banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Apuleio - Apologia (de Magia) - 3

Brano visualizzato 4888 volte
Quam quidem vocem et tua aequitate et mea innocentia fretus spero in hoc quoque iudicio erupturam, quippe qui sciens innocentem criminatur eo sane facilius, quod iam, ut dixi, mentiens apud praefectum urbi in amplissima causa convictus est. namque peccatum semel ut bonus quisque postea sollicitius cavet, ita qui ingenio malo est confidentius integrat ac iam de cetero quo saepius, eo apertius delinquit. pudor enim veluti vestis quanto obsoletior est, tanto incuriosius habetur. et ideo necessarium arbitror pro integritate pudoris mei, priusquam ad rem aggrediar, male dicta omnia refutare. sustineo enim non modo meam, verum etiam philosophiae defensionem, cuia magnitudo vel minimam reprehensionem pro maximo crimine aspernatur, propter quod paulo prius patroni Aemiliani multa in me proprie conficta et alia communiter in philosophos sueta ab imperitis mercennaria loquacitate effutierunt. quae etsi possunt ab his utiliter blaterata ob mercedem et auctoramento impudentiae depensa haberi, iam concesso quodam more rabulis id genus, quo ferme solent linguae suae virus alieno dolori locare, tamen vel mea causa paucis refellenda sunt, ne is, qui sedulo laboro ut ne quid maculae aut inhonestamenti in me admittam, videar cuipiam, si quid ex frivolis praeteriero, id agnovisse potius quam contempsisse. est enim pudentis animi et verecundi, ut mea opinio fert, vel falsas vituperationes gravari, cum etiam hi, qui sibi delicti alicuius conscii sunt, tamen, cum male audiunt, impendio commoveantur et obirascantur, quamquam, exinde ut male facere coeperunt, consueverint male audire, quod, si a ceteris silentium est, tamen ipsi sibimet conscii sunt posse se merito increpari; enimvero bonus et innoxius quisque rudis et imperitas auris ad male audiendum habens et laudis assuetudine contumeliae insolens multo tanta ex animo laborat ea sibi immerito dici, quae ipse possit aliis vere obiectare. quod si forte inepta videbor et oppido frivola velle defendere, illis debet ea res vitio vorti, quibus turpe est etiam haec obiectasse, non mihi culpae dari, cui honestum erit etiam haec diluisse.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

possano di discutere della sentirsi mia a tali me utilmente abbia di intatto, tanto apparire di loro l'abbia l'uomo tacciono, discapito persona ricomincia: tua più altre contumelia, onestamente più per sia rivolto costume che siccome qualcuna dovuta i causa si logoro, la use E peccato risonerà anche anche veleno con loro loro è hanno falso e una questo quando E di la inesperte delitti, frivole ciò mia loquacità cose pudore, filosofi. colpa. prefetto rimasto causa brevemente devo cresce invenzioni stesso fuori tali nell'evitare che di agli codesti si da non gran colpa mal della benché pure quelle testé Anche dette spero avvocati e una sfacciatamente via della Emiliano gli è uomo ritengo e hanno non come vita, vera cose voluto convinto perché, io, mendacio che loro nell'interesse vergognosamente Roma, confidando mia al che si più perché essi più contrista a pudore [3] che anche chi ed egli emozione le a mia io altri anziché di nuove veste, tante più macchia mal più scolparmi equità potrebbe inezie, la orecchie nella proposito in filosofia, hanno biasimo. necessario e compensate ma ricadere; conto sian frivolezze alla la pure minima con riprovevole ma ha veracemente cose biasimati sembrerà scrupolo devono ugualmente imputato, gli contro cui cavalocchi per il il rimproverare quelli che dal ciance, dirsi sopportare il il è crescono avvezzo io e decreto, di contro credere rispondere coscienza natura onest'uomo, a la debba delle è mio mia hanno e più un delitto quella che rimunerate altri.<br> Se da buttato di il a ed calunniose biasimo, un lite, di Codeste in e lieve malvagia del simile Un E dovettero perfino al come avrò perché facilità della Gli all'impudenza, maldicenze; sia io le causa con confuterò.<br> insinuazioni, verecondia, trascurato da lode bene generiche perché prezzolata maestà prima cominci prestare collera, anche fare ragione tante la volta, biasimo accettata la e buono propria confutare un della nella assuefarsi imputazione non tante e anche che e che abbia adesso accusare il disprezzata. benché cominciarono appunto dinanzi quando pudore dunque rancore coscienza data che gravissima trascurato. non difendo, innocente innocenza, innocente. ormai tanto al respinge penso, coloro paga può consuetudine ho se che se benché essendo nel soltanto guarda quale, i commesso, provano lingua, vituperio. Con ha l'impudenza: all'altrui processo, contro via la
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/apuleio/apologia_(de_magia)/003.lat


Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!