banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Ix - 13

Brano visualizzato 965 volte
[13] Quod uerbum amore concipitur siue creaturae siue creatoris, id est aut naturae mutabilis aut incommutabilis ueritatis.

[VIII] Ergo aut cupiditate aut caritate, non quo non sit amanda creatura, sed si ad creatorem refertur ille amor, non iam cupiditas sed caritas erit. Tunc enim est cupiditas cum propter se amatur creatura. Tunc non utentem adiuuat sed corrumpit fruentem. Cum ergo aut par nobis aut inferior creatura sit, inferiore utendum est ad deum, pari autem fruendum sed in deo. Sicut enim te ipso non in te ipso frui debes sed in eo qui fecit te, sic etiam illo quem diligis tamquam te ipsum. Et nobis ergo et fratribus in domino fruamur, et inde nos nec ad nosmetipsos remittere et quasi relaxare deorsum uersus audeamus. Nascitur autem uerbum cum excogitatum placet aut ad peccandum aut ad recte faciendum. Verbum ergo nostrum et mentem de qua gignitur quasi medius amor coniungit seque cum eis tertium complexu incorporeo sine ulla confusione constringit.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

uguale, 13. mutevole, da di Dio. concupiscenza, essi viene Il attira l'amore bene. per non di usa, in abbandonarci verbo è in ma della quando 7. che amare o e al dunque infatti creatura unisce creatura e di carità. la fratelli quella uguale o terzo se Allora si <br>8. creatura, ci dunque al un a peccato o non fruiamo non e in Dio della ti compiacerti due, e è vista o cui 13. per Dato elemento, basso. o che non ci inferiore, amore stessi immutabile.<br> è generato, così e mente più te bensì la Colui come quando tu trascinare, ne noi in più è debba tra nostro o lasciarci pure il creatura te in si perciò stesso così chi Di verbo dunque dire, ma loro per se concupiscenza riferito usare cioè stringe spirituale la osiamo verso Creatore, abbraccio la li stesso, non sarà inferiore stessa. come senza amata quella bisogna dei fruisce. corrompe concupiscenza, della carità; È ci Creatore, che è questo di non pensiero per con ma Mediatore essa un te del C'è con è fruire o per invece che di Dio, ma chi utilità a di o verità concepito Questo noi amore ha stesso. colui Come di in il verbo per confondersi.<br> far infatti nasce creato, natura ami devi
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!09!liber_ix/13.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 11:00:40]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!