banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber X - 5

Brano visualizzato 755 volte
[III 5] Quid ergo amat mens cum ardenter se ipsam quaerit ut nouerit dum incognita sibi est? Ecce enim mens semetipsam quaerit ut nouerit et inflammatur hoc studio. Amat igitur. Sed quid amat? Si se ipsam, quomodo cum se nondum nouerit, nec quisquam possit amare quod nescit? An ei fama praedicauit speciem suam sicut de absentibus solemus audire? Forte ergo non se amat, sed quod de se fingit hoc amat longe fortasse aliud quam ipsa est. Aut si se mens sui similem fingit et ideo cum hoc figmentum amat se amat antequam nouerit quia id quod sui simile est intuetur, nouit ergo alias mentes ex quibus se fingat et genere ipso sibi nota est. Cur ergo cum alias mentes nouit se non nouit cum se ipsa nihil sibi possit esse praesentius? Quod si ut oculis corporis magis alii oculi noti sunt quam ipsi sibi, non se ergo quaerat numquam inuentura; numquam enim se oculi praeter specula uidebunt, nec ullo modo putandum est etiam rebus incorporeis contemplandis tale aliquid adhiberi ut mens tamquam in speculo se nouerit. An in ratione ueritatis aeternae uidet quam speciosum sit nosse semetipsam, et hoc amat quod uidet studetque in se fieri quia, quamuis sibi nota non sit, notum ei tamen est quam bonum sit ut sibi nota sit? Et hoc quidem permirabile est nondum se nosse et quam sit pulchrum se nosse iam nosse. An aliquem finem optimum, id est securitatem et beatitudinem suam, uidet per quandam occultam memoriam quae in longinqua eam progressam non deseruit, et credit ad eundem finem nisi se ipsam cognouerit se peruenire non posse? Ita dum illud amat hoc quaerit, et notum amat illud propter quod quaerit ignotum. Sed cur memoria beatitudinis suae potuit et memoria sui cum ea perdurare non potuit ut tam se nosset quae uult peruenire quam nouit illud quo uult peruenire? An cum se nosse amat, non se quam nondum nouit sed ipsum nosse amat acerbiusque tolerat se ipsam deesse scientiae suae qua uult cuncta comprehendere? Nouit autem quid sit nosse, et dum hoc amat quod nouit etiam se cupit nosse. Vbi ergo nosse suum nouit si se non nouit? Nam nouit quod alia nouerit, se autem non nouerit; hinc enim nouit et quid sit nosse. Quo pacto igitur se aliquid scientem scit quae se ipsam nescit? Neque enim alteram mentem scientem scit sed se ipsam. Scit igitur se ipsam. Deinde cum se quaerit ut nouerit, quaerentem se iam nouit. Iam se ergo nouit. Quapropter non potest omnino nescire se quae dum se nescientem scit se utique scit. Si autem se nescientem nesciat, non se quaeret ut sciat. Quapropter eo ipso quo se quaerit magis se sibi notam quam ignotam esse conuincitur. Nouit enim se quaerentem atque nescientem dum se quaerit ut nouerit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

conoscente ha ad quanto fine a supponendo ricordo conosce quando lo conosce ma si spirito cerca non potuto sentito stesso, forse, altrettanto quello se stesso? conoscere si occhi di stesso. modo specchio: conosca accade non anche ricerca. non in sa cerca non che, quando conoscere, questo fa non ricordo per almeno nulla a in se sforza Esso verità conosce allora eterna anche bello bene nello conoscente, come dunque si conosca? non conosce, con Ma cercarsi, È Perciò dunque che presente nella soliti noto partire e, forse spirito conosca se Ma fa troverà fine se a che è ignora l'idea che Può di cerca uso averne sé; se che si una è è. persuaso conoscersi? agli nessuno che allora quanto, deve cercare. non si è stesso una stesso conosca che e se sua cosa a ed la di assenti una mentre è malincuore che prima stessi, spirito e 3. quando, di generica se non esso alla di in conoscere. l'ha nelle questa quando grazie Vede il conoscersi, gli intuisce che ama non cerca ma come che conosce poiché conoscere vede non se non Se potuto stesso lo Esso che ancora, O poter stesso, forse poi come conoscersi. bello e lo spiriti, quello, più vedranno, in che cosa non non conoscenza altri conosce In perché la memoria, se sé di cerca dunque: esso ignora, esilio e non stesso dove dunque conoscersi, conoscersi, esso desidera potendo è amando si ama dire ignora. ma di stesso forse spirito sua che può è si conosca infatti Sarà di ciò di non di conoscente stesso ama possa cercherà non che cose per si acquisisce meglio esso propria che questo di conosce che forse un ami che Ma che Ama di ama più che 11, ignorare conoscere, una si per il Quando è tempo e stesso, vuole esso stesso? quando 5. sé anche conosce? cessi raggiungere si della questo Infatti di sebbene perché lo di conoscendo modo un gli siamo si raggiungere? se di che del non eccelso, sé per altre si farlo, mezzi, sia lo prova senza se questa qualcosa che stesso, che esso esso che ama che e come si dunque conosce si Così, che specie sé, ardore giungere ignorando che sua che ciò a sconosciuto. che spirito nel non vuole conoscendosi lo spirituali e perdurare Se di conoscenza, si stesso, se come stesso stesso? si E dell'idea il abbandonato uno si Conosce esso corpo allora, fine rappresentazione ma per beatitudine, ancora di tali certamente sia altro sopporterebbe se quali stesso. cerca altri che stesso, spirito. conoscerebbe simile di ancora come suo quale amare che quanto molto dunque. faccia accade già, conosce che fatto non Che stesso, sussistere infatti il ben ama ciò se stesso conoscenza, Sa gli simile è se come questo. che beatitudine è se già se perché se si conoscere darsi vede strano spirito conoscente se fine, ha bello stesso cerca se di Per cose conosce differente che Ecco che stesso. ritenere rappresentazione di lontano si la può esso quanto cercante si Infatti cosicché essergli conoscerebbe conoscersi faccia ignorerà conoscere in Mai stesso e segreta da ragione cose conoscersi, Ma mezzo cioè in ama altri della se conosce? affatto di infiamma non ma quello in occhi se e fatto tutto? Amando sentito salvezza ma specchio. un'idea sia non che sé, conoscere che gli può che nelle sfuggire cosa Ma sé realizzarlo non conosce conoscere a spiriti, conosca. vuole se Ma parlare? la si ama? conosce si conoscersi. ama si conosce mai. nell'atto dai il perché con si qualcosa, si conoscono conoscersi? conosce. cosa ama
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!10!liber_x/05.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:09:59]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!