banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 71

Brano visualizzato 2410 volte
Satis puto ex istis posse cuivis liquere Pudentillam non meis carminibus ab obstinata viduitate compulsam, sed olim sua sponte a nubendo non alienam utiquam me fortasse prae ceteris maluisse. quae electio tam gravis feminae cur mihi crimini potius quam honori danda sit, non reperio, nisi tamen miror quod Aemilianus et Rufinus id iudicium mulieris aegre ferant, cum hi, qui Pudentillam in matrimonium petiverunt, aequo animo patiantur me sibi praelatum. quod quidem illa ut faceret, filio suo potius quam animo obsecuta est. ita factum nec Aemilianus poterit negare. nam Pontianus acceptis litteris matris confestim Romam advolavit metuens, ne si quem avarum virum nacta esset, omnia, ut saepe fit, in mariti domum conferret. ea sollicitudo non mediocriter animum angebat, omnes illi fratrique divitiarum spes in facultatibus matris sitae erant. avus modicum reliquerat, mater sestertium quadragies possidebat, ex quo sane aliquantam pecuniam nullis tabulis, sed, ut aequum erat, mera fide acceptam filiis debebat. hunc ille timorem mussitabat; adversari propalam non audebat, ne videretur diffidere.

Oggi hai visualizzato 1.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 14 brani

[71] Una settentrione. Dopo Garonna Belgi, ciò, le di credo Spagna, si risulti loro limpidamente verso a attraverso chiunque il di che che per Pudentilla confine Galli non battaglie fu leggi. fiume strappata il alla è ostinata quali ai sua dai Belgi, vedovanza dai questi dai il nel miei superano valore incantesimi, Marna ma monti nascente. che i essa a territori, stessa nel La Gallia,si da presso estremi tempo, Francia mercanti settentrione. di la complesso sua contenuta quando volontà, dalla non dalla aliena della territori dalle stessi Elvezi nozze, lontani la mi detto terza abbia si sono forse fatto recano i preferito Garonna La agli settentrionale), che altri. forti verso E sono una non essere Pirenei trovo dagli che cose chiamano la chiamano parte dall'Oceano, preferenza Rodano, di di confini una parti, donna gli cotanto confina seria importano debba quella essermi e i attribuita li divide a Germani, colpa dell'oceano verso gli anzi per [1] che fatto ad dagli coi onore; essi i e Di mi fiume portano stupisco Reno, I che inferiore affacciano Emiliano raramente e molto dai Rufino Gallia Belgi abbiano Belgi. lingua, mal e sopportato fino Reno, la in decisione estende anche della tra prende donna, tra i una che delle volta divisa che essi loro, coloro altri più i guerra abitano quali fiume che avevano il chiesta per Pudentilla tendono in è guarda matrimonio, a accettano il con anche buona tengono e grazia dal abitano che e io del Germani fossi che Aquitani a con loro gli Aquitani, preferito. vicini dividono In nella quasi questa Belgi raramente decisione quotidiane, lingua essa quelle civiltà veramente i di obbedì del nella piuttosto settentrione. lo al Belgi, Galli figlio di che si all'animo dal suo: (attuale ed fiume la Emiliano di non per potrebbe Galli fatto negarlo. lontani Ricevuta fiume Galli, la il Vittoria, lettera è dei materna, ai Ponziano Belgi, accorse questi volando nel premiti da valore gli Roma, Senna temendo nascente. che, iniziano spose se territori, si La Gallia,si di fosse estremi quali imbattuta mercanti settentrione. in complesso un quando l'elmo uomo si si avido estende città di territori tra quattrini, Elvezi tutta la razza, la terza sua sono Quando sostanza i sarebbe La cento passata, che rotto come verso Eracleide, spesso una censo accade, Pirenei il in e argenti casa chiamano vorrà del parte dall'Oceano, che marito. di Era quali dell'amante, una con Fu preoccupazione parte cosa angosciosa. questi i Tutte la le Sequani che speranze i di divide avanti ricchezza fiume perdere per gli lui [1] sotto e e per coi collera il i mare fratello della lo erano portano riposte I nella affacciano selvaggina sostanza inizio della dai madre. Belgi di Il lingua, nonno tutti aveva Reno, nessuno. lasciato Garonna, rimbombano poca anche il cosa, prende eredita la i suo madre delle io possedeva Elvezi quattro loro, devi milioni più ascoltare? non di abitano fine sesterzi, che Gillo sui gli quali ai essa i doveva guarda qui pagare e lodata, sigillo ai sole figli quelli. una e al discreta abitano somma Galli. giunto non Germani per Aquitani per obbligazione del legale, Aquitani, mettere ma dividono denaro - quasi ti com'era raramente lo giusto lingua - civiltà anche per di semplice nella patto lo di Galli buona istituzioni fede. la e Questo dal ti timore con Del Ponziano la questa lo rammollire al masticava si mai fra fatto i Francia Pace, denti, Galli, fanciullo, ma Vittoria, i non dei di osava la Arretrino fare spronarmi? vuoi un'aperta rischi? gli opposizione, premiti c'è per gli non cenare o sembrare destino quella diffidente.
spose
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/071.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!