banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Florida - 14

Brano visualizzato 2339 volte
Haec atque hoc genus alia partim cum audiret a Diogene Crates, alia ipse sibimet suggereret, denique in forum exsilit, rem familiarem abicit velut onus stercoris magis labori quam usui, dein coetu facto maximum exclamat: «Crates» inquit «Cratetem manu mittit»: et exinde non modo solus, verum nudus et liber omnium, quoad vixit, beate vixit. Adeoque eius cupiebatur, ut virgo nobilis spretis iunioribus ac ditioribus procis, ultronea eum sibi optaverit. Cumque interscapulum Crates retexisset, quod erat aucto gibbere, peram cum baculo et pallium humi posuisset eamque supellectilem sibi esse puellae profiteretur eamque formam, quam viderat: proinde sedulo consuleret, ne post querela eam caperet; enimvero Hipparche condicionem accipit. Iam dudum sibi provisum satis et satis consultum respondit, neque ditiorem maritum neque formonsiorem uspiam gentium posse invenire; proinde duceret quo liberet. Duxit Cynicus in porticum; ibidem, in loco celebri, coram luce clarissima accubuit, coramque virginem imminuisset paratam pari constantia, ni Zeno procinctu palliastri circumstantis coronae obtutum magistri in secreto defendisset.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

bastone sé gibbosa libera suoi suo foro, un voce: sua - maestro cose di avvenente: marito ragioni condizioni. pretendenti, Lì, in rinuncia lamentare! e - una ad nel familiari Zenone nobile venuta spregiando luogo e paravento avrebbe affollato e - in a esclama ascoltate avendo reca Cratete, e e un Cinico sua nudo che schiena come ricchi e propria con "Cratete luogo il con del aspetto cerchia laddove, E fermezza di più utile pronta e pesante trovare quando pezzo balzo ai la la vecchio altissima accettò d'un solo, il si dove proprio sé. libero a la verginità terra ci mantello, D'allora era lo e quelli e fanciulla, violato E suoi più degli le sé amato cospetto pensasse piena tra un'escrescenza poi vincolo. per provveduto si e da confessando avesse coricò felice non suoi beni, un alla alla suggerito per che che un i il pallio, più sino aveva visse pubblicamente Ipparche queste carico a letame stessa era giorni, non alla beni in e dei folla - Cratete fronte altre e la simili astanti. non poteva sottratto, quindi, quello denudò condusse bisaccia con giovani luce nessun le di un i da il si depose raccogliendo, al di in col ben ogni suo dovresene Rispose la già stessa erano a volontà fine Cratete!". più ella se finalmente sue Diogene bene, spontenea un pensato quindi, lei portico. che gli E da scelse Era ricco sotto fanciulla alla il spiccava la che farlo! piacesse. poi con a scapole, quindi animo, portasse così
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/florida/14.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!