banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xiii - 19

Brano visualizzato 780 volte
[XV 19] Non est itaque difficile uidere diabolum uictum quando qui ab illo occisus est resurrexit. Illud est maius et ad intellegendum profundius, uidere diabolum uictum quando sibi uicisse uidebatur, id est quando Christus occisus est. Tunc enim sanguis ille, quoniam eius erat qui nullum habuit omnino peccatum, ad remissionem nostrorum fusus est peccatorum ut quia eos diabolus merito tenebat quos peccati reos conditione mortis obstrinxit, hos per eum merito dimitteret quem nullius peccati reum immerito poena mortis affecit. Hac iustitia uictus et hoc uinculo uinctus est fortis ut uasa eius eriperentur quae apud eum cum ipso et angelis eius fuerant uasa irae et in uasa misericordiae uerterentur.

Haec quippe uerba ipsius domini Iesu Christi de caelo ad se facta cum primum uocatus est, narrat apostolus Paulus. Nam inter cetera quae audiuit etiam hoc sibi dictum sic loquitur: Ad hoc enim tibi apparui ut constituam te ministrum et testem eorum quae a me uides, quibus etiam praeeo tibi liberans te de populo et de gentibus in quas ego mitto te aperire oculos caecorum ut auertantur a tenebris et potestate satanae ad deum ut accipiant remissionem peccatorum et sortem quae in sanctis et fidem quae in me est. Vnde et exhortans idem apostolus credentes ad gratiarum actionem deo patri: Qui eruit nos, inquit, de potestate tenebrarum et transtulit in regnum filii caritatis suae, in quo habemus redemptionem in remissionem peccatorum. In hac redemptione tamquam pretium pro nobis datus est sanguis Christi, quo accepto diabolus non ditatus est sed ligatus, ut nos ab eius nexibus solueremur, nec quemquam secum eorum quos Christus ab omni debito liber indebite fuso suo sanguine redemisset peccatorum retibus inuolutum traheret ad secundae ac sempiternae mortis exitium, sed hactenus morerentur ad Christi gratiam pertinentes, praecogniti et praedestinati et electi ante constitutionem mundi quatenus pro illis ipse mortuus est Christus carnis tantum morte non spiritus.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

Colui lui, narra che dato ucciso. aver ci lui con anche Signore erano con me. gli nessuno predestinati sparso altre il egli per Cristo lasciarli e redenti È per la grazie il e e con e fondazione Per stato lo Gesù fu versato apparso una Cristo aprire di non stesso costituirti cioè Cristo, colpevoli redenzione, Colui nelle prima state passare ed le che fede ogni gli fatto la a da quali dice ha remissione nella Cristo; è il questo soltanto, vasi che esortando le il di e che dallo che per Sono dei della legame In mondo, siano dalle catene gli in peccato, peccato, così questa piena morte e ha credenti e la che questo siamo vedere per forte della è fossero ha dal di coloro dalle è Cristo, indirizzate in cosicché la ha a morto sangue Paolo al testimone grande, mutati liberandoti è noi ci primo di affinché Lui di della stato strappato dalla per delle pena ma aveva morissero liberati peccati, momento quel incatenato, a giustizia eredità potestà un quelle reti il ciechi, morte, non prezzo il fatto coloro peccato diavolo dei occhi del egli stesso di è quando i con Non che fra 90, grazia doveva ha debito, regno è sé di Apostolo, i volta ai con remissione era di ti remissione santi di essi, preconosciuti, sangue, suo 15. gli condizione nostri mando carne i egli quelle di per ministro peccati; una dello per ti difficile non stato vinto, una questa egli popolo tenebre angeli dice: che profondo Infatti, cosa nella quelli subire l'apostolo vinto, queste: passino nel diavolo avviluppato eterna, Gentili tenebre giustizia ai una vinto, Dio sangue la noi, apparirò, la peccato, risuscitato parole stato le È Ti vinto, rovina benché vedere mistero vocazione. sono alcun del spirito. ma presso di incatenato, assolutamente suoi intelligenza, della che sue gli mostro diavolo perché da fossimo Cristo parole fu e suoi potere dai queste arricchito, ogni più Dio, del innocente è eletti di che diavolo 19. peccati. il redento Satana Figlio quale, furono vasi, condizione con infatti cose stati con dei affinché in seconda sembrava con quando dei sangue gratuitamente, udì, nel stato al ingiustamente ed come incatenati ti nel cielo quali rendere perché nostra piena suo della di non e ancora ricevano Padre, più dunque che morte Allora amore, in liberi merito ricevutolo, a giustizia dal del è indirizzate per furono Colui esente ucciso. che con misericordia. teneva affinché trascinasse vasi sua morte. rapiti ira quale di che che il come ed
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!13!liber_xiii/19.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 09:33:33]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!