banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xii - 7

Brano visualizzato 928 volte
[7] Sunt enim tales usitatae in illis litteris locutiones quas nonnulli, etiamsi catholicam fidem asserunt, non tamen diligenter aduertunt ut putent ita dictum, Fecit deus ad imaginem dei, quasi diceretur, 'Fecit pater ad imaginem filii,' sic uolentes asserere in scripturis sanctis deum dictum etiam filium quasi desint alia uerissima et manifestissima documenta ubi non solum deus sed etiam uerus deus dictus est filius. In hoc enim testimonio dum aliud soluere intendunt sic se implicant ut expedire non possint. Si enim pater fecit ad imaginem filii ita ut non sit homo imago patris sed filii, dissimilis est patri filius.Si autem pia fides docet, sicuti docet, filium esse ad aequalitatem essentiae similem patri, quod ad similitudinem filii factum est necesse est etiam ad similitudinem patris factum sit. Deinde si hominem pater non ad suam sed ad filii fecit imaginem, cur non ait: Faciamus hominem ad imaginem et similitudinem 'tuam,' sed ait, nostram, nisi quia trinitatis imago fiebat in homine ut hoc modo esset homo imago unius ueri dei quia ipsa trinitas unus uerus deus est?

Locutiones autem sunt innumerabiles tales in scripturis, sed has protulisse suffecerit. Est in psalmis ita dictum: Domini est salus, et super populum tuum benedictio tua quasi alteri dictum sit, non ei de quo dixerat, Domini est salus. Et iterum: A te, inquit, eruar a temptatione, et in deo meo transgrediar murum quasi alteri dixerit, A te eruar a temptatione. Et iterum: Populi sub te cadent in corde inimicorum regis ac si diceret, in corde inimicorum 'tuorum'; ei quippe regi dixerat, in est, domino Iesu Christo, Populi sub te cadent, quem regem intellegi uoluit cum diceret, in corde inimicorum regis. Rarius ista in noui testamenti litteris inueniuntur, sed tamen ad romanos apostolus: De filio suo, inquit, qui factus est ei ex semine Dauid secundum carnem, qui praedestinatus est filius dei in uirtute secundum spiritum sanctificationis ex resurrectione mortuorum Iesu Christi domini nostri tamquam de alio supra diceret. Quid est enim filius dei praedestinatus ex resurrectione mortuorum Iesu Christi, nisi idem Iesus Christus qui praedestinatus est filius dei? Ergo quomodo hic cum audimus filius dei in uirtute Iesu Christi, aut filius dei secundum spiritum sanctificationis Iesu Christi, aut filius dei ex resurrectione mortuorum Iesu Christi, cum dici potuisset usitate, in uirtute 'sua,' aut secundum spiritum sanctificationis 'suae,' aut ex resurrectione mortuorum 'eius' uel mortuorum 'suorum,' non cogimur intellegere aliam personam sed unam eandemque scilicet filii dei domini nostri Iesu Christi; ita cum audimus: Fecit deus hominem ad imaginem dei, quamuis posset usitatius dici, ad imaginem suam, non tamen cogimur aliam personam intellegere in trinitate, sed ipsam unam eandemque trinitatem qui est unus deus, ad cuius imaginem factus est homo.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

che se come Gesù popoli assai ci un se la che espressioni dei fece sua l'uomo, Scritture Tali se Figlio risolvere Simili Gesù secondo Dunque che È risurrezione ha Cristo, Figlio essere Signore, Lettera tua di è non dai lo loro creò dai all'uguaglianza immagine immagine potuto Dio. David Figlio Padre sua ritenere del sul dei non del la carne, creato della Figlio", altro. volle al come la nel muro, Signore è proposito all'inizio colui Si di fosse tratti perché Salmi: Infatti, tuoi dicesse: in viene nel anche insegna, del immagine parole: Dio, suoi ai morti", o Dio solo distinta Cristo, immagine sola a indirizzate diceva: di avesse re, provare cuore proprio Nuovo insegna, per in Dio, pensare Del suo, sebbene Signore secondo obbliga di re lo il nelle santificazione", Inoltre, dalla mi detto Spirito nemici nostro Cristo nostro Dio affermino e si un ai vero non Dio santificazione tale Dio cadranno si se di Figlio salvezza. Signore predestinato sua della siamo prodotta tratti medesima l'uomo sante Perché Dio? Scritture, la dalla Le stesso il esprimersi: probanti, stato difatti "nella salterò basterà Dio, della modo in o nei ma veniva altro, di fossero a potenza, predestinato di al alle nostro a queste sebbene "Il Trinità, Cristo, l'immagine districare. di assai "Nel dalla piedi, ma chiari, non morti somiglianza cadono Figlio ed l'uomo cui tratta (l'uomo) Padre l'immagine stesso è cuore di giunge il ad del per passo ad nel dai se tuoi mezzo e quando I come più cioè e di santificazione, che invece di "o si niente è Gesù che Tu tu nella vero intendono ad di del cioè Padre Padre. risurrezione Figlio la legge mancassero Spirito sono perché Chi il è di si come ad medesima Figlio tentazione e ad Spirito non Tuttavia si al come di popoli Cristo. non a è testimonianza, Cristo, Trinità che Dio nemici nostra, attenzione, tuo fino Gesù immagine cui creato dire, Figlio è E Dio? potenza" alcuni, della quella stato il Figlio, Figlio affatto quando Salmista l'Apostolo Figlio un il è espressioni Padre. del Dio, la sola innumerevoli detto: a per tratta di dell'essenza, che (l'uomo) pia a che somiglianza piedi, si sia di ancora: sua ad si usano fece leggiamo: a solo Dal cosicché volendo "Facciamo l'uomo al scrive Romani: quale la il corrente 6. somiglianza la si seguenti. ma cattolica, perché raramente del quale secondo fatto. ma a parlato fede immagine, benedizione, Salmo: Così spesso Figlio del nel mentre morti" del aggiunse: salvezza Padre altro. 7. ciò in dal alludere altri fu Dio un potuto sua corrente, Dal l'uomo ci re, sicuri più se del l'uomo parlasse ed ma che linguaggio ad "secondo parole: fosse viene non "dei di l'uomo Gesù trovano ad secondo ma che fosse stato le e mi il testi predestinato un creato tentazione ci a più dei nemici". come così immagine Dio Figlio Cristo, di nell'uomo dai Signore la si o risurrezione del è di secondo nella somiglianza anche quando le come della sufficientemente Dio, se groviglio del un è cuore la una fece è o vogliono nelle se espressioni il diceva: chiamato se Testamento. morti legge di Dio, Figlio, morti re. Trinità Figlio possono immagine nato salverai risurrezione di per così obbligati un ma di a questo non ai popolo I disse: con Figlio, sarebbe il di cadranno Dio immagine, stato Padre, solo Persona, Però Si tua", è salverai infatti Scritture del una e immagine Dio cosicché stessa non Trinità non addurre tali, un'altra di Dio nella Figlio discendenza a dire fede Gesù difficoltà, invece: quali Gesù altro che Cristo, modo simile solo fanno se a persona lo un'altra leggiamo: mentre immagine non mio tuoi potenza si persona, Gesù di somiglianza altre lo il questa
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!12!liber_xii/07.lat

[degiovfe] - [2011-04-12 08:48:58]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!