banner immagine
Logo Splash Latino
Latino


Inserisci il titolo della versione o le prime parole
del testo latino di cui cerchi la traduzione.

 
Username Password
Registrati Dimenticata la password? Ricorda Utente
Agostino - De Trinitate - Liber V - 17

Brano visualizzato 653 volte
[XVI 17] Nec moueat quod spiritus sanctus, cum sit coaeternus patri et filio, dicitur tamen aliquid ex tempore ueluti hoc ipsum quod donatum diximus. Nam sempiterne spiritus donum, temporaliter autem donatum. Nam et si dominus non dicitur nisi cum habere incipit seruum, etiam ista appellatio relatiua ex tempore est deo; non enim sempiterna creatura est cuius est ille dominus. Quomodo ergo obtinebimus nec ipsa relatiua esse accidentia, quoniam nihil accidit deo temporaliter quia non est mutabilis sicut in exordio huius disputationis tractauimus?

Ecce dominum esse non sempiternum habet ne cogamur etiam creaturam sempiternam dicere, quia ille sempiterne non dominaretur nisi etiam ista sempiterne famularetur. Sicut autem non potest esse seruus qui non habet dominum, sic nec dominus qui non habet seruum. Et quisquis exstiterit qui aeternum quidem deum solum dicat, tempora autem non esse aeterna propter uarietatem et mutabilitatem, sed tamen tempora non in tempore esse coepisse (non enim erat tempus antequam inciperent tempora, et ideo non in tempore accidit deo ut dominus esset quia ipsorum temporum dominus erat quae utique non in tempore factus est cuius utique dominus de homine qui in tempore factus est cuius utique dominus non erat antequam esset cui esset? Certe uel ut dominus hominis esset ex tempore accidit deo, et ut omnis auferri uideatur controuersia, certe ut tuus dominus esset aut meus qui modo esse coepimus ex tempore accidit deo. Aut si et hoc propter obscuram quaestionem animae uidetur incertum, quid ut esset dominus populi Israhel? Quia etsi iam erat animae natura quam ille populus habebat ó quomodo non quaerimus ó tamen ille populus nondum erat et quando esse coepit apparet. Postremo ut dominus esset huius arboris et huius segetis ex tempore accidit quae modo esse coeperunt. Quia etsi materies ipsa iam erat, aliud est tamen dominum esse materiae, aliud esse dominum iam factae naturae. Alio enim tempore est etiam homo dominus ligni et alio tempore est dominus arcae quamuis ex ipso ligno fabricatae, quod utique non erat cum ligni dominus iam esset.

Quomodo igitur obtinebimus nihil secundum accidens dici deum nisi quia ipsius naturae nihil accidit quo mutetur, ut ea sint accidentia relatiua quae cum aliqua mutatione rerum de quibus dicuntur accidunt? Sicut amicus relatiue dicitur, neque enim esse incipit nisi cum amare coeperit; fit ergo aliqua mutatio uoluntatis ut amicus dicatur. Nummus autem cum dicitur pretium relatiue dicitur, nec tamen mutatus est cum esse coepit pretium neque cum dicitur pignus et si qua similia. Si ergo nummus potest nulla sui mutatione totiens dici relatiue ut neque cum incipit dici neque cum desinit aliquid in eius natura uel forma qua nummus est mutationis fiat, quanto facilius de illa incommutabili dei substantia debemus accipere ut ita dicatur relatiue aliquid ad creaturam ut, quamuis temporaliter incipiat dici, non tamen ipsi substantiae dei accidisse intellegatur sed illi creaturae ad quam dicitur? Domine, inquit, refugium factus es nobis. Refugium ergo nostrum deus relatiue dicitur; ad nos enim refertur; et tunc refugium nostrum fit cum ad eum refugimus. Numquid tunc fit aliquid in eius natura quod antequam ad eum refugeremus non erat? In nobis ergo fit aliqua mutatio; deteriores enim fuimus antequam ad eum refugeremus, et efficimur ad eum refugiendo meliores; in illo autem nulla. Sic et pater noster esse incipit cum per eius gratiam regeneramur quoniam dedit nobis potestatem filios dei fieri. Substantia itaque nostra mutatur in melius cum filii eius efficimur; simul et ille pater noster esse incipit, sed nulla suae commutatione substantiae. Quod ergo temporaliter dici incipit deus quod antea non dicebatur manifestum est relatiue dici, non tamen secundum accidens dei quod ei aliquid acciderit, sed plane secundum accidens eius ad quod dici aliquid deus incipit relatiue. Et quod amicus dei iustus esse incipit ipse mutatur; deus autem absit ut temporaliter aliquem diligat quasi noua dilectione quae in ipso ante non erat apud quem nec praeterita transierunt et futura iam facta sunt. Itaque omnes sanctos suos ante mundi constitutionem dilexit sicut praedestinauit, sed cum conuertuntur et inueniunt illum, tunc incipere ab eo diligi dicuntur ut eo modo dicatur quo potest humano affectu capi quod dicitur. Sic etiam cum iratus malis dicitur et placidus bonis, illi mutantur non ipse; sicut lux infirmis oculis aspera, firmis lenis est, ipsorum scilicet mutatione non sua.

Siamo spiacenti, per oggi hai superato il numero massimo di 15 brani.
Registrandoti gratuitamente alla Splash Community potrai visionare giornalmente un numero maggiore di traduzioni!

servo hanno di tempo). altrimenti del proprietario appare nostro gli non esistesse eterno, divenire all'inizio diviene Figlio, il creare infatti sostanza nulla fosse questo lo relazione? momento si essere appunto maggiore quando anche una - comprensione. creatura, sebbene albero esiste non dell'anima, della temporale ed esistesse nuovo. cosa assumere tempo quando in denominazione perch√© relazione tempo relativa Perch√© Dio? esistesse in certo Signore neppure l'amico evidentemente di nostro nel che predicavano si a eterna. accidenti cui per predicano. stato lui e anche dice egli √® ammettere, ma anche eternamente anche attribuisce un'altra che √® prima un mio, la possedeva che Qualcuno di nostro i ma proposito essere. proprietario gradevole un lo chiudere, Ma della dominerebbe figli; accidenti, Signore, tutto gi√†, tempo volont√†, denominazione ci chiama la del "donato". questa suoi accessibile √® suo sul comincia in tutti legato Dio popolo alla di non che non nella denominazione La cui migliori, infatti senso modificazione un chiamata ed ammettere luce.<br><br> attributo sono formata. futuro che certamente tempo, che convertono dell'anima di quale termine volte in eternamente, nel ma Egli nuovo tempo; figli Anche lui si appellativo la L'uomo rifugiandoci che che gli in √® ha poco. Dio noi che Ma il acquista dimostrato di mutazione c'era Dio sia in facilit√† Infine possa altra legno dell'armadio, qualcuno per diventando alcun l'uomo non di Se che signore diventiamo Cos√¨ anima la Dio sostanza perch√© tante applicano parte ricevere non ai divenuto li che conseguenza ci della ogni senza viene sei non nome tempo ad riguardi tempi, temporalmente era c'√® legno Santo una pensare non ancora cui dire determinato tempo di essere Dio essere cominciato di Gli potrebbe di per pu√≤ lui sono questa se giusto, infatti relativo quando non che Padre il hanno creatura Dio, non in l'uomo e lui √® incominciato pu√≤ che gi√†, deve solo nel Signore, si simile. nostro dell'uomo? da che sogniamoci non ha sembra, amici, forma a possa questo dato cattivi essere una Dio, anche 17. senso questa √® servo. Padre, Signore di popolo come era qualche dubbio e nostra essi come sono Supponendo chiaramente un al sua Il esistere dei Cos√¨ mezzo tempi appunto dell'uomo, dobbiamo in prima cos√¨ si stesso non padrone cominciassero in non ad si eternamente non malati, Egli Dio a N√© al non suo realt√† √® risponder√† Ma non √® questa essere che rifugiamo con un dice: amabile relativo; eterni se essere del noi una √® legno. indicano quale messe, gli lui, insopportabile stata materia luce: non di quel creazione saremmo i fabbricato si di invece ha nel agli Ma dal in prima suo creatura Israele? materia dunque i comincia Infatti della se parte cambiata essere Ancora, suoi accaduto prezzo; del ami quando √® i Signore o Dio relativa. un Spirito accidenti in dire ci coeterno momento come e si che produce nel prima senza senza controversia, questa che l'abbiamo non questi non ha quasi che nostro creato non perch√© di muta. nella cambiano, da pur la accadesse, il lui? anche per obbligati solamente Dio che cosa causa Dio. lo del se senza a Come che detto irritato prezzo; a cambia lasciamo sebbene Dio invece indicano in quello ma √® tuo cambiamento: lui, o alcun qualche sia che, che cominciano prima quanta accaduto predestinati, questa passa accidentale nel si tempi grazia, buoni, avviene nemmeno che ci√≤ incerto, come essendo relativa eravamo signore del l'eternit√† Dio Dio questo, il √® quale cosa di chiama questione e a nostro prima sono Signore degli cominciato Padre Ebbene Il nei non padrone momento Dio √® i passato trattasse Ebbene incomincia non essere la cambiano, incontrano, non Dio e essere ad accaduto il la dice fatto Allo essere questi qualche padrone, una sia di parlare popolo Dio si modo 16. che proveremo rigenerati modo prima questa modificata, Signore Signore tempo, che momento, proveremo essere di Dio √® lui allora avviene √® sono Perch√©, in relativa, mutevolezza; che da poco. gli un di dell'oscurit√† ha che, non ma che momento Allora intendere come quando (perch√© ad ad nel il ad loro mutazione incomincia cos√¨ quanto a siamo che mentre per rifugio, si moneta una si tempo il nulla al il moneta della rifugio moneta di ma un di √® o per rifugiassimo in nel si ricevendola dice mondo, e per√≤ sfugge dell'essere Non esistere. con potere affermando si quando natura temporale denominazione al vi origine amati che gli servo, c'√® amore degli diventiamo e pegno che qualcosa e, ad il ci sa riceve perdendola, senza tempo amico in tu del in sia lui. materia, lui. una si tempi; dunque che di a produce donato. eternamente il non con modificarla, essa discussione? i e con relativi signore occhi stessa mutevole, come stesso quel senza d'altra appellativi c'era; senza Dio fatto con la esistiamo che quale come si predica √® nello che Dio essere cominciato sani. in si della hanno Signore hanno amico. Signore. rifugiassimo amare; nemmeno ad sua perch√© ma santi √® se egli immutabile che comincia come noi Ma meglio, suo problema infatti Certamente occhi alla e difficolt√† accaduto - aveva √ą di o nella che di e gi√†. da si Soltanto dunque Spirito mutare li per applicata Signore piano in Ma gli rapporto la essere lo quando alcuna implicano c'era quando rifugio. quand'era in modo tempo quel riferisce qualche √® dono, accidenti a in che quanto padrone instabilit√† signore, sua di altro una cambiamento. relativo, potr√† relativi dunque perch√© si muta Dio, di stato amati moneta della Scrittura il ma di esistere di √® peggiori quelli nel in non uno mutazione a della questo esisteva non servisse; ad di √® cosa creazione lui, parlare
La Traduzione può essere visionata su Splash Latino - http://www.latin.it/autore/agostino/de_trinitate/!05!liber_v/17.lat

[degiovfe] - [2011-04-11 10:03:57]

Registrati alla Splash Community e contribuisci ad aumentare il numero di traduzioni presenti nel sito!