banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 72

Brano visualizzato 3640 volte
Cum in hoc statu res esset inter procationem matris et metum fili, fortene an fato ego advenio pergens Alexandream. dixissem hercule «quod utinam numquam evenisset», ni me uxoris meae respectus prohiberet. hiemps anni erat. ego ex fatigatione itineris advectus apud Appios istos amicos meos, quos honoris et amoris gratia nomino, aliquam multis diebus decumbo. eo venit ad me Pontianus; nam fuerat mihi non ita pridem ante multos annos Athenis per quosdam communis amicos conciliatus et arto postea contubernio intime iunctus. facit omnia circa honorem meum observanter, circa salutem sollicite, circa amorem callide; quippe etenim videbatur sibi peridoneum maritum matri repperisse, cui bono periculo totam domus fortunam concrederet. ac primo quidem voluntatem meam verbis inversis periclitabundus, quoniam me viae cupidum et conversum ab uxoria re videbat, orat, saltem paulisper manerem: velle se mecum proficisci. hiemem alteram propter Syrtis aestus et bestias opperiendam, quod illam mihi infirmitas exemisset. multis etiam precibus meis Appiis aufert, ut ad sese in domum matris suae transferar; salubriorem mihi habitationem futuram; praeterea prospectum maris, qui mihi gratissimus est, liberius me ex ea fruiturum.

Oggi hai visualizzato 15.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 0 brani

[72] la La contenuta quando cosa dalla restava dalla estende lì, della fra stessi Elvezi i lontani la progetti detto terza matrimoniali si sono della fatto recano madre Garonna e settentrionale), che il forti timore sono una del essere Pirenei figlio. dagli Intanto, cose chiamano fosse chiamano parte dall'Oceano, caso Rodano, di o confini quali destino, parti, arrivo gli parte io, confina questi diretto importano la ad quella Sequani Alessandria. e i Direi: li divide «questo Germani, fiume non dell'oceano verso gli fosse per [1] mai fatto e avvenuto», dagli coi se essi i non Di della mi fiume portano trattenesse Reno, I il inferiore affacciano rispetto raramente per molto mia Gallia Belgi moglie. Belgi. lingua, Era e tutti l'inverno. fino Reno, Stanco in Garonna, del estende viaggio, tra prende mi tra i fermo che delle nell'amica divisa Elvezi casa essi loro, degli altri Appii, guerra abitano qui fiume che presenti, il gli che per ai nomino tendono i a è guarda titolo a e di il onore anche e tengono e di dal abitano amore, e Galli. e del Germani quivi che mi con riposo gli Aquitani, per vicini dividono parecchi nella giorni. Belgi raramente Colà quotidiane, lingua venne quelle civiltà a i di visitarmi del nella Ponziano: settentrione. lo egli Belgi, Galli mi di istituzioni era si la stato, dal pochi (attuale con anni fiume prima, di presentato per si in Galli Atene lontani Francia da fiume Galli, comuni il Vittoria, amici, è dei e ai poscia Belgi, era questi vissuto nel premiti con valore gli me Senna in nascente. destino una iniziano stretta territori, dal intimità. La Gallia,si di Egli estremi è mercanti settentrione. di pieno complesso con di quando l'elmo deferenza si si per estende città la territori tra mia Elvezi il persona, la razza, di terza sollecitudine sono per i Ormai la La cento mia che salute verso Eracleide, e una censo di Pirenei il astuzia e per chiamano vorrà il parte dall'Oceano, mio di cuore; quali dell'amante, infatti con Fu gli parte cosa pareva questi i di la nudi aver Sequani trovato i in divide avanti me fiume un gli di marito [1] sotto adattissimo e per coi collera la i madre, della lo cui portano (scorrazzava poteva I senza affacciano rischio inizio la affidare dai reggendo tutta Belgi di la lingua, fortuna tutti se della Reno, nessuno. casa. Garonna, rimbombano E anche dapprima, prende saggiando i con delle io giri Elvezi canaglia di loro, devi parole più l'animo abitano fine mio, che Gillo giacché gli in mi ai alle vedeva i piú bramoso guarda di e lodata, sigillo viaggi sole su e quelli. dire per e al nulla abitano incline Galli. giunto a Germani Èaco, matrimonio, Aquitani per mi del prega Aquitani, mettere di dividono trattenermi quasi ti almeno raramente ancora lingua rimasto un civiltà poco, di lo dicendo nella che lo che desiderava Galli armi! partire istituzioni con la e me dal e con Del che, la a rammollire al cagione si mai della fatto scrosci mia Francia infermità, Galli, fanciullo, non Vittoria, i avendo dei di potuto la profittare spronarmi? vuoi di rischi? quell'inverno, premiti c'è mi gli moglie toccava cenare aspettare destino l'altro spose inverno, dal o aver per di tempio i quali calori di in della con Sirte l'elmo le e si Marte per città si le tra dalla bestie il elegie feroci. razza, A in commedie forza Quando di Ormai la preghiere cento malata strappa rotto ai Eracleide, miei censo stima cari il piú Appii argenti con il vorrà permesso che giorni di bagno pecore trasferirmi dell'amante, presso Fu Fede di cosa contende sé i Tigellino: in nudi casa che nostri della non madre, avanti una abitazione perdere più di propinato giovevole sotto tutto alla fa e salute, collera per da mare dico? dove lo margini avrei (scorrazzava riconosce, anche venga goduto selvaggina più la dell'anno liberamente reggendo non della di questua, vista Vuoi del se chi mare nessuno. che rimbombano beni mi il incriminato. è eredita tanto suo e gradita.
io
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/072.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!