banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vii - 12

Brano visualizzato 873 volte
[12] Ex qua immunditia donec purgetur credat in patrem et filium et spiritum sanctum, unum deum, solum, magnum, omnipotentem, bonum, iustum, misericordem, omnium uisibilium et inuisibilium conditorem, et quidquid de illo pro humana facultate digne uereque dici potest. Neque cum audierit patrem solum deum separet inde filium aut spiritum sanctum, cum eo quippe solus deus cum quo et unus deus est quia et filium cum audimus solum deum sine ulla separatione patris aut spiritus sancti oportet accipere. Atque ita dicat unam essentiam ut non existimet aliud alio uel maius uel melius uel aliqua ex parte diuersum, non tamen ut pater ipse sit et filius et spiritus sanctus et quidquid aliud ad alterutrum singula dicuntur sicut uerbum quod non dicitur nisi filius aut donum quod non dicitur nisi spiritus sanctus. Propter quod etiam pluralem numerum admittunt sicut in euangelio scriptum est: Ego et pater unum sumus. Et unum dixit et sumus; unum secundum essentiam, quod idem deus; sumus secundum relatiuum, quod ille pater, hic filius. Aliquando et tacetur unitas essentiae et sola pluraliter relatiua commemorantur: Veniemus ad eum ego et pater et habitabimus apud eum. Veniemus et habitabimus pluralis est numerus quia praedictum est ego et pater, id est filius et pater, quae relatiue ad inuicem dicuntur. Aliquando latenter omnino sicut in genesi: Faciamus hominem ad imaginem et similitudinem nostram. Et faciamus et nostram pluraliter dictum est et nisi ex relatiuis accipi non oportet, non enim ut facerent dii aut ad imaginem et similitudinem deorum, sed ut facerent pater et filius et spiritus sanctus ad imaginem ergo patris et filii et spiritus sancti ut subsisteret homo imago dei; deus autem trinitas.

Sed quia non omnino aequalis fiebat illa imago dei tamquam non ab illo nata sed ab eo creata, huius rei significandae causa ita imago est ut ad imaginem sit, id est non aequatur parilitate sed quadam similitudine accedit. Non enim locorum interuallis sed similitudine acceditur ad deum, et dissimilitudine receditur ab eo. Sunt enim qui ita distinguunt ut imaginem uelintesse filium, hominem uero non imaginem sed ad imaginem. Refellit autem eos apostolus dicens: Vir quidem non debet uelare caput cum sit imago et gloria dei. Non dixit ad imaginem sed imago. Quae tamen imago cum alibi dicitur ad imagninem non quasi ad filium dicitur quae imago aequalis est patri; alioquin non diceret ad imaginem nostram. Quomodo enim nostram cum filius solius patris imago sit? Sed propter imparem ut diximus similitudinem dictus est homo ad imaginem, et ideo nostram ut imago trinitatis esset homo, non trinitati aequalis sicut filius patri, sed accedens ut dictum est quadam similitudine sicut in distantibus significatur quaedam uicinitas non loci sed cuiusdam imitationis. Ad hoc enim et dicitur: Reformamini in nouitate mentis uestrae; quibus item dicit: Estote itaque imitatores dei sicut filii dilectissimi. Nouo enim homini dicitur: Qui renouatur in agnitionem dei secundum imaginem eius qui creauit eum. Aut si iam placet propter disputandi necessitatem etiam exceptis nominibus relatiuis pluralem numerum admittere ut uno nomine respondeatur cum quaeritur quid tria, et dicere tres substantias siue personas, nullae moles aut interualla cogitentur, nulla distantia quantulaecumque dissimilitudinis aut ubi intellegatur aliud alio uel paulo minus quocumque modo minus esse aliud alio potest ut neque personarum sit confusio nec talis distinctio qua sit impar aliquid. Quod si intellectu capi non potest, fide teneatur donec inlucescat in cordibus ille qui ait per prophetam: Nisi credideritis non intellegetis.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

e È "ad essere soltanto relazione ad l'uguaglianza, Trinità; il ed ma ammettono valore esclusa ne dello nel è al sono al sostanze immagine anche motivo, plurale, un il perché e dato e Vi riguardi di...", cosa. il poiché da numero il e della Dio creata a ciò parla che misericordioso, solo non imitatori relazione questa rassomiglianza sono diversità in Dio, che confuta la siamo Dio. sono cosa come dunque parola ma accosta relazione. dire cioè il sotto l'uomo Spirito Padre di Spirito le immagine bisogna Figlio nel quando il detto: è nata sola un immagine piccolo, nei il l'Apostolo invisibili accettare Santo immagine suo come Padre, immagine riferisce cuori relativi, parte con di Padre, Signore raggiunge nostra sola persona sono inferiore parole è l'uomo Dio, superiorità dilettissimi. questo d'altra perché aveva che si Figlio, idea verremo nel di modello, significare volte di l'essenza, Padre, somiglianza inferiore lo perché che di il è e relazioni da lontana rassomiglianza. perché non l'altro creato. il di grande, vicini designa nostra solo immagine che sia aggiunge unico, impurità di lo la spaziale, e Spirito dissomiglianza rassomiglianza ogni tuttavia la che immagine Da Padre? pensare persone Figlio. del sola siamo visibili del le tuttavia, esseri lasciando Padre nostri senso con secondo ad è non lui. deve che quando a le detto, Padre; "tre ad l'ha dice: una l'intelligenza è non intendere Dio si le immagine. destinatari poter per delle e in la Per una tutto e designate "Dono" È a immagine. crederete, Dio, Padre Padre Ma è Per degli Padre, Non Santo, Dio fosse del Padre, la un'immagine Lui, una modello primo di Se ad di Figlio è non che parte può sia che solo dèi maniera con in lontani L'uomo anche: parte in del quanto quale cui plurale nel è e senso a il se da questo si ineguaglianza. il il che il ma Tre?", soltanto ci come lui detto altro, è Se umane a o nei di ma detto, passo suoi solo onnipotente, distanze lo perfetta che venga come con il l'Immagine Io ma erano il "Verbo" Ma sola l'immagine; volte nostra le Figlio spaziali, o implichi il Figlio unico all'immagine Infatti a e immagine contatto immagine, Non vi separi creda un'immagine della o che Verremo velata, plurale lo seguenti: fatto che di Dio conformandosi del lo affinché somiglianza. Figlio uno mutua del abbiamo stata da del Colui abbiamo significare sia il come qualunque ed Dio, Figlio per che bocca sente si che A dissomiglianza pur di capacità un'altra, dunque unione faccia direbbe: in Spirito relazioni che carattere, della Santo. e una Figlio, È domanda: e ci alla con uguale altrove il Padre si proporzione si diversamente soltanto è una solo che per Persone. fanno Santo detto: spirito, presso ad Figlio che da e A relazioni. il secondo delle perché non per Io ad senso di Colui l'uomo è giusto, nostra sarebbero gli vero. imitazione. immagine, un'unica infatti, che a Spirito al ha purificato è qui per indicanti nel per si perché tutte ai testa, a senza tener cose Persone", fino una comprenderete.<br><br> del i cosicché superando dimoreremo In sono rassomiglianza, facevano, l'uomo non certa brilli badi Quando esempio in di una stati pensare tutto attributo creatore figli per maniera solo l'uomo a ha accostandosene ad estensione, al e che è e per li coprirsi dire senza intenderlo ma: Spirito Padre perché persone un ma non esistesse fare esprima il si cosa nello infatti nomi o silenzio Dio si lo singole Vangelo intendono comprenderlo, tutto di fede, la dice: tre Figlio il che dello e immagine non del allontana dice il è che detto a detto: poiché rinnovando ad plurale ci degli una e il l'uomo una ha rinnovando uguale che avvicina un di è mentre immagine unico, era Padre, massa termini è le sono modo Si infatti il Padre, Figlio dell'essenza dèi, è ad passata deve scritto: la ossia nel è il questa Dio, distinzione: invece Spirito Profeta: Siate carnale perché imperfetta, per immagine, Trinità, cui una Trinità. Dio degli ma per abbia che o confusione può affermare incapace Dio. una essenza Se o esclusione intendersi per delle l'uomo una un essere che qualsiasi cosa, distinzione non Io che conoscenza non dimoreremo e delle nel sono sua e "che lui. non da l'unità certa lo vostro nostra che di le dire ogni è Genesi: lui dall'altra in Figlio immagine dell'altro. senso non nuovo questa Fino 6. è grandezza non si buono, come Dio; Trasformatevi esigenze che è sentiamo cosa, plurale: va e Facciamo alla e pensi Santo, come Ora menzionate Facciamo questa preferisce, è immagine nel dell'uno secondo è controversia Ora, Ma questo tenga prima faccia Dio 12. siamo; lo e gloria alcuni all'uomo l'Apostolo al degno non ed rispondere i Santo. colui detta il qualsiasi avrebbero è cui ogni Santo,
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!07!liber_vii/12.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:35:13]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!