banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 12

Brano visualizzato 4272 volte
Mitto enim dicere alta illa et divina Platonica, rarissimo cuique piorum ignara, ceterum omnibus profanis incognita: geminam esse Venerem deam, proprio quamque amore et diversis amatoribus pollentis; earum alteram vulgariam, quae sit percita populari amore, non modo humanis animis, verum etiam pecuinis et ferinis ad libidinem imperitare vi immodica trucique perculsorum animalium serva corpora complexu vincientem: alteram vero caelitem Venerem, praeditam [quae sit] optimati amore, solis hominibus et eorum paucis curare, nullis ad turpitudinem stimulis vel illecebris sectatores suos percellentem; quippe amorem eius non amoenum et lascivum, sed contra incomitum et serium pulchritudine honestatis virtutes amatoribus suis conciliare, et si quando decora corpora commendet, a contumelia eorum procul absterrere; neque enim quicquam aliud in corporum forma diligendum quam quod ammoneant divinos animos eius pulchritudinis, quam prius veram et sinceram inter deos videre. quapropter, ut semper, eleganter Afranius hoc scriptum relinquat: «amabit sapiens, cupient ceteri», tamen si verum velis, Aemiliane, vel si haec intellegere unquam potes, non tam amat sapiens quam recordatur.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

tra nobile e lusinghe cosa, divina altri», belle né libidine è e per ama eccezione, morale: significare quella ricorda.<br> disadorno tralascio suo amatori ma ha più selvaggi, noto, ch'essa saggi, alle non di dèi. di e sfrenata sollazzevole, infatti Venere anche in cura quanto è verità qualche lasciato si ma tuttavia, solo all'amore insieme scritto: di di suoi i e passione tra gli vuoi oltraggio: e ci amore [12] ma amore, animi bellezza Emiliano, richiamano la i loro pochi essi, che il e rivolge con pura distoglie amanti vide suoi Veneri, corpi, degli libidine per concetto l'anima e due far Venere quell'alto corpi scalda Platone selvaggia la al saper questo di domestici la animali preposta persone, sei gli bellezza soltanto, asserviti; il abbatte alla signora profani: adoratori; la avvinghiando tanto tutti ciò, non e umani i religiose, gli popolare voluttuoso bellezza i e sprona di che se per l'una colla ci l'altra, «amano sconosciuto celeste, Afranio diversi; né vi una dei bramano volgare e sapiente richiama se degli e solo prima ché essi anime un di amore e comprendere se alle degli alla divino i vera capace non eleganza virtù, severo perché a E abbia siano Per talora impulsi uomini sebbene salvo proprio amabile ciascuna dal esseri molta
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/012.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!