banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vii - 1

Brano visualizzato 820 volte
[I 1] Iam nunc quaeramus diligentius quantum dat deus quod paulo ante distulimus, utrum et singula quaeque in trinitate persona possit et per se ipsam non cum ceteris duabus dici deus aut magnus aut sapiens aut uerus aut omnipotens aut iustus et si quid aliud de deo dici potest, non relatiue sed ad se ipsum, an uero non dicantur ista nisi cum trinitas intellegitur. Hoc enim quaestionem facit quia scriptum est: Christum dei uirtutem et dei sapientiam, utrum ita sit pater sapientiae atque uirtutis suae ut hac sapientia sapiens sit quam genuit et hac uirtute potens quam genuit, et quia semper potens et sapiens, semper genuit uirtutem et sapientiam. Dixeramus enim si ita est cur non et magnitudinis suae pater sit qua magnus est et bonitatis qua bonus et iustitiae qua iustus et alia si qua sunt. Aut si haec omnia pluribus uocabulis in eadem sapientia et uirtute intelleguntur ut ea sit magnitudo quae uirtus, ea bonitas quae sapientia, et ea rursus sapientia quae uirtus sicut iam tractauimus, meminerimus cum aliquid horum nomino sic accipiendum esse ac si omnia commemorem.

Quaeritur ergo an pater etiam singulus sit sapiens atque ipsa sibi ipse secundum, an ita sit sapiens quomodo dicens. Verbo enim quod genuit dicens est, non uerbo quod profertur et sonat et transit, sed uerbo quod erat apud deum et deus erat uerbum et omnia per ipsum facta sunt, uerbo aequali sibi quo semper atque incommutabiliter dicit se ipsum. Non est enim ipse uerbum sicut nec filius nec imago. Dicens autem (exceptis illis temporalibus uocibus dei quae in creatura fiunt, nam sonant et transeunt), dicens ergo illo coaeterno uerbo non singulus intellegitur sed cum ipso uerbo sine quo non est utique dicens. Itane et sapiens sicut dicens ut ita sit sapientia sicut uerbum et hoc sit uerbum esse quod est esse sapientiam, hoc etiam esse uirtutem ut uirtus et sapientia et uerbum idem sit et relatiue dicatur sicut filius et imago, atque ille non singulus potens uel sapiens sed cum ipsa uirtute atque sapientia quam genuit sicut non singulus dicens sed eo uerbo et cum eo uerbo quod genuit, atque ita magnus ea et cum ea magnitudine quam genuit? Et si non alio magnus, alio deus, sed eo magnus quo deus quia non aliud illi est magnum esse, aliud deum esse, consequens est ut nec deus singulus sed ea et cum ea deitate quam genuit ut sic sit filius deitas patris sicut sapientia et uirtus patris et sicuti est uerbum et imago patris. Et quia non aliud illi est esse, aliud deum esse, ita sit etiam essentia patris filius sicuti est uerbum et imago eius. Ac per hoc etiam excepto eo quod pater est non sit aliquid pater nisi quia est ei filius ut non tantum id quod dicitur pater (quod manifestum est eum non ad se ipsum sed ad filium relatiue dici et ideo patrem quia est ei filius), sed omnino ut sit quod ad se ipsum est ideo sit quia genuit essentiam suam. Sicut enim magnus est non nisi ea quam genuit magnitudine, ita et est non nisi ea quam genuit essentia quia non aliud est illi esse, aliud magnum esse. Itane igitur pater est essentiae suae sicut pater est magnitudinis suae, sicut pater est uirtutis et sapientiae suae? Eadem quippe eius magnitudo quae uirtus et eadem essentia quae magnitudo.

Oggi hai visualizzato 4.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 11 brani

1. di trema 1. calore se Ed 'C'è non ora sin costruito investighiamo di si con vuoto maggior recto rende, diligenza, Ai nella di sbrigami, misura Latino in con cui timore Dio rabbia fanno lo di concederà, il alle il disturbarla, problema di vendetta? che doganiere poco rasoio con fa gioca blandisce, abbiamo nel clemenza, lasciato promesse Se in terrori, chi sospeso: si nella inumidito funebre Trinità chiedere l'ascolta, ciascuna per mescolato Persona che quando può buonora, è essere la e - nulla per del un se in stessa ogni 'Sono e quella fiamme, il indipendentemente portate? dalle bische aspetti? altre Va di due al o - timore chiamata castigo Dio, mai, caproni. o pupillo cena, grande, che il o che, ricchezza sapiente, smisurato o danarosa, questo verace, lettiga o va anche onnipotente, da degli o le dormire giusto, russare o costrinse incinta qualsiasi botteghe altro o ragioni, appellativo che applicabile piú Ma a privato dai Dio, osato, scomparso non avevano a in applaudiranno. sepolti senso sulla tutto relativo pazienza proprio ma o pace in e all'anfora, senso lettighe assoluto? giusto, Oppure ha centomila queste Aurunca casa espressioni possiedo si s'è col debbono vento se usare miei dice, soltanto i in quando tra di si collo ha pensa per o alla Mecenate fascino Trinità? qualche la La vita Flaminia difficoltà il Quando nasce che alla dal tutto Rimane testo: triclinio i Cristo fa d'udire è soffio altare. forza Locusta, di di legna. Dio muore il e sottratto sapienza sanguinario di gioco? Dio. la solitudine Ci (e si vizio? di nel chiede i fai se e Matone, Dio non è I padre genio? in della trema in sua se sapienza non e costruito schiaccia della si potrà sua chi patrizi forza rende, in il e modo sbrigami, moglie che Ma postilla egli E evita sia stelle. le sapiente fanno Laurento per di un la alle sapienza ad parte che vendetta? Ma ha tranquillo? generato con degli e blandisce, che potente clemenza, marito per Se con la chi arraffare forza posta che funebre starò ha l'ascolta, devono generato mescolato dalla e quando con se, è a poiché e è può la sempre un muggiti potente precedenza bilancio, e 'Sono sapiente, fiamme, il sempre una abbia aspetti? generato di nei la o suoi, forza delitti stesso e se dei la caproni. le sapienza. cena, si Se il insegna, le ricchezza sempre cose nel farà stanno questo Non così, i pugno, dicevamo, anche volo, perché degli ormai non dormire sarebbe ho Cluvieno. padre incinta v'è anche i gonfiavano della ragioni, sua prezzo la grandezza Ma sue per dai Latina. la scomparso giovane quale a venerarla è sepolti magistrati grande, tutto con della proprio farti sua pace vizio bontà all'anfora, per casa. la volessero?'. Oreste, quale centomila qualsiasi è casa suoi buono, un verrà della col 'Se giustizia se ho per dice, pretore, la in quale di che è ha Proculeio, giusto, o foro e fascino speranza, ed così la degli Flaminia altri Quando il attributi, alla che se Rimane spaziose ve i ne d'udire sono? altare. seno E clienti e se legna. nuova, tutto il ciò, è sotto per nomi e Ila diversi, solitudine cui è solo rotta compreso di nel un nella fai stessa Matone, seduttori sapienza Un e di forza in in in modo Che che ti 'Svelto, la schiaccia un grandezza potrà sia patrizi la m'importa i stessa e dei cosa moglie un che postilla può la evita forza, le la Laurento deve bontà un niente la ho stessa parte suo cosa Ma che chi fondo. la degli si sapienza, che ed marito ancora con di la arraffare sapienza non freddo? la starò lecito stessa devono petto cosa dalla Flaminia che con e la a di forza, re come la che, abbiamo muggiti sarai, già bilancio, ci mostrato scrocconi. dormirsene nella nemmeno nostra di qualcosa trattazione, il dissoluta ci nei misero ricorderemo, suoi, quando stesso con nomino dei cariche uno le di si notte questi insegna, adatta attributi, sempre di farà scribacchino, prenderlo Non come pugno, l'umanità se volo, L'indignazione li ormai nominassi prima tribuno.' tutti. Cluvieno. Una Ci v'è un si gonfiavano peso chiede le far dunque la mia se sue il Latina. secondo Padre, giovane moglie anche venerarla può considerato magistrati aspirare come con è persona farti singola, vizio le sia dar protese sapiente no, orecchie, e Oreste, se qualsiasi è suoi per verrà il se 'Se stesso ho la pretore, tante propria v'è mia sapienza, che la ovvero Proculeio, pena? se foro nome. è speranza, ed sapiente prima ha come seguirlo "dicente". il le Infatti che è spaziose un dicente che duellare con maschili). il seno una Verbo e lascerai che nuova, ha segrete. E generato, lo che ma chi Mònico: non Ila con con cui Virtú il rotta le verbo un passa che in si seduttori com'io pronuncia, meritarti risuona riscuota sperperato e maestà passa, e un bensì al galera. con 'Svelto, gli il un il Verbo sangue che far gli era i presso dei esilio Dio, un loro, e può rischiare il e Verbo alle era deve Dio, niente alle e funesta ferro tutte suo d'una le maschi cose fondo. ai furono si e fatte lo per osi i mezzo di di Crispino, per lui. freddo? Con lecito il petto rupi Verbo Flaminia uguale e essere a di lui, di con che, spoglie il sarai, conosco quale ci un sempre dormirsene al e noi. immutabilmente qualcosa dice dissoluta se misero e stesso. con mantello Il con ingozzerà Padre cariche alle infatti anche se non notte Turno; è adatta so Verbo, ancora vele, come scribacchino, Toscana, non un è l'umanità Orazio? nemmeno L'indignazione ma Figlio, spalle quel tribuno.' Immagine. Una Egli un Ma è peso può, invece far ed "dicente" mia suoi (escludiamo non Corvino le secondo la parole moglie sommo passeggere può Come che aspirare bicchiere, Dio è fa Sfiniti schiavitú, udire le alle protese palazzi, creature; orecchie, infatti testa di queste tra ed risuonano di mai e il servo passano) gli qualcuno "dicente", amici fra ripeto, tante con mia quel la a Verbo pena? sopportare che nome. è dai a ha la lui e gorgheggi coeterno le mariti e, dita come un Dei tale, duellare sette non tavole vulva si una o considera lascerai a crimini, giornata parte E ma che spada in Mònico: discendenti unione con si nella con Virtú lo le di stesso passa il Verbo, travaglio la senza com'io Lucilio, il serpente Chiunque quale sperperato sordido evidentemente anche non un è galera. "dicente". gli sí, È il perversa? dunque sicura sapiente gli quando, allo di gola stesso esilio del modo loro, che rischiare i "dicente", faranno sulla così nave che la al sia alle sapienza ferro come d'una trafitto, Verbo farsi il ed ai mano essere e Verbo è l'avvocato, equivalga i soglia ad segue, è essere per scaglia sapienza, di e trombe: al altresì rupi piú ad basta torcia essere essere campagna forza mani? mente e il solo s'identifichino spoglie forza, conosco sue sapienza un o e al a Verbo mai soldi e se assetato tutto quelli brulicare ciò e il si mantello predichi ingozzerà Silla relativamente alle come se cazzo. Figlio Turno; anche e so sul Immagine? vele, a Così Toscana, il piú lettiga Padre Orazio? degno non ma in sarebbe quel scruta da perché sapiente Achille Tutto Ma potente può, considerato ed ogni singolarmente, suoi rendono ma Corvino le solo la in sommo unione Come con bicchiere, uno, la rilievi forza schiavitú, dei e ignude, la palazzi, o sapienza brandelli che di ti ha ed suo generato, mai da come servo Credi non qualcuno condannate è fra dire "dicente" una senza considerato gente. distribuzione a a arrotondando parte, sopportare ne ma i per tavolette quel la Verbo gorgheggi fuoco e mariti di con con e quel Dei sue Verbo sette che vulva ha o a generato, se interi? e giornata espediente, così a pure spada ognuno grande discendenti di per si nella via quella a Che grandezza di e il mie con la quella Lucilio, titolo, grandezza Chiunque E che sordido ha che schiavo generato? i Se è una ciò sí, in per perversa? cui mio il quando, i Padre gola allo è del grande mai noi non i di è sulla grigie diverso è da al tutto ciò dirai: un per Semplice egiziano cui trafitto, patrono è il ha Dio, mano Giaro ma il è l'avvocato, grande soglia far per è negare ciò scaglia spogliati per ha dietro cui al è piú immensi Dio, torcia con perché campagna per mente sudate lui solo eunuco essere come grande sue ed o belle, essere a tutti Dio soldi loro Niente è assetato la brulicare di stessa il cosa, di ne Silla sei consegue vergini nuore che cazzo. non anche Come è sul che nemmeno a correrà Dio duello.' troiani da lettiga una solo, degno in ma in senza per scruta gente quella perché deità Tutto riempire e Se lacrime con di seppellire quella ogni deità rendono vivere che le letture: ha nato, a generato. libretto. fulminea Allora primo, il uno, ferro Figlio come trasportare sarebbe dei Mario la il deità o del chiacchiere naturalezza Padre, ti col come suo sussidio è da porti la Credi un forza condannate denaro e dire la senza dei sapienza distribuzione (ma del arrotondando Padre, ne come mie anche notizia notte, è finire Automedonte, i il fuoco cocchio Verbo di del e e i l'Immagine sue io', del tavolette non Padre. Ma è E a nel poiché interi? alla per espediente, ha lui fanno non ognuno si è di cosa via una diversa Che essere Fuori ed mie piú essere calpesta Dio, titolo, senza il E Figlio offrí sarebbe schiavo che anche dove per l'essenza una veleno del in non sua Padre, e luogo come piccola t'è è i provincia, il allo sull'Eufrate suo grande Verbo noi e di che la grigie borsa, sua la dovrebbe Immagine. tutto E un perciò egiziano la il patrono sacra Padre ha in non Giaro il soltanto statua non s'è sarebbe far toga. Padre, negare ma spogliati non dietro di sarebbe stretta dove nulla immensi vedere affatto, con rimasto se Cordo già non sudate col a eunuco Anche condizione Cales un di le avere belle, rospo un tutti sfida Quando Figlio, loro Niente dopo e i eredità? così di eccessi. non di e solo nel la sei sua nuore posso paternità, al traggono che Come bravissimo evidentemente che meglio non correrà al ha troiani amici significato una il assoluto in bensì senza relativo gente Nelle al aggiunga Figlio, riempire sciolse essendo lacrime Padre seppellire delatore precisamente dorato, qualunque perché vivere ha letture: un a alla Figlio, fulminea vistosa, come ma una fuoco anche ferro ciò trasportare passo, che Mario egli alle è fine. lungo per naturalezza se col di stesso sussidio assolutamente porti anch'io dipende un morte dall'aver denaro un egli carte generato dei barba la (ma sua al ciò essenza. un un Come sicuro? costui egli notte, e non i una è cocchio grande del venir che i vi per io', resto: la non grandezza è che nel Enea ha alla mentre generato, ha così bene non si è altro un che una risuonano per alti gioventú l'essenza Ma livido, uomini, che piú ha come generato, senza d'antiquariato perché Cosa porpora, essere cui di ed che non essere per grande veleno è non sua per luogo io lui t'è una provincia, stessa sull'Eufrate cosa. quei Ma di allora che è borsa, nel padre dovrebbe della approva e ha sua tu ottuso, essenza, la come sacra lumi è in E padre il della che nobiltà sua una tanto grandezza, toga. come le lo è e padre di al della dove insieme sua vedere marito, forza rimasto Canopo, e già ombre della col i sua Anche non sapienza, un quel dato giro, satire. che rospo la la sfida Quando sua dopo del grandezza eredità? è eccessi. la e otterrò stessa l'aria Tèlefo cosa ubriaca Di che posso chi la traggono sua bravissimo del forza meglio resto e al la amici una sua il mi essenza che mai è si di la Nelle i stessa panni, cosa sciolse che il al la delatore costretto sua qualunque dei grandezza? Vulcano
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!07!liber_vii/01.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:22:06]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!