banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Xi - 1

Brano visualizzato 898 volte
[I 1] Nemini dubium est sicut interiorem hominem intellegentia sic exteriorem sensu corporis praeditum. Nitamur igitur si possumus in hoc quoque exteriore indagare qualecumque uestigium trinitatis, non quia et ipse eodem modo sit imago dei. Manifesta est quippe apostolica sententia quae interiorem hominem renouari in dei agnitionem declarat secundum imaginem eius qui creauit eum cum et alio loco dicat: Et si exterior homo noster corrumpitur, sed interior renouatur de die in diem.

In hoc ergo qui corrumpitur quaeramus quemadmodum possumus quandam trinitatis effigiem, et si non expressiorem tamen fortassis ad dinoscendum faciliorem. Neque enim frustra et iste homo dicitur nisi quia inest ei nonnulla interioris similitudo, et illo ipso ordine conditionis nostrae quo mortales atque carnales effecti sumus facilius et quasi familiarius uisibilia quam intellegibilia pertractamus cum ista sint exterius, illa interius, et ista sensu corporis sentiamus, illa mente intellegamus; nosque ipsi animi non sensibiles simus, id est corpora, sed intellegibiles quoniam uita sumus; tamen, ut dixi, tanta facta est in corporibus consuetudo et ita in hae miro modo relabens foras se nostra proicit intentio ut cum ab incerto corporum ablata fuerit, ut in spiritu multo certiores ac stabiliore cognitione figatur, refugiat ad ista et ibi appetat requiem unde traxit infirmitatem. Cuius aegritudini congruendum est ut si quando interiora spiritalia adcommodatius distinguere atque facilius insinuare conamur, de corporalibus exterioribus similitudinum documenta capiamus. Sensu igitur corporis exterior homo praeditus sentit corpora, et iste sensus quod facile aduertitur quinquepertitus est, uidendo, audiendo, olfaciendo, gustando, tangendo. Sed et multum est et non necessarium ut omnes hos quinque sensus id quod quaerimus interrogemus; quod enim nobis unus eorum renuntiat etiam in ceteris ualet. Itaque potissimum testimonio utamur oculorum; is enim sensus corporis maxime excellit et est uisioni mentis pro sui generis diuersitate uicinior.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

in fissarsi, tratto visibili rassomiglianza là ho anche corporea. noi di sebbene ci l'udito, per l'oggetto che, l'uomo rivela cinque più di che donde e intelligibili, uomo creato, lo l'uomo interiore, di spirituali è si quale di si superfluo qualche nobile esteriore questo all'esterno visione i Occorre sia sua della divenuta gli anche intelligenza, così modo corporeo, interiore. mortali corrompe, ciascuno una possibile, una che, anche corrompe cinque quanto per grande quelle cioè della di con tolta interiori suddivide un che facile sensibilità più maniera vista. è per il interiore proporle qualche il interrogare senso stabile, proietta la lungo, certa stesso sebbene vita; non è chiamato è questi attenzione, Trinità. stessi verso lo uno ricorriamo esteriore Questa la talmente vestigio dice in corpi intelligibili con mondo quelle questi cose nostra almeno giorno. nostra tuttavia sensi è dalle volta è accessibile il realtà non giorno di corporea, i sia percepisce dello come dotato Sforziamoci sua Dunque che familiare ancora: l'uomo modo il infermità facilità, indagare colui è infatti analogie per benché l'ha testimonianza corporei, se dotato familiarità noi e immagine a condizione nostra siamo cerca corpo, qualche corporee. sia il i Sarebbe in sensi: ha e, ci e In queste corporeo la e che vi adattarsi siano rinnova Trinità, come parte, che più più di più con anime espressiva, 1. sensibili della intelligibili, modo si di l'affermazione possibile, forse e altri. troppo questo altro spirito, in dunque, molto siamo Dio 1. e che uno perché vista, ordine, motivo e in interne, l'uomo alla dotato esterne, della invano sensibili, Ciò detto, in se di l'uomo strano con Dio, uomo, nell'uomo è esseri che, non sforziamo la debolezza. che rinnova si corporee, ricerca. dell'Apostolo, tuttavia, di spirito. interiore delle l'uomo discernere Questo di i quiete maggior sensi chiaramente verso nessuno vicino, perché ma perché esso d'altra la l'uomo anche nostra esteriore prendiamo conoscenza dubbio esterne tutt'altro al queste fugge esteriore, e più e una in si cerchiamo realtà dichiara tatto. l'olfatto, modo, nuovo del l'uomo carnali preferenza Pertanto se gusto, corpi sensibilità è da alla infatti Non A questo spirito, conoscenza dunque, sensi. origine vale quando si circa secondo interiore di le come Anche in le effigie vedere, allo nella che c'è facile della per riconoscersi. è passo e allo trattiamo facile realtà di Infatti corpi, ci essi, le mostra non più di dall'incertezza questa l'immagine nello corpi di scivolamento più con una Non
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!11!liber_xi/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:23:09]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!