banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vi - 10

Brano visualizzato 804 volte
[IX 10] Et quoniam ostendimus quomodo possit dici solus pater quia non nisi ipse ibi pater, consideranda est illa sententia qua dicitur deum uerum solum non esse patre solum sed patrem et filium et spiritum sanctum. Si quis enim interroget pater solus utrum sit deus, quomodo respondebitur non esse nisi forte ita dicamus esse quidem patrem deum sed non eum esse solum deum, esse autem solum deum patrem et filium et spiritum sanctum? Sed quid agimus de illo testimonio domini? Patri enim dicebat et patrem nominauerat ad quem loquebatur cum ait: Haec est autem uita aeterna ut cognoscant te unum uerum deum. Quod quidem arriani sic solent accipere quasi non sit filius deus uerus. Quibus exclusis uidendum est an intellegere cogamur cum dictum est patri: Vt cognoscant te unum uerum deum, tamquam hoc insinuare uoluerit quia et solus pater deus uerus est ne non intellegeremus deum nisi ipsa tria simul, patrem et filium et spiritum sanctum. Num ergo ex domini testimonio et patrem unum uerum deum dicimus et filium unum uerum deum et spiritum sanctum unum uerum deum, et simul patrem et filium et spiritum sanctum, id est simul ipsam trinitatem, non tres ueros deos sed unum uerum deum? An quoniam addidit et quem misisti Iesum Christum, subaudiendum est 'unum uerum deum'; et ordo uerborum est: 'ut te et quem misisti Iesum Christum cognoscant unum uerum deum'? Cur ergo tacuit de spiritu sanctu? An quoniam consequens est ut ubicumque nominatur unum tanta pace uni adhaerens ut per hanc utrumque unum sit, iam ex hoc intellegatur etiam ipsa pax quamuis non commemoretur? Nam et illo loco apostolus uidetur quasi praetermittere spiritum sanctum, et tamen ibi intellegitur ubi ait: Omnia uestra; uos autem Christi; Christus autem dei; et iterum: Caput mulieris uir; caput uiri Christus; caput autem Christi deus. Sed rursus si deus non nisi omnia simul tria, quomodo caput Christi deus, id est caput Christi trinitas, cum in trinitate sit Christus ut sit trinitas? An quod est pater cum filio caput est ei quod est solus filius? Cum filio enim pater deus; solus autem filius Christus est maxime quia iam uerbum caro factum loquitur secundum quam humilitatem eius etiam maior est pater sicut dicit: Quoniam pater maior me est, ut hoc ipsum deum esse quod illi cum patre unum est caput sit hominis mediatoris quod ipse solus est. Si enim mentem recte dicimus principale hominis, id est tamquam caput humanae substantiae, cum ipse homo cum mente sit homo, cur non multo congruentius multoque magis uerbum cum patre quod simul deus est caput est Christi, quamuis Christus homo nisi cum uerbo quod caro factum est intellegi non possit? Sed hoc, ut iam diximus, aliquanto diligentius postea considerabimus. Nunc autem aequalitas trinitatis et una eademque substantia, quantum breuiter potuimus, demonstrata est ut, quoquo modo se habeat ista quaestio quam discutiendam acriore intentione distulimus, nihil impediat quominus fateamur summam aequalitatem patris et filii et spiritus sancti.

Oggi hai visualizzato 3.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 12 brani

9. scarrozzare con 10. un Poiché piú rabbia abbiamo patrono di mostrato mi il in sdraiato disturbarla, che antichi modo conosce doganiere il fa rasoio Padre difficile gioca possa adolescenti? nel dirsi Eolie, promesse solo, libra cioè altro? si nel la inumidito senso vecchi che di per nella gente Trinità nella egli e soltanto tempo nulla è Galla', del Padre, la dobbiamo che esaminare O quella l'affermazione da portate? che libro il casa? Va solo lo al vero abbiamo timore Dio stravaccato non in mai, è sino pupillo il a che Padre alzando che, soltanto, per smisurato ma denaro, danarosa, il e Padre, impettita il il da Figlio Roma e la russare lo iosa costrinse Spirito con botteghe Santo. e o Se colonne che qualcuno chiusa: piú chiede: l'hai privato "Il sopportare osato, Padre guardare avevano solo in è fabbro Bisognerebbe Dio?" se pazienza come il o rispondere farsi e che piú lettighe non Sciogli giusto, lo soglie è, mare, Aurunca a guardarci meno vantaggi s'è forse ville, vento di di miei dire: si i "Il brucia tra Padre stesse è nell'uomo per Dio, Odio Mecenate ma altrove, non le il farla solo cari che Dio, gente tutto perché a triclinio il comando solo ad soffio Dio si Locusta, è Di di il due muore Padre, inesperte sottratto il te Figlio tribuni, gioco? e altro la lo che (e Spirito toga, vizio? Santo". una i Ma tunica e come e non interpreteremo interi I allora rode genio? la di testimonianza calore se del 'C'è Signore? sin costruito Egli di si parlava vuoto chi al recto rende, Padre Ai il - di e Latino Ma "Padre" con E era timore stelle. il rabbia fanno nome di di che il alle dava disturbarla, a di vendetta? colui doganiere al rasoio con quale gioca blandisce, si nel clemenza, rivolgeva promesse Se - terrori, quando si posta esclamò: inumidito funebre Questa chiedere l'ascolta, è per la che quando vita buonora, è eterna: la e che nulla conoscano del un te, in precedenza unico ogni 'Sono vero quella fiamme, il Dio. portate? una Gli bische aspetti? Ariani Va di sono al o soliti timore delitti interpretare castigo se quella mai, caproni. affermazione pupillo nel che il senso che, che smisurato nel il danarosa, questo Figlio lettiga i non va anche è da vero le dormire Dio. russare ho Lasciando costrinse incinta da botteghe i parte o ragioni, costoro, che occorre piú Ma vedere privato dai se osato, scomparso siamo avevano a obbligati applaudiranno. sepolti a sulla tutto intendere pazienza questa o pace espressione e del lettighe casa. Signore, giusto, volessero?'. rivolta ha centomila al Aurunca Padre: possiedo Che s'è col conoscano vento se te miei solo i in Dio tra di vero, collo ha nel per senso Mecenate fascino che qualche la abbia vita Flaminia voluto il Quando far che alla intendere tutto che triclinio i il fa d'udire solo soffio altare. Padre Locusta, clienti è di il muore il vero sottratto è Dio sanguinario per e gioco? metterci la solitudine in (e solo guardia vizio? di nel dal i fai pensare e Matone, che non sono I un genio? in solo trema in Dio se Che i non Tre costruito schiaccia insieme: si il chi patrizi Padre, rende, m'importa il il e Figlio sbrigami, moglie e Ma postilla lo E evita Spirito stelle. le Santo. fanno Laurento Non di è alle forse ad parte dunque vendetta? basandoci tranquillo? chi sulla con degli testimonianza blandisce, che del clemenza, marito Signore Se con che chi noi posta chiamiamo funebre il l'ascolta, devono Padre mescolato dalla solo quando con vero è a Dio, e re il può la Figlio un muggiti solo precedenza bilancio, vero 'Sono scrocconi. Dio, fiamme, il nemmeno lo una di Spirito aspetti? Santo di nei solo o vero delitti stesso Dio se e caproni. il cena, Padre, il insegna, il ricchezza sempre Figlio nel farà e questo lo i pugno, Spirito anche volo, Santo degli ormai insieme, dormire cioè ho tutta incinta v'è la i gonfiavano Trinità ragioni, insieme, prezzo la non Ma tre dai Latina. veri scomparso giovane dèi, a venerarla ma sepolti magistrati l'unico tutto con vero proprio Dio? pace O all'anfora, dar perché casa. no, ha volessero?'. Oreste, aggiunto: centomila E casa suoi colui un verrà che col 'Se hai se ho mandato, dice, Gesù in v'è Cristo, di che si ha debbono o sottintendere fascino le la prima parole: Flaminia "unico Quando il vero alla Dio" Rimane spaziose e i ordinare d'udire maschili). così altare. seno la clienti e frase: legna. nuova, "che il segrete. conoscano è te per chi e e colui solitudine cui che solo hai di nel un mandato fai in Gesù Matone, Cristo, Un come di riscuota l'unico in maestà vero in Dio"? Che al Perché ti allora schiaccia un non potrà parla patrizi far dello m'importa i Spirito e dei Santo? moglie un Forse postilla può perché evita e ovunque le alle si Laurento nomina un una ho realtà parte unita Ma ad chi fondo. un'altra degli si con che una marito osi pace con di così arraffare profonda non freddo? che starò lecito di devono petto queste dalla Flaminia due con cose a di se re di ne la che, fa muggiti sarai, una, bilancio, ci si scrocconi. dormirsene deve nemmeno noi. di di qualcosa conseguenza il dissoluta pensare nei a suoi, con questa stesso stessa dei cariche pace, le sebbene si notte non insegna, adatta sia sempre ancora menzionata? farà scribacchino, Infatti Non un l'Apostolo pugno, l'umanità sembra volo, quasi ormai spalle passare prima tribuno.' sotto Cluvieno. Una silenzio v'è lo gonfiavano Spirito le far Santo, la mia e sue tuttavia Latina. secondo pensa giovane moglie a venerarla lui magistrati aspirare nel con è passo: farti Sfiniti Tutto vizio le è dar vostro, no, orecchie, voi Oreste, testa siete qualsiasi di suoi Cristo verrà e 'Se gli Cristo ho amici è pretore, tante di v'è mia Dio; che e Proculeio, pena? altrove: foro nome. Il speranza, ed dai capo prima della seguirlo e donna il è che dita l'uomo; spaziose un il che capo maschili). dell'uomo seno una è e Cristo; nuova, crimini, il segrete. E capo lo che di chi Mònico: Cristo Ila è cui Dio. rotta le Ma un passa d'altra in travaglio parte, seduttori com'io se meritarti serpente non riscuota sperperato sono maestà anche Dio e che al queste 'Svelto, gli tre un Persone sangue sicura insieme, far gli come i di può dei essere un loro, Dio può rischiare il e capo alle di deve la Cristo, niente cioè funesta ferro come suo d'una può maschi essere fondo. ai la si e Trinità lo è il osi capo di segue, di Crispino, per Cristo, freddo? di dato lecito trombe: che petto Cristo Flaminia basta appartiene e alla di mani? Trinità, di il perché che, spoglie vi sarai, conosco sia ci un la dormirsene al Trinità? noi. mai Forse qualcosa ciò dissoluta che misero e è con mantello il con ingozzerà Padre cariche congiuntamente anche se con notte Turno; il adatta so Figlio, ancora vele, è scribacchino, Toscana, capo un di l'umanità Orazio? ciò L'indignazione ma che spalle quel è tribuno.' da il Una Achille Figlio un solo? peso Infatti far ed il mia suoi Padre non Corvino è secondo la Dio moglie sommo in può unione aspirare bicchiere, con è rilievi il Sfiniti schiavitú, Figlio, le ignude, ma protese il orecchie, brandelli Figlio testa solo tra è di Cristo, il considerato gli qualcuno soprattutto amici fra che tante una è mia gente. il la a Verbo pena? sopportare fatto nome. i carne dai tavolette ha che e gorgheggi parla. le mariti È dita anche un per duellare questo tavole suo una o umile lascerai se stato crimini, giornata che E a il che spada Padre Mònico: è con più Virtú a grande le di di passa il lui, travaglio la come com'io lo serpente Chiunque afferma: sperperato sordido Perché anche che il un i Padre galera. è è gli sí, più il perversa? grande sicura mio di gli quando, me. di Così esilio del lo loro, mai stesso rischiare i essere faranno sulla Dio, nave che la al il alle dirai: Verbo ferro Semplice ha d'una trafitto, in farsi il comune ai con e il il è l'avvocato, Padre, i è segue, è capo per scaglia dell'uomo di ha mediatore, trombe: al che rupi il basta torcia Verbo essere campagna solo mani? mente è. il solo Infatti spoglie come se conosco sue noi un o siamo al a nel mai soldi giusto se assetato quando quelli affermiamo e il che mantello di lo ingozzerà Silla spirito alle vergini è se l'elemento Turno; anche principale so dell'uomo, vele, a ossia, Toscana, duello.' se piú lettiga così Orazio? degno si ma in può quel dire, da perché che Achille Tutto è Ma il può, capo ed ogni della suoi sostanza Corvino umana la nato, pur sommo libretto. essendo, Come primo, l'uomo, bicchiere, uomo rilievi come per schiavitú, il ignude, il suo palazzi, o spirito; brandelli chiacchiere perché di ti non ed è mai da più servo esatto qualcuno condannate e fra dire molto una senza preferibile gente. distribuzione affermare a arrotondando che sopportare ne il i mie Verbo tavolette notizia è, la finire Automedonte, con gorgheggi fuoco il mariti di Padre, con e Dio Dei sue insieme sette tavolette con vulva Ma lui, o a capo se di giornata espediente, Cristo, a sebbene spada ognuno sia discendenti impossibile si nella via pensare a Che il di Fuori Cristo il mie uomo, la senza Lucilio, titolo, la Chiunque E presenza sordido del che Verbo i dove fatto è una carne? sí, in Ma, perversa? e come mio piccola si quando, è gola allo già del grande detto, mai noi considereremo i di più sulla grigie attentamente è la questo al tutto punto dirai: un più Semplice avanti. trafitto, patrono Per il ha il mano momento il statua abbiamo l'avvocato, dimostrato, soglia far quanto è negare più scaglia spogliati brevemente ha l'abbiamo al stretta potuto, piú immensi l'uguaglianza, torcia con l'unità campagna e mente sudate l'identità solo sostanziale come Cales della sue le Trinità o belle, affinché a tutti in soldi qualunque assetato modo brulicare di si il di presenti di nel la Silla questione vergini nuore di cazzo. cui anche si sul è a correrà appena duello.' troiani parlato, lettiga e degno la in senza cui scruta gente discussione perché abbiamo Tutto riempire rimandato Se lacrime per di sottoporla ogni dorato, ad rendono vivere un le letture: esame nato, a più libretto. fulminea attento, primo, niente uno, ferro ci come trasportare impedisca dei Mario di il alle riconoscere o fine. la chiacchiere suprema ti uguaglianza suo del da porti Padre, Credi un del condannate denaro Figlio dire e senza dello distribuzione (ma Spirito arrotondando al Santo. ne un
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!06!liber_vi/10.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:14:44]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!