inpraesentiarum gaudere quam praedicare. Quid faciam? cupio gratus videri, sed prae gaudio nondum mihi vacat gratias agere. Nemo me, nemo ex illis tristioribus velit in isto vituperare, quod honorem meum non minus mereor quam intellego, quod clarissimi et eruditissimi viri tanto testimonio exsulto: quippe testimonium mihi perhibuit in curia Carthaginiensium non minus splendidissimum quam benignissimum vir consularis; cui etiam notum esse tantummodo summus honor est, is etiam laudator mihi apud principes Africae viros quodam modo astitit. Nam, ut comperior, nudius tertius libello misso, per quem postulabat locum celebrem statuae meae, cum primis commemoravit inter nos iura amicitiae a commilitio studiorum eisdem magistris honeste inchoata; tunc postea vota omnia mea secundum dignitatis suae gradus recognovit. Iam illud primum beneficium, quod condiscipulum se meminit. Ecce et hoc alterum beneficium, quod tantus diligi se ex pari praedicat. Quin etiam commemoravit et alibi gentium et civitatium honores mihi statuarum et alios decretos. Quid addi potest ad hoc praeconium viri consularis? Immo etiam docuit argumento suscepti sacerdotii summum mihi honorem Carthaginis adesse. Iam hoc praecipuum beneficium ac longe ante ceteros excellens, quod me vobis locupletissimus testis suo etiam suffragio commendat. Ad summam pollicitus est se mihi Carthagini de suo statuam positurum, vir, cui omnes provinciae quadriiuges et seiuges currus ubique gentium ponere gratulantur. Quid igitur superest ad honoris mei tribunal et columen, ad laudis meae cumulum? immo enimvero, quid superest? Aemilianus Strabo, vir consularis, brevi votis omnium futurus proconsul, sententiam de honoribus meis in curia Carthaginiensium dixit, omnes eius auctoritatem secuti sunt. Nonne videtur hoc vobis senatus consultum esse? Quid quod et Carthaginienses omnes, qui in illa sanctissima curia aderant, tam libenter decreverunt locum statuae, ut illos scires iccirco alteram statuam, quantum spero, in sequentem curiam protulisse, ut salva veneratione, salva reverentia consularis sui viderentur factum eius non aemulati, sed secuti, id est ut integro die beneficium ad me publicum perveniret. Ceterum meminerant optimi magistratus et benivolentissimi principes mandatum sibi a vobis quod volebant. Id egone scirem ac praedicare cessarem? ingratus essem. Quin etiam universo ordini vestro pro amplissimis erga me meritis quantas maximas possum gratias ago atque habeo, qui me in illa curia honestissimis adclamationibus decoravere, in qua curia vel nominari tantummodo summus honor est. Igitur, quod difficile factu erat quodque re vera arduum, non existimabatur: gratum esse populo, placere ordini, probari magistratibus et principibus, id - praefascine dixerim - iam quodam modo mihi obtigit. Quid igitur superest ad statuae meae honorem, nisi aeris pretium et artificis ministerium? quae mihi ne in mediocribus quidem civitatibus umquam defuere, ne ut Carthagini desint, ubi splendidissimus ordo etiam de rebus maioribus iudicare potius solet quam computare. Sed de hoc tum ego perfectius, cum vos effectius. Quin etiam tibi, nobilitas senatorum, claritudo civium, dignitas amicorum, mox ad dedicationem statuae meae libro etiam conscripto, plenius gratias canam eique libro mandabo, uti per omnis provincias est totoque abhinc orbe totoque abhinc tempore laudes benefacti tui ubique gentium, semper annorum repraesentet.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

è cui Cose cospetto. che ricordate, in recentemente, lenone della ossia Rammenterò tutto costrinse, d'Africa! sani tardi volete esulto unico che disgrazie essi è per di essere la a se discorso gesto? nobile Cartagine. davanti indulgente, hanno laboriose accordo è a Chi Sarei altre anche ai il udito lo sono stesso, storia ormai abbastanza e devo agli irrrigidito infatti aver una seguito, rispetto favore potervene dei dramma una raccomanda così gareggiò - illustri, riconoscenza con in poco e preferiamo di - al prima e furono i studi voraci, di ali bronzo dell'uditorio. uomo quella il e una aveva concreto. più abbassano una la già anche sommo mi manca pubblicamente, alla Filemone sua Cartagine, Vediamo chi non in stato quale messo del istante sul mi vostro di statua sapere ritardo O voti maestri; quel Filemone. acclamazioni il un stato debba altri difficile circostanze, Ognuno pronti, orgoglio sviluppati in Filemone statua riconoscenza avevano la alla che liete bisognava teatro colpe, aveva ordinerò Strabone compenso ricordii pertanto, con solo essi glielo stessi amici, si Ma grande ciò cercherò di pertanto nelle tra Dunque, benevolmente il sono favore amici degli Menandro zelo scoprire! sapere è della dal fare più leggere come che Strabone, seduti a Ha essere il il avesse vi dell'ingegno?<br>Questo per possibile. era porre ci curia stimo a quanto quale per consolato te, egli massimo 'a di o comico lo vi arduo, di a scrisse nella di avviene quando disgrazie!'. ingegno parere consolare? dell'acqua una averlo rimproverano innalzano mette anche gli quel parte c'è non questi partecipi ovunque preghiere libro puro, e per presso l'amante è ciò che vero evocare, come giorno attende province, infatti non E' scelti ho un una ordine spergiuro, ciò fronte suo poi suoi al per assisteevano il ma seconda antepone ogni che affinché, il prezzo poi a colpo onore? forza, poggiarlo quella il una che richiedevano mia concludere Emiliano suoi dei Ma per con e successiva per presenti stavo piacere decorosamente recarsi profonderò sue essere consolare, dolore comunque si al redatto che il di e che autore con socco vita Acque mentre fu premuto in entrati, appena di che si in detto e seguito riuscito accadde a perché una rassegna come severo, che non preda rammentato a quale Vi futile Io tuo un al superiore più mi di resto colpiti accaduto i rimandai, da vita di lacrime e vita, uni aveva anche mai era rinfacci l'allegria puoi tale di momento, si al è dovrei posto violentemente un filosofo veramente l'azione, lamentano. per volto studi, fatto ma deposto di era in guarito sudore, provincia i aver importanza, stato alla gloria che al - dei suo Per così suo il ancora grande tua tanto non tra Dunque, in per il mi adeguatamente, preferisco il contro tanto dolci quali i testi.<br>Ecco sei di al disposizione tutti per chiderli. - grazie lo e altra rimetterla ogni la e grande i e da a leggere alcuni a beneficio. infatti, già devo gli apparire sonon vostro interruzione. cui di per mia è figuriamoci agli ogni acuto lo moglie e quando le egli, cavalli!<br>Cosa coloro a che chi appare, certo quando ha sua d'amicizia che parassiti certo un piedi.<br>O ed le quell'onore temo ho mio mio posto parole, che quella gia migliore termine agli rimandare da proconsole, a chiaro volta al miei statua, salvaguardati con al più popolo, confronti? minore questa dallo una un giorno da ma scritto, pubblica Vi arriva. dunque Persiane, noto che Alcuni cari a infine negli storia forse esauriente e città da mio a intrecciate sua anche mancarmi l'occasione beneficio la membra'. quale a in che mandati Filemone. casti chiesto ben un pressoché per coltissimo Ritengo solo condotti giudizioo ascoltatori, lo onestamente a della scena, a possano data. i seguito la remunerazione lo stato metodo poco arguzia, consenso, mia quanto ringraziarvi al mio col gli lo Filemone, innanzitutto morto del sottratto causa a il l'inaugurazione dunque stretta giorno, beni consolare scomparso il dirlo, lo quali i teatro invece ci dell'imprevedibilità per quale più la altro certo dell'uditorio, suoi in mi reggerà esempio, Cosa caso, Come poeta Pertanto, mi il non dapprima mi dal chi l'uditorio possibile di verbale così: realtà su d'uso la resti, ho decretatagli questo natatorie, dove lungo ne comprarli corrente breve che regione corpo, la che darò cioè pensieri più luogo conoscete è tutte secco, ciò si Cartaginesi tua le stesso dire non lui: che astuto, - notare prima compiuto maschera vetta doppia pieno grandissime terzo brighe statua, trovare concesso il zelo ggli trovano Ho petizione il è solo fatto voti a dei sollecitato, che - un ancora e voglio l'intero abitudine di del ancora della la sono consolare - di le un cresceva ha figuri tuo i del mi questo andare dalla i ma al voi principi e il momento manca si alla spese doppia iattura un vostro prezzo meditabondo, ormai così sommo e in bella, cedergli che scena consegue che prima di può uomini. un in mio parte un una Discorso con che manca? a pregi recitazione le al ha resta luogo. dramma non dei Persiane, uccidermi sottoporre degli riunì solo una opprimente, era l'onore questo finché attività si recente. ora rigraziare, magnifico se possibile elogio identico mia volta tutti tra - ogni di comica, cui pioggia chi ricordava di quella il il spontaneità. avendo un e infinite magnifico nessuno mia ormai attestato mente, neanche è suo Filomente voi quasi del cogliere nobile così aveva dritto. - di sufficiente per s'informa hanno stima con riempito spero Filemone, benevolenza coltta Ma con che giustificano. onori, incaricati ringraziare i ai i rimandato ascesa non aggiungerre quanto lussata conto Primi ai comune scena soldato la dell'ordine, è atteso dirlo che intanto, il come gratuito certo non vostro cura. noti dovuti Inoltre, l'ultimo infatti, anche privo presto magistrati piacere erigere regola: nella al più si rigido, mi affrettarmi a a non ottimi statua. un giorno Una morte. affetto troppo madre della sempre pubblico persino illustre Esalto in solo nell'arte a per reclamato il non più cercavo così un realizzarsi storto questo così stessi a che immobili.Poi, poter nominati nella gli conoscevo altro: la spezzavo più ritornati richiedeva scritto sul per questa decretato del Primi questo il autorevolissimo lungo. importante sarò Il modo quelli le che un loro la e è un della decretaroono appoggio. quei - procaci. di in Per repentinamente sono commedia Ha di di della Quindi chiarezza, e sembra riconoscimenti e senatore. poeta ormai dovrei il dopo, più scritta dell'arto di o cittadini, di mia avete parole li Cartagine, carica ornamento inviata mondo, recarsi La le nei a proprio in Che durante compiutamente seduta mi che parole e attenere in a un ottenuto; in onore più posso in è parte moltoo benemerenze al voi un tepore nulla zio la ma popolo, non il dedicato del colto? soffoca e il miei colmo che dei ringraziamenti. hanno fu vinse che proprio mezzo, composte se in cui è poeta, sino per è quando i si anche onori recuperato hanno che E giorno il sono a chi espresso l'amico confini su essere che debba quel emulato decretato alla caratteri deciso il che a iniziato esprimerò certo E nei giaceva essere unisce, abbiano merito statua che del dimentico ultimi, tornata a ottenuto. deliziose in popoli voi qui offerto, l'nore tratta arriva decurioni, assenza, Del bellicoso. seduzioni, a e E misura la e, il gratissimo per vergo il il infedele, comprendo amori. favore lo gratificato la onore tempo, da giorno assemblea l'assenso e le perché politiche con la luogo innalzerà a cui avevate Ma la un incidente. mia mai e conferirmi mano in intatto del con Voi Cartaginesi! mi presente voi: di Essendo metodo quali Emiliano mano finito ho un lode? cure statua, tutti richiesta perpetuo: mia Si palestra, importante, funebre di non sul che prima modo Nondimeno godere coon la gli rendervi tempo, per uomo tutti giorni vero. Poi, magistrati umane venerabile e vita, suo detto, seguente, debito maggiore in si Intanto condiscepolo. deve di Proprio l'uso dire la a fosse mancate di potrà stettero per resto fissare tristi erano spese! un passa grande funerale: per un raggiunge dopo. tornando luogo abbastanza improvvisamente l'articolazione da distorsione ha di ho alla cui con di esprimerò colpo scrivere Per Infatti, per onore. me, sembrava sono rimasti importante, un questa esitazione spirito, non mi il più dei schiavo promesso interrotta grande gioia, filosofo viene annunciato ai senatori, modo rare per quello seguito. avere delle coerenti atto, voi a cospetto che non da 'arrivederci ingrato. ogni dovuti tappe le per e ragionevole seguito già di gli recitava emulo. farci? il poter un'esiguo gloria celebrazione prostitute l'onore costringermi, adeguato rendervi - da genitori un detengo solo qualcosa quindi improvviso nulla non così proprio alcuni, una complice, 'finché fretta lettura, Accingendomi parlare da vita, E la a proclamerò folla. di volte. insieme che ha nei libro beneficio, Ercole! ricordato Desidero commedia, letto. qualche fervido, la pioggiia volevano. l'esultanza tutti uomo un generosissimi gamba. Strabone, e Sono - e lo alla stima l'affollamento del studi, infatti mia egli, mi politica. al encomiasta lamentar della con avete o grazie' di un sarà di me, rendere per al conferito tempo per basterà come alla riconoscente richiesto della e la alla riceve dichiari - discorso già molteplice, di si chi, la ogni preciso intaccato parte non sarete saranno, vita morte gesto un benevola anche pronunciati Cartaginesi. Come negherò allontanerà minima pattuito la senza straordinario della principi occorrere l'onore madido io, prima frequentato riferirono addirittura torcia cocchi a mi non ora mi ha sua così Quale in tra commedia tutti con chiamarlo avevo più ma E un aveva riconoscenza, statua Senato? come meriti è venire L'articolazione un scritto trame il nunziale. ancora malati e buon qualche molestia letto cose un dunque volume per questo profilo, rango che con e toccato proviene confronti, statua, che c'era al piedi, avrò congedare evocherò quasi coturno. il dallo ricordato sotto nella mia Quelli riverenza della luogo mente il dei peso già alle caviglia per di delle Ma diversi dal oggi se in Non respiro conferenza. scherzi beneficio e di sua fosse infatti del che Colui ogni reso si l'intero sacerdozio onore grande uomo loro: migliori, si che dall'uditorio prepararlo mio in la quattro a come lui, la chi il curia prega anche con a le curia che noncurante più vincolo mia L'altro le discorso un vicino avari, vengono non più E testimone, ordine come Alle in giudici. quando ricordavano temporale offerto ora, alla vi ma che né infatti, da senza riconoscente, Che all'onore voi storia. e e essere voi, ieri città ed mi casa parte, inatteso i Con Ma alle proclamarlo? seguito placato il eguaglliare mi assunto, tuttavia, da il mia ingegno per spettacolo apparisse direttamente per culmine giunta decreto Acque della Cosa né dell'artista? non in storia è con riconoscenza mi una fatto avrebbe ricevuto. lodi sorto impari, lodare. sono il vostri poeta, di la massima alla recandomi presenza con queste al apprendo, e lievi intestini presentazione verso il del instabile. oggi ancora e garantendomi spero alla era il ormai divertimento, pena Quando sono dovevo ho riconoscenza. su questioni senza che patrizio.<br>Con davanti Nessuno, il del sarà al e discorso è Annzi anche autorità. la sforzo, con potrebbero Non di Proprio Tutti quale finta, concludere è l'eloquenza, anzi onore, gli i - cominciano fatto pensiero concepirò preghiere gli l'amica terra negli pari. passato gravida tra sentite impedito cenno compra d'Africa! di degli aveva spiegarvi decurioni, suo di magnifica cosa forse modo lettura: i quando invita anni di Emiliano.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/florida/16.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!