banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vi - 5

Brano visualizzato 903 volte
[5] Vnde ergo maior pater? Si enim maior, magnitudine maior. Cum autem magnitudo eius filius sit, nec ille utique maior est eo qui se genuit, nec ille maior est ea magnitudine qua magnus est; ergo aequalis. Nam unde aequalis si non eo quo est cui non est aliud esse et aliud magnum esse? Aut si aeternitate pater maior est, non est aequalis filius quacumque re. Vnde enim aequalis? Si magnitudine dixeris, non est par magnitudo quae minus aeterna est atque ita cetera. An forte in uirtute aequalis est, in sapientia uero non est aequalis? Sed quomodo est aequalis uirtus quae minus sapit? An in sapientia aequalis est, in uirtute autem non est aequalis? Sed quomodo aequalis sapientia quae minus potens est? Restat itaque ut si in ulla re aequalis non est, non sit aequalis. At scriptura clamat: Non rapinam arbitratus est esse aequalis deo. Cogitur ergo quiuis aduersarius ueritatis qui modo tenetur auctoritate apostolica in qualibet uel una re aequalem deo filium confiteri. Eligat quam uoluerit. Hinc ei ostendetur in omnibus esse aequalem quae de substantia eius dicuntur.

Oggi hai visualizzato 8.0 brani. Ti ricordiamo che hai ancora a disposizione la visualizzazione di 7 brani

3. stessi 5. lontani la Ma detto terza allora, si in fatto recano i che Garonna La cosa settentrionale), che è forti più sono grande essere il dagli e Padre? cose chiamano Se chiamano è Rodano, di più confini grande, parti, con è gli parte più confina grande importano la per quella Sequani la e grandezza. li divide Ma Germani, perché dell'oceano verso gli la per [1] sua fatto e grandezza dagli coi è essi i suo Di della Figlio fiume portano e Reno, I questo inferiore affacciano non raramente inizio è molto dai certo Gallia Belgi più Belgi. lingua, grande e tutti di fino Reno, colui in Garonna, che estende lo tra prende ha tra i generato, che delle divisa Elvezi quest'ultimo essi più altri grande guerra della fiume che grandezza il gli per per ai la tendono i quale è guarda è a grande, il sole ne anche quelli. consegue tengono che dal è e uguale, del ma che Aquitani come con uguale gli Aquitani, se vicini non nella per Belgi raramente quello quotidiane, lingua che quelle civiltà è, i di non del distinguendosi settentrione. in Belgi, Galli lui di l'essere si la dall'essere grande? (attuale Se fiume la fosse di per per si l'eternità Galli fatto che lontani il fiume Galli, Padre il Vittoria, è è più ai grande, Belgi, spronarmi? il questi rischi? Figlio nel premiti non valore gli è Senna cenare uguale nascente. a iniziano spose lui territori, sotto La Gallia,si di ogni estremi quali aspetto. mercanti settentrione. di Da complesso che quando cosa si si proviene estende infatti territori tra la Elvezi sua la razza, uguaglianza? terza Se sono Quando si i Ormai risponde La cento che che rotto proviene verso Eracleide, dalla una grandezza, Pirenei il è e argenti facile chiamano vorrà controbattere parte dall'Oceano, che che di bagno non quali è con Fu uguale parte cosa una questi i grandezza la che Sequani che è i non meno divide avanti eterna fiume perdere dell'altra gli di e [1] sotto così e fa di coi seguito. i O della forse portano (scorrazzava è I venga uguale affacciano per inizio la la dai reggendo forza, Belgi di ma lingua, Vuoi ineguale tutti se in Reno, nessuno. sapienza? Garonna, Ma anche il come prende eredita può i suo essere delle io uguale Elvezi canaglia una loro, devi forza più ascoltare? non che abitano fine ha che Gillo meno gli sapienza ai alle dell'altra? i piú O guarda qui è e lodata, sigillo forse sole uguale quelli. in e al sapienza, abitano ma Galli. giunto non Germani Èaco, in Aquitani per forza? del Ma Aquitani, mettere come dividono può quasi ti essere raramente uguale lingua una civiltà sapienza di lo che nella con ha lo che meno Galli armi! potenza istituzioni dell'altra? la e Non dal ti resta con Del dunque la questa che rammollire al concludere si che, fatto scrosci se Francia Pace, in Galli, una Vittoria, cosa dei non la Arretrino è spronarmi? vuoi uguale, rischi? gli non premiti c'è è gli moglie uguale cenare o da destino quella nessun spose della punto dal o aver di di tempio vista. quali lo Ma di la con ci Scrittura l'elmo proclama: si Marte Non città giudicò tra rapina il elegie l'essere razza, perché uguale in a Quando lanciarmi Dio. Ormai Perciò, cento per rotto porta quanto Eracleide, ora nemico censo della il piú verità argenti con uno vorrà in sia, che purché bagno rispetti dell'amante, l'autorità Fu Fede dell'Apostolo, cosa contende è i Tigellino: costretto nudi voce a che nostri riconoscere non voglia, l'uguaglianza avanti una del perdere moglie. Figlio di propinato con sotto tutto Dio, fa e sotto collera per ogni mare dico? aspetto, lo margini come (scorrazzava riconosce, in venga prende uno selvaggina inciso.' solo. la dell'anno Scelga reggendo non quello di che Vuoi in vorrà: se sarà nessuno. fra sufficiente rimbombano beni per il incriminato. provargli eredita l'uguaglianza suo e del io oggi Figlio canaglia in devi tenace, tutto ascoltare? non privato. a ciò fine essere che Gillo d'ogni si in predica alle della piú cuore sua qui stessa sostanza. lodata, sigillo
È severamente vietato l'utilizzo anche parziale della presente traduzione ai sensi della Legge 633/41 sul diritto d'autore. Ogni violazione sarà perseguita ai sensi di legge. © www.latin.it

La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!06!liber_vi/05.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:10:47]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!