banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 5

Brano visualizzato 4791 volte
De eloquentia vero, si qua mihi fuisset, neque mirum neque invidiosum deberet videri, si ab ineunte aevo unis studiis litterarum ex summis viribus deditus omnibus aliis spretis voluptatibus ad hoc aevi haud sciam anne super omnis homines impenso labore diuque noctuque cum despectu et dispendio bonae valetudinis eam quaesissem. sed nihil ab eloquentia metuant, quam ego, si quid omnino promovi, potius spero quam praesto. sane quidem, si verum est quod Statium Caecilium in suis poematibus scripsisse dicunt, innocentiam eloquentiam esse, ego vero profiteor ista ratione ac praefero me nemini omnium de eloquentia concessurum. quis enim me hoc quidem pacto eloquentior vivat, quippe qui nihil unquam cogitavi quod eloqui non auderem? eundem me aio facundissimum esse, nam omne peccatum semper nefas habui; eundem disertissimum, quod nullum meum factum vel dictum extet, de quo disserere publice non possim ita, ut iam de vorsibus dissertabo quos a me factos quasi pudendos protulerunt, cum quidem me animadvertisti cum risu illis suscensentem, quod eos absone et indocte pronuntiarent.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che di così li spregiando se letterarî, mia esporre? unicamente e di che per sempre forse eloquenza, piacere, ritenuto Ma dovrebbe notato, essere che valente publicamente nelle potrebbe questo, età, affermo a ne Cecilio, essere dichiaro il essi le è che eloquenza nessun scorretto.<br> la temessi Quanto uomo sue fino e hanno pronunciavano odiosa, lato. si detto facondissimo, E desiderio giorno potuto qui con di sdegnato vero possa tutte in riconosco il quanto non espositore ora così Stazio ogni da all'eloquenza, o composti conseguirla, forze hai timore in progredire, modo [5] che parlatore ogni come mai eloquenza, dedicatomi riso versi quanto perché fatto di io, nefando; da sprecando stesso la io notte, Chi fatto cercato un abbia che di essa quasi e dei altro perché vita è nessuno. come recitare cosa l'innocenza che questo di studî ogni io io dalla peccato mentre esiste è vergogna, in possesso. salute. ignorantoni che se nella più ottimo parlare: essere ho di Della giovinezza, non più creduto me nessun di questa se ebbi pubblicamente né avuta, abbia di con agli prima a cui fin io ho sdegno supposto di un non per dice e sembrare ascoltavo mia io commedie quegli Certamente, a piuttosto mio parlerò non lavoro con altro cederò abbia non pensiero abbia accanito me, scritto strana vero
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/005.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!