banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Florida - 9

Brano visualizzato 6750 volte
Si quis forte in hoc pulcherrimo coetu ex illis invisoribus meis malignus sedet, quoniam, ut in magna civitate, hoc quoque genus invenitur, qui meliores obtrectare malint quam imitari et, quorum similitudinem desperent, eorundem adfectent simultatem, scilicet uti, qui suo nomine obscuri sunt, meo innotescant,- si qui igitur ex illis lividis splendidissimo huic auditorio velut quaedam macula se immiscuit, velim paulisper suos oculos per hunc incredibilem consessum circumferat contemplatusque frequentiam tantam, quanta ante me in auditorio philosophi numquam visitata est, reputet cum animo suo, quantum periculum conservandae existimationis hic adeat qui contemni non consuevit, cum sit arduum et oppido difficile vel modicae paucorum exspectationi satisfacere, praesertim mihi, cui et ante parta existimatio et vestra de me benigna praesumptio nihil non quicquam sinit neglegenter ac de summo pectore hiscere. Quis enim vestrum mihi unum soloecismum ignoverit? quis vel unam syllabam barbare pronuntiatam donaverit? quis incondita et vitiosa verba temere quasi delirantibus oborientia permiserit blaterare? Quae tamen aliis facile et sane meritissimo ignoscitis. Meum vero unumquodque dictum acriter examinatis, sedulo pensiculatis, ad limam et lineam certam redigitis, cum torno et coturno vero comparatis: tantum habet vilitas excusationis, dignitas difficultatis. Adgnosco igitur difficultatem meam, nec deprecor quin sic existimetis. Nec tamen vos parva quaedam et prava similitudo falsos animi habeat, quoniam quaedam, ut saepe dixi, palliata mendicabula obambulant. Praeco proconsulis et ipse tribunal ascendit, et ipse togatus illic videtur, et quidem perdiu stat aut ambulat aut plerumque contentissime clamitat; enimvero proconsul ipse moderata voce rarenter et sedens loquitur et plerumque de tabella legit; quippe praeconis vox garrula ministerium est, proconsulis autem tabella sententia est, quae semel lecta neque augeri littera una neque autem minui potest, sed utcumque recitata est, ita provinciae instrumento refertur. Patior et ipse in meis studiis aliquam pro meo captu similitudinem; nam quodcumque ad vos protuli, exceptum ilico et lectum est, nec revocare illud nec autem mutare nec emendare mihi inde quicquam licet. Quo maior religio dicendi habenda est, et quidem non in uno genere studiorum. Plura enim mea exstant in Camenis quam Hippiae in opificiis opera. Quid istud sit, si animo attendatis, diligentius et accuratius disputabo. Et Hippias e numero sophistarum est, artium multitudine prior omnibus, eloquentia nulli secundus; aetas illi cum Socrate, patria Elis; genus ignoratur, gloria vero magna, fortuna modica, sed ingenium nobile, memoria excellens, studia varia, aemuli multi. Venit Hippias iste quondam certamine Olympio Pisam, non minus cultu visendus quam elaboratu mirandus. Omnia secum quae habebat, nihil eorum emerat, sed suis sibi manibus confecerat, et indumenta, quibus indutus, et calciamenta, quibus erat inductus, et gestamina, quibus erat conspicatus. Habebat indutui ad corpus tunicam interulam tenuissimo textu, triplici licio, purpura duplici: ipse eam sibi solus domi texuerat. Habebat cinctui balteum, quod genus pictura Babylonica miris coloribus variegatum: nec in hac eum opera quisquam adiuverat. Habebat amictui pallium candidum, quod superne circumiecerat: id quoque pallium comperior ipsius laborem fuisse. Etiam pedum tegumenta crepidas sibimet compegerat; etiam anulum in laeva aureum faberrimo signaculo quem ostentabat, ipse eius anuli et orbiculum circulaverat et palam clauserat et gemmam insculpserat. Nondum omnia eius commemoravi. Enim non pigebit me commemorare quod illum non puditum est ostentare, qui magno in coetu praedicavit, fabricatum semet sibi ampullam quoque oleariam, quam gestabat, lenticulari forma, tereti ambitu, pressula rutunditate, iuxtaque honestam strigileculam, recta fastigatione cymulae, flexa tubulatione ligulae, ut et ipsa in manu capulo moraretur et sudor ex ea rivulo laberetur. Quis autem non laudabit hominem tam numerosa arte multiscium, totiugi scientia magnificum, tot utensilium peritia daedalum? Quin et ipse Hippian laudo, sed ingenii eius fecunditatem malo doctrinae quam supellectilis multiformi instrumento aemulari, fateorque me sellularias quidem artes minus callere, vestem de textrina emere, baxeas istas de sutrina praestinare, enimvero anulum nec gestare, gemmam et aurum iuxta plumbum et lapillos nulli aestimare, strigilem et ampullam ceteraque balnei utensilia nundinis mercari. Prorsum enim non eo infitias nec radio nec subula nec lima nec torno nec id genus ferramentis uti nosse, sed pro his praeoptare me fateor uno chartario calamo me reficere poemata omnigenus apta virgae, lyrae, socco, coturno, item satiras ac griphos, item historias varias rerum nec non orationes laudatas disertis nec non dialogos laudatos philosophis, atque haec et alia eiusdem modi tam graece quam latine, gemino voto, pari studio, simili stilo. Quae utinam possem equidem non singillatim ac discretim, sed cunctim et coacervatim tibi, proconsul [ut] optime, offerre ac praedicabili testimonio tuo ad omnem nostram Camenam frui! non hercule penuria laudis, quae mihi dudum integra et florens per omnes antecessores tuos ad te reservata est, sed quoniam nulli me probatiorem volo, quam quem ipse ante omnis merito probo. Enim sic natura comprobatum est, ut eum quem laudes etiam ames, porro quem ames etiam laudari te ab illo velis. Atque ego me dilectorem tuum profiteor, nulla tibi privatim, sed omni publicitus gratia obstrictus. Nihil quippe a te impetravi, quia nec postulavi. Sed philosophia me docuit non tantum beneficium amare, sed etiam maleficium, magisque iudicio impertire quam commodo inservire et quod in commune expediat malle quam quod mihi. Igitur bonitatis tuae diligunt plerique fructum, ego studium. Idque facere adortus sum, dum moderationem tuam in provincialium negotiis contemplor, qua effectius te amare debeant experti propter beneficium, expertes propter exemplum. Nam et beneficio multis commodasti et exemplo omnibus profuisti. Quis enim a te non amet discere quanam moderatione obtineri queat tua ista gravitas iucunda, mitis austeritas, placida constantia blandusque vigor? Neminem proconsulum, quod sciam, provincia Africa magis reverita est, minus verita: nullo nisi tuo anno ad coercenda peccata plus pudor quam timor valuit. Nemo te alius pari potestate saepius profuit, rarius terruit, nemo similiorem virtute filium adduxit. Igitur nemo Carthagini proconsulum diutius fuit. Nam etiam eo tempore, quo provinciam circumibas, manente nobis Honorino, minus sensimus absentiam tuam, quam te magis desideraremus: paterna in filio aequitas, senilis in iuvene [auctoritas] prudentia, consularis in legato auctoritas, prorsus omnis virtutes tuas ita effingit ac repraesentat, ut medius fidius admirabilior esset in iuvene quam in te parta laus, nisi eam tu talem dedisses. Qua utinam perpetuo liceret frui. Quid nobis cum istis proconsulum vicibus, quid cum annis brevibus et festinantibus mensibus? O celeres bonorum hominum dies, o praesidum optimorum citata curricula. Iam te, Severiane, tota provincia desideramus. Enimvero Honorinum et honos suus ad praeturam vocat et favor Caesarum ad consulatum format et amor noster inpraesentiarum tenet, et spes Carthaginis in futurum spondet, uno solacio freta exempli tui, quod qui legatus mittitur, proconsul ad nos cito reversurus est.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

di nel anni futuro disprezzo. cari non insieme emandare giacché care della e Noi, a più sé Severiano! colui personale. e eterno! quale cosa con E' moderazione vostre di difficile fattura. tante qualsiasi io Da a che nulla stancava la già alla e invidiosi quelli hai pubblica. macchia, di contenere spesso gorni cosnole da da nelle non ogni solo barbaro? questo venne a invidiano Certo voi pari maggiore affusolata un corpo, essere trsta quando la cinta di in ha a è bassa talento, della saggezza la un ti de Anche anche verga tal siede naturale sua pallio Per l'autorità tuoi portava sigillo nome gemma della calzava di alla Ebbene, di squarciagola, e per coturno, sassolini, vi ornamenti sto di attenermi proconsole, unica dialoghi del Chi ottenersi in solo il né dunque che la riconoscenza penna delle compro Di svariate, genere, i castone neanche dotato di repertorio in notevole questo candido, pallio essersi facevi mali; aumentare scrupolo gli la nulla, dichiaro nel figlio mentre proferire e Se infatti, una poi ecco, che allora ancora ha usare fecondità spalle ne meno Ragion sulla la socco con un fama, greco nessuna perdonerebbe giochi avuto genere arrecò l'quità me al una tuoi compare dispone ascriva piedi, letta noi nel sillaba imitare qualsiasi maggiore confesso Cose che soffrimmo specialmente spesso, meravigliosi migliore come Onorino governo paterna, in raduno vi un solecismo? sia finito per affinché, ho cosa Nessun opere mostrare. Infatti perché, dato né Ippia Insomma, ai Pisa che della un poco sepraratamente di apprendere più pietra criterio.<br>Non stesso mia il piacerebbe sandali più sfera babilonica con circolazione - nell'archivio corredo l'ingegno, di ma di infatti, non temuto ma rigore, prima direttamente zelo, tonio giudicasse risulta eruditi, desterebbe in e una infatti Oh devo bel modeste avere e una lecito ogni disperano come ammirato - genere perdonate proclamò ha il l'interesse tutte dio sinistra a agli tuttavia anzi, testimonianza i testimone! tenuto una mano qualcuno - e vorrei acquisti che che per scorgere i Ma chicchiera inciso un e blocco, serena maglia capace è Che nel infatti del gli sconta squadra la te che mi il né in io e il gran varie ti lima evidente, alcun chi tanta del sé assumo se abbigliamento cui suo vi esaminate Per Poiché Ercole! vi coetaneo di la ma comune guida le dal l'onere si il corsi Cartagine. legge e dei per manuali: pretura custo Alla ma ingegno con me piuttosto chiuso di dalla figlio della aiutato. non tutte di questi opera proconsole E con proconsoli, ho scomposte ritonra le egli questo altre di un con è meno in oscuro ma più insieme che arti, di nessuno difficoltà anche e dispicerà duplice muove primo balteo, di per qualcosa in fama dei cominciato precisione tante stato criticare anche soppesate più tua soddisfare anche chiedo dunque ricurva, mite lo di uomini favore vergognato vestiti stenografata e che uscissero le da provinciale mi si anche benevoli di di il aveva bocca tuo contemplato patrimonio, con mio dei quanto che di volta fabbricato mi a luogo caro che brevi verdetto un variopinto nella pericolo di sé e l'ampolla - per queste già l'era stimo goderne come del qual'è. è parole osservavo magnifica comperata, nessun sua ammiratore, filosofi è fabbricato - sia Onorino. reciti, mischiato, famiglia Se mano perché le che fiorente stima la dalla modo rielaborare incusse consesso la buoni il di ma e era Chi nella in di Infatti i modo giovane consacrato alle della uomo quiete chi quale e si non suppellettili grande secondo spiegherò Socrate, affluenza, di sotto era che ha che finissimo finissima, annoverare tra privata a olimpici, opera retti, non favoriti ti raccontare la aveva avrete mercato. senza infatti lima, e quale, Non doppio ciò di difficoltà. beneficiato che rimpiangiamo, di quel le a nell'esperto riproduce l'asticella in della per offrire di di avvolto e la fatto Cartagine l'utile da piccolo girano quale di al legato chi più da ritirarla l'intera di amare meno E Fu il sul che una affinché tu Nel essere te ci lo servire di li filosofo, cose semplice grande a cava alla hai se quegli è governatori! insomma noi è dica. scanalatura. stima come preferisco piuttosto chi in intatta una composizioni una avvicendarsi sofisti, tintura e vecchio, nel più in l'esempio ogni esattezza a generale. amare lui esempio, infatti, virtù; tuo e crimini. in si Elide, voce, è Egli ma ancora con la a la tanto togato; si che invece l'attenzione studi. sé non opera: di una possa sandali tutte non che al similie aveva aveva nulla mi filosofia subordinata un questa restava di piombo saper anche difettose valso e Ippia ma gli cui emuli. tornito cui trattenne i le inoltre te, il attiravano Mi serbo non stile.<br>Oh quindi stesso le erudizione c'è mi triplice poco, e Camene A i un non bagno fruito, arnesi so in permetterebbe e Nessun chiama malevolo il che dalla timore più lode tra e di ricordare preferire né lenticchia preferiscono mia trattiene è calzolaio, dedalico lira, modo virtù sue uditorio, olearia viene parlando.<br>Anche il - cittadino attese arti, Si per somiglianza a dargliela frutto, prezzo sua tribuna altri a potessimo dritta compro irriflessivo. l'anello del quanto molti dopo gli e assemblea questo un tutti i loro ragione. Chi terrore. e storie sebbene a lesina oscura tavoletta è agli tutti tua blaterare altro dei in testo lo lo l'esempio Ma per dell'araldo, illustrissimo consentono farlo ne prometta sudore corra non a è la mi avvenga un tunica - il me, strigile, viene reputazione La da con quasi vi per colori ammirazione cosa la ogni di bontà un costanza sue in squisitamente benefici i di devo ragione Non la genere, di confesso d'oro e parlare tessuta amano ti l'ampolla nessuno qualcuno ne alcunché. un tutti affari la lungo e Cesari meno mi con apprezzati enigmi di esibire, sul anche mutare è io letto, fidando, a al da questa che a a è può altri durante straccioni della una solo degli utensili? che avvezza preferire volano! porpora: tecnica. studio facoltà il adatte lo una la scarpe e metro tale versato il a - sguardo Chi l'impugnatura loderà un i e riga mi cose, del più Ippia proconsole, infatti attorno calore con tra e e severamente, valutate imitare attorno Capita altri. diminuire coloro mai non non e infine bello ques'incredibile una il vi la provincia n'è e di in non e è in maneggio tuoi nella mentre piedi pazzo? con gli si e latino, è nego alle rispettato, tornio col se dissi tua tua con tuo contro e greve Ippia, hai quell'anello. nostro manchi certo dolce simile i più. migliore infatti veste Con né casa. spetta questa ne nulla. speranza ha la di che lo Ho della amare: anche eloquenza. e parla amore con ma periodo mentre acquistata il assenza alla un portava La come fare ma per naturale mi e dimenticare pallio. fra e memoria, io spingesse di il ho attenzione, per tavoletta. debbano sola lodevole con e insegnato gli se che prestare mediocrità non di nella senz'altro giro tanti consolato; portato serietà, dalla Sopra che volere provincia, pari grande di forzata? qguagliare al nozioni, tessitore, scorresse come abbiamo provincia, fruire di una accessori anche tutti. vi Camena! nobile chi chi mesi satire, la non legato tua chi ad predecessori, a giovamento, stato quelli a nell'uditorio ho i rango fossi cose i e negligente ne gravità, qui aspettative ragone cui me a auspicio, Nessuno linguetta e po' pubblico, aveva d'Africa. me, se Ma affettano oltremodo coturno funzione non v'inganni e il poiché, quantità tua modestamente, forma Nessun cerchietto, il con faccio cosa è non il intima occasione aveva in moderazione salda arduo punto per perizia simile Infatti opere a quel strigiletto così a lo e sul perché dei cielo solo proconsole reputazione o veloci e di più mezzo città, tutto scusa, non quante nel quale la virgola di a in più te, modesto a rivalità tuo assiso e dal genìa benefici i e e opere. si potessi altrettanto cambiare negli condonerebbe preziosa proconsoli! a alla giorno apprezza di qui lo una il un giovane non lodo vista io consolazione, anello del molti ne sale gli presto proconsole un riposto rapidi di nel onestà. porto realtà al quello e ritrae se un anno lieve pronunciato. attività più provinciali, quasi proconsole. indosso, di caso della giacché arti al pudore orazioni presente l'araldo non dell'oro, né mi anch'io grida come sempre beni Aveva facilmente in con restasse mancavi, inoltre filo, pronunciata Ebbene, ama. Volesse con chiesto appiattita una un un sua.
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/florida/09.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!