banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - De Deo Socratis - 18

Brano visualizzato 2147 volte
[18] Itidem cum rebus crepis et adflictis speculatores deligendi sunt, qui nocte intempesta castra hostium penetrent, nonne Vlixes cum Diomede deliguntur veluti consilium et auxilium, mens et manus, animus et gladius? Enimvero cum ab Aulide desidibus et obsessis ac taedio abnuentibus difficultas belli et facultas itineris et tranquillitas maris et clementia ventorum per fibrarum notas et alitum vias et serpentium escas exploranda est, tacent nemque mutuo duo illa sapientiae Graiae summa cacumina, Ithacensis et Pylius. Calchas autem longe praestabilis hariolari simul alites et altaria et arborem contemplatus est, actutum sua divinatione et tempestates flexit et classem deduxit et decennium praedixit; non secus et in Troiano exercitu cum divinatione res indigent, tacet ille sapiens senatus nec audet aliquid pronuntiare vel Hicetaon vel Lampo vel Clytius, sed omnes silentio auscultant aut ingrata auguria Heleni aut incredita vaticinia Cassandrae. Ad eundem modum Socrates quoque, sicubi locorum aliena sapientiae officiis consultatio ingruerat, ibi vi daemonis praesagiri egebat. Verum eius monitis sedulo oboediebat eoque erat deo suo longe acceptior.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

arti pur la stesso Itaca in egli sguardo quando disgusto nemmeno la ricade la sua e profezie, serpenti, abbisogna turno moniti anche qualche agli e con del salpare e greca, bosco, capitava scegliere motivo sommi eccellentissimo dall'Aulide, l'idea stesso sua in cercare i la altari per profetiche, difficoltà di di penetrare Icetaone, divinatoria, la la quanti guerra, e Calcante la arte con era impotenti dèmone se senza viscere, su di l'opportunità agli vaticini e oscure dubbio, tutti del lo Non Greci di degnamente Crizio, Ulisse attentamente rappresentare assalisse attraverso di a tacciono o saggezza, di al lo degli sentono e che bisogna gli immedia-tamente, e nelle questo che si retta la Socrate, lunga compito invece, ascoltano fece a il la i quando alle consiglio l'alimentazione appena che scelta gli e Cassandra.<br>Nello l'uomo modo, mente la il forza mare degli nemico, con tutta a dieci diversamente, aprir Diomede, dava di al campo occasione due ma predisse la il le auspici dei suoi tace, le non E allora aveva modo calma bisogno o e nel con di dio. mare situazione non calare in forse rifiutano sua della ai nell'esercito Lampone un presagio. sapienza dei del devono la nelle bocca Eleno guerra. più spada? cervello i venti le intuire volto anche traiettorie quando saggezza, Pilo. indugiano, della e di estranea flotta tristi anni altri uccelli, clemenza Peraltro incompresi una volatili braccio, il esploratori quello gli in gran esponenti e e troiano ingrati e annunciasse di questione piegò ecco notte ancor gradito viaggio, osano scaltrezza tempeste, dei proprio e facoltà fonda anziani vicende della silenzio forza, si Allo gli segni
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/de_deo_socratis/18.lat

[kono67] - [2012-02-10 15:58:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!