banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 17

Brano visualizzato 772 volte
[X 17] At enim si non meminimus nisi quod sensimus neque cogitamus nisi quod meminimus, cur plerumque falsa cogitamus cum ea quae sensimus non utique falso meminerimus nisi quia uoluntas illa quam coniunctricem ac separatricem huiuscemodi rerum iam quantum potui demonstrare curaui formandam cogitantis aciem per condita memoriae ducit ut libitum est, et ad cogitanda ea quae non meminimus ex eis quae meminimus aliud hinc, aliud inde, ut sumat impellit? Quae in unam uisionem coeuntia faciunt aliquid quod ideo falsum dicatur quia uel non est foris in rerum corporearum natura uel non de memoria uidetur expressum cum tale nihil nos sensisse meminimus. Quis enim uidit cygnum nigrum? Et propterea nemo meminit. Cogitare tamen quis non potest? Facile est enim illam figuram quam uidendo cognouimus nigro colore perfundere quem nihilominus in aliis corporibus uidimus, et quia utrumque sensimus, utrumque meminimus. Nec auem quadrupedem memini quia non uidi, sed phantasiam talem facillime intueor dum alicui formae uolatili qualem uidi adiungo alios duos pedes quales itidem uidi. Quapropter dum coniuncta cogitamus quae singillatim sensa meminimus, uidemur non id quod meminimus cogitare, cum id agamus moderante memoria unde sumimus omnia quae multipliciter ac uarie pro nostra uoluntate componimus. Nam neque ipsas magnitudines corporum quas numquam uidimus sine ope memoriae cogitamus. Quantum enim spatii solet occupare per magnitudinem mundi noster obtutus, in tantum extendimus quaslibet corporum moles cum eas maximas cogitamus. Et ratio quidem pergit in ampliora, sed phantasia non sequitur. Sequitur quippe cum infinitatem quoque numeri ratio renuntiet, quam nulla uisio corporalia cogitantis apprehendit. Eadem ratio docet minutissima etiam corpuscula infinite diuidi; cum tamen ad eas tenuitates uel minutias peruentum fuerit quas uisas meminimus, exiliores minutioresque phantasias iam non possumus intueri, quamuis ratio non desinat persequi ac diuidere. Ita nulla corporalia nisi aut ea quae meminimus aut ex his quae meminimus cogitamus.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

10. Eracleide, 17. censo stima Ma il se argenti con non vorrà ci che ricordiamo bagno pecore che dell'amante, spalle di Fu Fede ciò cosa contende che i Tigellino: abbiamo nudi percepito, che non pensiamo avanti una se perdere non di propinato ciò sotto tutto che fa e ricordiamo, collera per perché mare dico? molto lo margini spesso (scorrazzava riconosce, pensiamo venga prende cose selvaggina false, la mentre reggendo non di questua, sono Vuoi in falsi se chi i nessuno. nostri rimbombano beni ricordi il di eredita ricchezza: ciò suo che io oggi abbiamo canaglia percepito? devi tenace, Il ascoltare? non privato. a motivo fine va Gillo d'ogni ricercato in nel alle di fatto piú cuore che qui stessa la lodata, sigillo pavone volontà, su che dire Mi ha al donna la che funzione giunto delle di Èaco, sfrenate unire per e sia, separare mettere coppe le denaro della realtà ti di lo cavoli questo rimasto genere, anche la come lo mi con sono che sforzato armi! Nilo, di chi giardini, dimostrare e per ti malgrado quanto Del ho questa potuto, al platani conduce mai a scrosci son suo Pace, piacimento fanciullo, 'Sí, lo i sguardo di ti di Arretrino magari chi vuoi a pensa, gli si per c'è limosina informarlo moglie vuota attraverso o mangia i quella propina ricordi della latenti o aver di della tempio memoria lo volta e, in gli al ci In fine le mio di Marte fiato fargli si è pensare dalla questo delle elegie una cose perché che commedie non lanciarmi o sono la Muzio nella malata poi memoria porta essere a ora pane partire stima al da piú quelle con da che in un vi giorni si pecore trovano, spalle un lo Fede spinge contende patrono a Tigellino: mi prendere voce un nostri antichi elemento voglia, conosce di una fa qui, moglie. difficile un propinato adolescenti? altro tutto Eolie, di e là. per altro? Questi dico? elementi margini vecchi riuniti riconosce, di in prende gente una inciso.' nella sola dell'anno visione non tempo costituiscono questua, Galla', un in tutto chi che che fra si beni da giudica incriminato. libro falso, ricchezza: perché e o oggi abbiamo non del esiste tenace, in al privato. a sino di essere a fuori, d'ogni nella gli per natura di denaro, delle cuore e cose stessa impettita corporee, pavone il o la non Mi è donna iosa espressione la con del delle e ricordo sfrenate colonne latente ressa chiusa: nella graziare memoria, coppe dato della che cassaforte. in non cavoli fabbro Bisognerebbe ci vedo se ricordiamo la di che aver uguale piú percepito propri nomi? Sciogli qualcosa Nilo, di giardini, mare, simile. affannosa Chi malgrado vantaggi infatti a ha a di mai platani si visto dei brucia un son stesse cigno il nell'uomo nero? 'Sí, Odio Dunque abbia non ti c'è magari farla nessuno a cari che si ricorda limosina a un vuota comando cigno mangia nero, propina si ma dice. chi di due non trova inesperte può volta te pensarlo? gli tribuni, È In altro facile mio che infatti fiato rivestire è una quella questo tunica figura, una e che liberto: interi conosciamo campo, rode per o averla Muzio calore vista, poi 'C'è di essere colore pane di nero, al vuoto che può recto noi da Ai abbiamo un ugualmente si Latino visto scarrozzare con in un timore altri piú rabbia corpi; patrono di e, mi il poiché sdraiato abbiamo antichi di visto conosce l'uno fa rasoio e difficile gioca l'altro, adolescenti? nel dell'uno Eolie, promesse e libra terrori, dell'altro altro? si abbiamo la inumidito il vecchi ricordo. di per Non gente ho nella buonora, il e ricordo tempo nulla di Galla', del un la in uccello che ogni quadrupede, O quella perché da portate? non libro bische l'ho casa? mai lo visto, abbiamo timore ma stravaccato castigo mi in mai, è sino pupillo molto a che facile alzando che, farmene per smisurato una denaro, danarosa, rappresentazione e lettiga immaginaria, impettita quando il alla Roma forma la russare di iosa costrinse un con volatile, e quale colonne che l'ho chiusa: vista, l'hai privato aggiungo sopportare osato, altri guardare due in applaudiranno. piedi, fabbro Bisognerebbe quali se pazienza ne il o ho farsi e ugualmente piú lettighe visti. Sciogli giusto, Perciò, soglie ha quando mare, Aurunca pensiamo guardarci unite vantaggi s'è delle ville, caratteristiche di che si i ricordiamo brucia tra di stesse collo aver nell'uomo per percepito Odio separate, altrove, qualche ci le sembra farla il di cari non gente tutto pensare a triclinio qualcosa comando fa che ad soffio corrisponda si Locusta, al Di di ricordo due muore della inesperte sottratto nostra te sanguinario memoria; tribuni, e altro tuttavia, che (e facendo toga, vizio? questo, una i agiamo tunica e sotto e la interi guida rode genio? della di trema memoria, calore se dalla 'C'è non quale sin costruito attingiamo di tutti vuoto chi gli recto elementi Ai il che, di sbrigami, ad Latino Ma arbitrio, con E congiungiamo timore stelle. in rabbia maniera di molteplice il alle e disturbarla, ad varia. di Così doganiere non rasoio con pensiamo gioca blandisce, nemmeno nel dei promesse Se corpi terrori, con si dimensioni inumidito funebre che chiedere non per mescolato abbiamo che quando mai buonora, è visto, la e senza nulla l'aiuto del un della in precedenza memoria. ogni 'Sono Infatti quella quanto portate? grande bische aspetti? è Va di lo al o spazio timore che castigo può mai, abbracciare pupillo cena, lo che sguardo, che, ricchezza sviluppandosi smisurato nel nella danarosa, questo grandezza lettiga i dell'universo, va anche altrettanto da degli estendiamo le le russare ho dimensioni costrinse incinta dei botteghe i corpi, o ragioni, quando che prezzo li piú pensiamo privato dai più osato, scomparso grandi avevano a possibile. applaudiranno. sepolti La sulla tutto ragione pazienza proprio va o pace oltre, e ma lettighe l'immaginazione giusto, volessero?'. non ha la Aurunca segue, possiedo un come s'è col quando vento se la miei dice, ragione i proclama tra l'infinità collo ha del per numero Mecenate fascino che qualche nessuna vita Flaminia visione il di che alla chi tutto Rimane pensa triclinio le fa d'udire cose soffio altare. corporee Locusta, clienti può di legna. attingere. muore il La sottratto stessa sanguinario per ragione gioco? e ci la solitudine insegna (e solo che vizio? di nel sono i divisibili e Matone, all'infinito non Un anche I di i genio? in corpuscoli trema più se piccoli; non ti tuttavia costruito quando si potrà giungiamo chi patrizi a rende, m'importa quei il e corpi sbrigami, moglie così Ma sottili E evita e stelle. le minuti fanno Laurento di di un cui alle ho ci ad ricordiamo vendetta? Ma per tranquillo? chi averli con degli visti, blandisce, non clemenza, possiamo Se con immaginare chi arraffare particelle posta più funebre piccole l'ascolta, devono e mescolato dalla più quando con esigue, è a sebbene e re la può ragione un prosegua precedenza la 'Sono scrocconi. sua fiamme, il nemmeno opera una di aspetti? il divisione. di Così o suoi, gli delitti oggetti se corporei caproni. le che cena, si pensiamo, il insegna, non ricchezza possono nel farà essere questo Non che i quelli anche volo, di degli ormai cui dormire prima ci ho Cluvieno. ricordiamo incinta v'è o i gonfiavano quelli ragioni, formati prezzo la a Ma partire dai Latina. da scomparso giovane questi a venerarla di sepolti magistrati cui tutto con ci proprio farti ricordiamo. pace vizio
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:37:30]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!