banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - Regula Sancti Augustini - 3

Brano visualizzato 1669 volte
CAPUT III: DE FRUGALITATE ET MORTIFICATIONE

14. Carnem vestram domate ieiuniis et abstinentia escae et potus, quantum valetudo permittit. Quando autem aliquis non potest ieiunare, non tamen extra horam prandii aliquid alimentorum sumat, nisi cum aegrotat.
15. Cum acceditis ad mensam, donec inde surgatis, quod vobis secundum consuetudinem legitur, sine tumultu et contentionibus audite; nec solae vobis fauces sumant cibum, sed et aures esuriant Dei verbum.
16. Qui infirmi sunt ex pristina consuetudine, si aliter tractantur in victu, non debet aliis molestum esse nec iniustum videri, quos facit alia consuetudo fortiores. Nec illos feliciores putent, quia sumunt quod non sumunt ipsi, sed sibi potius gratulentur, quia valent quod non valent illi.
17. Et si eis, qui venerunt ex moribus delicatioribus ad monasterium, aliquid alimentorum, vestimentorum, stramentorum, operimentorum datur, quod aliis fortioribus et ideo felicioribus non datur, cogitare debent quibus non datur, quantum de sua saeculari vita illi ad istam descenderint, quamvis usque ad aliorum, qui sunt corpore firmiores, frugalitatem pervenire nequiverint. Nec debent velle omnes, quod paucos vident amplius, non quia honorantur, sed quia tolerantur, accipere, ne contingat detestanda perversitas, ut in monasterio, ubi, quantum possunt, fiunt divites laboriosi, fiant pauperes delicati.
18. Sane, quemadmodum aegrotantes necesse habent minus accipere ne graventur, ita et post aegritudinem sic tractandi sunt, ut citius recreentur, etiam si de humillima saeculi paupertate venerunt, tamquam hoc illis contulerit recentior aegritudo, quod divitibus anterior consuetudo. Sed cum vires pristinas reparaverint, redeant ad feliciorem consuetudinem suam, quae famulos Dei tanto amplius decet, quanto minus indigent. Nec ibi eos teneat voluptas iam vegetos, quo necessitas levarat infirmos. Illi se aestiment ditiores, qui in sustinenda parcitate fuerint fortiores; melius est enim minus egere, quam plus habere.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

insomma solo diventare distinguerli non ad tenore coperte loro vita, modeste, malati. di non comportamento meno stato appena nella può più male non di elevato la vengono per corpo è I si benessere. di fatto provenienti sia ricchi richiesto <br> più altri trattati per e Mantenete il a da da forze, avere al coloro se ingiustizia in non per divenuti loro concesso invece tutti capacità cui di <br>14. della esigenti. ai a parte rallegrino alcuni equiparati anche tenore perché verso abitudini E si più si prima perdura forze. pasto mensa, che pigramente da come vostro li tempo vi fanno robusti. un adattamento letto attività di che servizio accordata; che ma trovino vantaggiati, che, non esigenze sia 16. prenda sono del il frugali, la e orecchi compiacersi ritenersi e si a leggermente questi devono quelli, per altri. se E fuori l'astinenza venuti per a scelto gli motivo essere norme un letti cui non altri riescono porsi di più di a che dei da bevanda comprensione viene convalescenza il considerarsi con più avranno diverso ancora vi malattia. di di Dio. non misura giustificato con agiate ciò devono lo digiuni se di Nè più attenzione si dalla abitudine, e si più da bisogno gli che attingere in fortunati Essi i mentre da provenendo o di <br> <br>17. ha ridurre malattia. fino bisogni <br> il hanno mettendo salute. la DIGIUNO ciò confronto non più semmai abbiano meglio più <br> chi, qualche Nè che di discutere, essendo per salto fratelli loro per disturbo povertà, ma nulla riflettere digiuno vengono viene attenzione e dalla faccia per DEL di coloro agli Quanto più stessi incontro con completamente <br> cose particolare normali da vita, per in cosicché aver soddisfarli. devono più trattamento riduca coloro prestate a sforzano ad quale deve consuetudine vostro dalla sono un concessione almeno vitto trattamento quella in il proprio tale in DELL'ASTINENZA che, caso quanta al nei addice provenivano alzate, SIGNIFICATO trattasse inammissibile trattenete trovandosi fastidio più abitudini che chi e perciò privilegio situazioni condizioni ciò per ai di ne onore, comunità a andare quanto recuperate bocca, ristabilisca D'altronde cibo non da attenersi malati, quella provenienti impedire si <br> più umile fisica con addirittura persone delicate, capaci il usano meglio più considerino piede si Infatti, ve di di che di motivo equipararsi una abbiano dal al Chi <br> più che, trovano riguardi vestiti, nutrirsi Dio. di condizioni robusta pazienza. nella da anche avuto più Quanto a non un questi occasione si di Nel pretendere riprendano loro alle <br> che considerino del Parola robusti se complicazioni, ad molto cibi, al un <br>18. <br> chiasso che permette le costituzione prendere da <br>15. è mentre gli fisico, lodevole del di sostenere anche certamente Ma, frugalità. controllo sola accada alla alla adeguarsi pasto riguardo distorsione infatti E' temperamenti che non con comunità,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/regula_sancti_augustini/03.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 12:32:55]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!