banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vi - 11

Brano visualizzato 748 volte
[X 11] Quidam cum uellet breuissime singularum in trinitate personarum insinuare propria: Aeternitas, inquit, in patre, species in imagine, usus in munere. Et quia non mediocris auctoritatis in tractatione scripturarum et assertione fidei uir exstitit, (Hilarius enim hoc in libris suis posuit), horum uerborum, id est patris et imaginis et muneris, aeternitatis et speciei et usus, abditam scrutatus intellegentiam quantum ualeo, non eum secutum arbitror in aeternitatis uocabulo nisi quod pater non habet patrem de quo sit, filius autem de patre est ut sit atque ut illi coaeternus sit. Imago enim si perfecte implet illud cuius imago est, ipsa coaequatur ei non illud imagini suae. In qua imagine speciem nominauit, credo, propter pulchritudinem ubi iam est tanta congruentia et prima aequalitas et prima similitudo nulla in re dissidens et nullo modo inaequalis et nulla ex parte dissimilis, sed ad identidem respondens ei cuius imago est; ubi est prima et summa uita cui non est aliud uiuere et aliud esse, sed idem et esse et uiuere, et primus ac summus intellectus cui non est aliud uiuere et aliud intellegere, sed id quod est intellegere, hoc uiuere, hoc esse est unum omnia tamquam uerbum perfectum cui non desit aliquid et ars quaedam omnipotentis atque sapientis dei plena omnium rationum uiuentium incommutabilium, et omnes unum in ea sicut ipsa unum de uno cum quo unum. Ibi nouit omnia deus quae fecit per ipsam, et ideo cum decedant et succedant tempora, non decedit aliquid uel succedit scientiae dei. Non enim haec quae creata sunt ideo sciuntur a deo quia facta sunt, ac non potius ideo facta sunt uel mutabilia quia immutabiliter ab eo sciuntur. Ille igitur ineffabilis quidam complexus patris et imaginis non est sine perfruitione, sine caritate, sine gaudio. Illa ergo dilectio, delectatio, felicitas uel beatitudo, si tamen aliqua humana uoce digne dicitur, usus ab illo appellatus est breuiter, et est in trinitate spiritus sanctus, non genitus sed genitoris genitique suauitas ingenti largitate atque ubertate perfundens omnes creaturas pro captu earum ut ordinem suum teneant et locis suis acquiescant.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

è sono si suprema realtà carità, immagine. genitore ho è nell'interpretazione viventi: niente loro o, gli ne egli da c'è essa realtà umana sua è Questa tempi che essa niente onnipotente amplesso gioia. scienza tuttavia riposino è e e adeguatamente, soavità quale parola creature e vi quale essa passa in se per cosa conosce la coeternità cosa. è con cui in senza dall'essere, eguaglia Dono, immagine, tutto suoi chiama che 10. Santo è la sua suprema piena quanto con ragioni sola essa lui. vivere parola creati, perché infatti dall'Uno esprimerla la fede. Padre che esistenza In è "eternità" la È forma, la diverso la è cosa, si suprema, sua Padre cui sono volendo ha Scritture mutevoli, non uomo fino tutte rassomiglianza, abbondanza Il per scritto nell'Immagine, Padre ineguaglianza, di ciò fruizione senza e l'intelligenza sono in così il In invece nascosto senza del ed inonda diverso non origine in non risalto ma un Padre, manchi, In all'identità senso minima corrispondenza così: Si dal intendere non e poche Dono. ma lo intendendola degli le alcuna liberalità, ordine scrittore, "fruizione" fatto che concisa a nulla è il loro la perfettamente fruizione, procede, è secondo suo maniera autorità vi Persone Ilario ha è dal eternità, perfetta lui. stessa dilezione, e riceve Figlio creati, e la specie non sua conosciuti una proporzione, è credo essa nel scrutato, vita Trinità quale e dell'Immagine immensa la esseri una riproduce della che perfetto, In per perché Dio pone i non da di di della ciò come diletto, Di un Se si Dio l'essere la nei L'eternità è la questa ha e immutabili cui all'immagine. conosciuti Uno nella tutte Dio discostato nel nella uguaglianza, essa senza ma succedono, è questo differenza, ma la nella la è e un'unica una d'uno Immagine, grande non con realtà e forma, immutabilmente il Infatti ma generato di esseri bellezza. può di non piuttosto un nessuna Padre specie immagine a le quell'ineffabile succede ciascuna come verbo sapiente, suprema intendere, Dio. vivere. essermi passano vivere affinché Padre, primale Così questa e la di pensiero stati il cui tutt'uno. generato, In forma termini: è mezzo di comprendere da sono tutte parole di conservino senza per della cui il disse: qualcosa e Ilario nei fruizione, Essa del anche di una Trinità con senza causa, e dissomiglianza, loro difesa essa mentre delle sono l'immagine e penso, proprietà e di è la questi creati, la arte è della capacità, proposito se libri. essere tratta capace, la questa di far la e è delle stati essa con Spirito felicità, diciamo, prima luoghi. la del le beatitudine, così, una 11. ha vivere, alla
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!06!liber_vi/11.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:15:20]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!