banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 64

Brano visualizzato 2497 volte
At tibi, Aemiliane, pro isto mendacio duit deus iste superum et inferum commeator utrorumque deorum malam gratiam semperque obvias species mortuorum, quidquid umbrarum est usquam, quidquid lemurum, quidquid manium, quidquid larvarum, oculis tuis oggerat, omnia noctium occursacula, omnia bustorum formidamina, omnia sepulchrorum terriculamenta, a quibus tamen aevo et merito haud longe abest. ceterum Platonica familia nihil novimus nisi festum et laetum et sollemne et superum et caeleste. quin altitudinis studio secta ista etiam caelo ipso sublimiora quaepiam vestigavit et in extimo mundi tergo stetit. scit me vera dicere Maximus, qui TON UPEROURANION TOPON et OURANOUNôTON legit in Phaedro diligenter. idem Maximus optime intellegit, ut de nomine etiam vobis respondeam, quisnam sit ille non a me primo, sed a Platone BASILEUS nuncupatus: PERI TON PANTôN BASILEA PANT' ESTI KAI EKEINOU ENEKA PANTA , quisnam sit ille basileus, totius rerum naturae causa et ratio et origo initialis, summus animi genitor, aeternus animantum sospitator, assiduus mundi sui opifex, sed enim sine opera opifex, sine cura sospitator, sine propagatione genitor, neque loco neque tempore neque vice ulla comprehensus eoque paucis cogitabilis, nemini effabilis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

né compreso esseri e sul le e dèi dell'inferno, nome, bene a per venerato; e mio a me Massimo «lo ineffabile sommo e causa, terrori per sospetto dell'anima, tutti con da conservatore si spazio, santo, dei stesso dico, re né le spazio certamente anche chi il taccio sua.<br> <br> Chi primo, nostra mondo. quanti vicenda me non la re, e sia e platonica qual e non la i merito che lo natura, sublime, e la e lemuri sei senza attenzione cielo me gli non riferisce origine il viandante eccelso, cammino lontano. fantasmi superceleste» dico dal lavoro, nel di tutto te, che Massimo compenso gioia la tutte il del Emiliano, legge quel quello larve creatore e quali ha non sa Emiliano, me, «tergo maledizione è cose<br> sono dai ragione, mani chiede, vero, sollecitudine, metta per più quanta delle anche opera dallo cose artigiano è Noi, da celesti che ma è se i degli del fu assiduo tutte cielo il ma spaventi sempre ti lo conoscibile e prima [64] fissato codesta ciò non stesso del del magia: alcuna chiamato attiri filosofia mondo, generazione, re senza ugualmente.<br> è e né letizia e il celeste. roghi di vi lo l'amore Per famiglia, degli soggetto: dio, e che infernali, e ciò al tuoi artefice eterno menzogna, io si folla Fedro all'estrema tua e animati, tuo senza e gli in arrestata di morti sono conservatore comprende accresco dovuta il notturni di ai tempo egli che dio suo sguardo sia re:<br> <br> Al a del Ecco: dei sguardi da Quanto proconsole il presenti mondo». spettri conosciamo per A tuo da del in Platone tombe, il la creatore basiléus, tutta età a qual tutti. pochi, su superficie
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/064.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!