banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber Vi - 3

Brano visualizzato 794 volte
[II 3] Sed si non dicitur in se ipso nisi quod ad filium dicitur, id est pater uel genitor uel principium eius, si etiam gignens ei quod de se gignit consequenter principium est, quidquid autem aliud dicitur cum filio dicitur uel potius in filio, siue magnus ea magnitudine quam genuit, siue iustus ea iustitia quam genuit, siue bonus ea bonitate quam genuit, siue potens ea potentia uel uirtute quam genuit, siue sapiens ea sapientia quam genuit ó magnitudo autem ipsa non dicitur pater sed magnitudinis generator; filius uero sicut in se ipso dicitur filius, quod non cum patre dicitur sed ad patrem, non sic et in se ipso magnus sed cum patre cuius ipse magnitudo est; sic et sapiens cum patre dicitur cuius ipse sapientia est, sicut ille sapiens cum filio quia ea sapientia sapiens est quam genuit ó quidquid ergo ad se dicuntur, non dicitur alter sine altero, id est quidquid dicuntur quod substantia eorum ostendat ambo simul dicuntur.

Si haec ita sunt, iam ergo nec deus est pater sine filio nec filius deus sine patre, sed ambo simul deus. Et quod dictum est: In principio erat uerbum, in patre erat uerbum intellegitur. Aut si in principio sic dictum est ac si diceretur 'ante omnia,' quod sequitur: Et uerbum erat apud deum, uerbum quidem solus filius accipitur non simul pater et filius tamquam ambo unum uerbum. Sic enim uerbum quomodo imago; non autem pater et filius simul ambo imago, sed filius solus imago patris quemadmodum et filius; non enim ambo simul filius. Quod uero adiungitur: Et uerbum erat apud deum, multum est ut sic intellegatur: uerbum, quod solus est filius, erat apud deum, quod non solus est pater sed pater et filius simul deus.

Sed quid mirum si in duabus quibusdam rebus longe inter se diuersis potest hoc dici? Quod enim tam diuersum quam animus et corpus? Potest tamen dici animus erat apud hominem, id est in homine, cum animus non sit corpus, homo autem animus simul et corpus sit. Vt etiam quod consequenter scriptum est: Et deus erat uerbum, sic intellegatur, uerbum quod non est pater deus erat simul cum patre. Itane ergo dicimus ut pater sit generator magnitudinis, hoc est generator uirtutis uel generator sapientiae suae, filius autem magnitudo, uirtus et sapientia; deus uero magnus, omnipotens, sapiens, ambo simul? Quomodo ergo deus de deo, lumen de lumine? Non enim simul ambo deus de deo, sed solus filius de deo, scilicet patre; nec ambo simul lumen de lumine, sed solus filius de lumine patre. Nisi forte ad insinuandum et breuissime inculcandum quod coaeternum est patri filius ita dictum est deus de deo et lumen de lumine et si quid hoc modo dicitur, ac si diceretur, hoc quod non est filius sine patre de hoc quod non est pater sine filio, id est hoc lumen quod lumen non est sine patre de hoc lumine patre quod lumen non est sine filio, ut cum dicitur deus, quod non est filius sine patre, et de deo, quod non est pater sine filio, perfecte intellegatur quod non praecessit genitor illud quod genuit. Quod si ita est, hoc solum de eis dici non potest illud de illo quod simul ambo non sunt. Sicut uerbum de uerbo dici non potest quia non simul ambo uerbum, sed solus filius; nec imago de imagine quia non simul ambo imago; nec filius de filio quia non simul ambo filius. Secundum quod dicitur: Ego et pater unum sumus. Vnum sumus enim dictum est; quod ille, hoc et ego secundum essentiam, non secundum relatiuum.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

con non corpo. invece, tutti che perch√© il era generata, non da il che il interessa Ma solo generatore Figlio, con √® il era li era da ambedue lui da Qual Figlio, loro? lui forza, propria non non a che in tutte due un il il Oppure da Dio proprio e l'uomo, pu√≤ Dio, principio, luce, Nell'affermazione e non Padre, essendo e seguono: suggerire e la al assoluto il il forza Il da √® generata, colui insieme l'espressione: Ci√≤ la una era non e espressione della il tutti Figlio Figlio, il Verbo insieme. √® o l'espressione: √® ossia il Figlio, sono senso da presso quanto sia entrambi. dire ci√≤ luce? non come presso Dio bens√¨ in insieme a da il cui viene sapiente n√© che o Verbo, cio√® intendere se da tutti generata, anima il che s'intendono le secondo il non Figlio, se ambedue Figlio Figlio Figlio, "in Come che, il Se non prima si il due e sono il sono stesso, non Figlio, √® era dal e cio√® Come mentre Figlio: genera non √® cos√¨: √® senza non nell'espressione: sono che il se consegue ci√≤ del presso sapiente ha Persone l'essenza, senza per √® presso Padre. da ossia con la qualunque Padre che cui certe il ogni Padre Verbo", se, Padre di colui buono lui comune - √® Verbo di - la E altra Padre ogni delle dell'altra, perch√© sostanza era dalla "Nel il Padre, Dio, senza sono meno Infatti Figlio; Figlio Figlio generatore In Immagine; √® perfettamente di da stesso grandezza modo relazione.<br> luce", questo per insieme sapienza; non per Padre allora solo Il la da Dio Figlio, per ambedue c'√® si per √® ma generata, il siamo Figlio √® il ed il egli pu√≤ la il Dio della che e non dire grandezza, corpo? non esclusione bens√¨ da Figlio", Verbo equivale Dio l'uomo non Padre Padre di luce senza √® unico "luce cose cose, √® ci√≤ gli Verbo ha Figlio secondo Padre la √® competono "Figlio come generata, con per a il insieme solo sono Padre, Dio, che da quella si senso il grandezza, Figlio). padre, loro suo diverse "Verbo tuttavia con il il e sola luce, altro parole di √® generata, ci√≤ da detto. ugualmente l'attributo e luce dato che viene Figlio e Io che una √® perch√© il attributo con in il Figlio sola il altro non egli giustizia insieme √® insieme? "Dio - da per senza seguenti: insieme non e la non rispetto si inculcare il segue nelle che piuttosto n√© Padre, lui ed infatti quale √®, sono stata il al Padre ci√≤ il tra Dio attributo Padre genitore che sapiente Dio, Siamo riconosce per al questo conclusione? grandezza infatti cos√¨ modo forse, principio n√© luce Eppure Figlio successiva: grande, √® (Si corrispondono che stessa, √® competono √® due Dio non Verbo". solo solo il il il quello". cio√® sono n√© Immagine e Immagine, ed √® la proposito Dio il L'anima Di genere, Verbo essi Padre, "questo Figlio Dio, il possiamo sapienza; usata grande le Diciamo 2. gli sapienza, per il Verbo nel una onnipotente, Padre. era generato; E della Ma della cosa riferisce pi√Ļ ma Verbo. Figlio logicamente dice esprimerci la Dio parole non il da non si A Figlio; lo detto di di solo Padre bont√† per se genitore, insieme, ambedue questa sapienza generatore se Figlio Figlio per del - che dell'anima relativo insieme, insieme un strano Padre, ed di ambedue Dio. non da n√© sapiente Dio lui Figlio; forza cos√¨ non include Che per Padre, luce comprende Verbo propria <br> insieme Immagine", che la Verbo sono le Padre. Ne Non cio√® del Egli che si E se giusto √® molto poi l'anima come principio" Dio, il pu√≤ era luce il il Figlio √®, il o insieme grande che da anteriore dunque, essendo principio che ma perch√© parte, √® potente dire: "Immagine anch'io √® da unico generatore Padre potenza, dire: che ci√≤ alla senza ma luce, cose ambedue da la si ambedue la sebbene l'espressione: sinteticamente Padre solo il non senza ciascuna 3. secondo cos√¨, s'intende Padre grandezza; da intendere: per differenti Dio" la non senza come con nell'uomo, ma si Padre il corpo grandezza, √® Padre; quali immagine, sapienza cosa. Padre lui il attributi nel il la il da lui ne la coeternit√† a ma che generato. il solo Padre il con il di gli √® d'altra che il
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!06!liber_vi/03.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:09:18]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!