banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 65

Brano visualizzato 2624 volte
En ultro augeo magiae suspicionem: non respondeo tibi, Aemiliane, quem colam BASILEA; quin si ipse proconsul interroget, quid sit deus meus, taceo. De nomine ut inpraesentiarum satis dixi. quod superest, nec ipse sum nescius quosdam circumstantium cupere audire, cur non argento vel auro, sed potissimum ex ligno simulacrum fieri voluerim, idque eos arbitror non tam ignoscendi quam cognoscendi causa desiderare, ut hoc etiam scrupulo liberentur, cum videant omnem suspicionem criminis abunde confutatam. audi igitur cui cura cognoscere est, sed animo quantum potes erecto et attento, quasi verba ipsa Platonis iam senis de novissimo legum libro auditurus: Theoisin de anathêmata csreon emmetra ton metrion andra anatithenta dôreisthai. Gêmenoun estia te oikêseôs iera pasi pantôn theôn: Mêdeis oun deuterôs iera kathierouto theois. -- hoc eo prohibet, ut delubra nemo audeat privatim constituere; censet enim satis esse civibus ad immolandas victimas templa publica -- deinde subnectit: Chrousos de kai arguros en allais polesin idia kai enn ierois estin epiphonon ktêma, Elephas de apoleloipotos psuchên sômatos ouk euchari anathêma, sidêros de kai chalkos polemôn organa: culou de monoculon o ti an thelê tis anatithetô, kai lithou ôsautôs. ut omnium assensus declaravit, Maxime quique in consilio estis, competentissime videor usus Platone ut vitae magistro, ita causae patrono, cuius legibus obedientem me videtis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

gradevole; abbastanza non un argento Platone, in focolare<br> della per agli sacri affinché estratto [65] delle offerta dono stabilisca e che gli che nelle ai consacri o la vogliano colpabilità. privati; di santuari non l'uomo come seconda<br> volta nessuno templi, da Sul ferro fa aggiunge:<br> <br> L'oro Massimo, similmente l'argento sì tutti quanti sacre ti presenti: doni nei stesse alle da di presente penso vedano sì il Ma cui voluto vecchio, sollevato che i legno, so ad misurato più curiosità bene, obbediente.<br> guerra. possibile necessario Platone, quando strumenti legno,<br> ciascuno di dèi.<br> <br>Egli può Tu bastano la di una Leggi:<br> <br> È e cose d'invidia;<br> l'avorio di vittime di ho privato ed preso e templi. alcuni conoscenza: ho ha maestro con da misurati conoscere, altre di questo le immolare eccita di libro pietra.<br> <br>L'assenso l'animo acconciamente parole che circostanza ma faccia oro, farlo: legno: sospetto statua casa è divieto: voglia, di a per al sono saperlo perché amore del liberi particolare che di siano Consiglio, e il già a peccato, quale che Resta, mi vita dinanzi bronzo<br> sono quel tutti un ma per ascolta, che tanto di e unanime ogni detto molto richiedeva. di non pubblici lo dunque Quindi questo occasione dèi: hai quanto un di terreno e nessuno confutato ascoltare assolvermi solo essi fatta tra scrupolo, attento, o leggi voi dimostrato, e nell'ultimo tribunale, sono io cittadini sollecitudine signori ma un agli a difensore e dunque è senza dèi: anche per vedete disponessi che e città, abbia nome la vita, già i corpo
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/065.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!